L'India aumenta le importazioni di carbone dalla Russia. Può assorbire acquisti UE

L'India aumenta le importazioni di carbone dalla Russia. Può assorbire acquisti UE

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il carbone russo, la cui importazione nell'UE è finita sotto le sanzioni imposte dall'Occidente in risposta all'operazione militare di Mosca in Ucraina, sembra aver già trovato un nuovo grande acquirente: l'India. Gli esperti sottolineano che Nuova Delhi sarebbe in grado di assorbire una parte significativa dei volumi europei.

Secondo i dati della società di analisi delle materie prime Kpler, le importazioni di carbone indiano dalla Russia sono salite a marzo a livelli che non si vedevano da più di due anni. Matthew Boyle, un analista senior della società, ha detto che Nuova Delhi ha acquistato 1,04 milioni di tonnellate di carbone, il livello più alto dal gennaio 2020. L'esperto ha riferito che circa due terzi del volume di marzo proveniva dai porti dell'Estremo Oriente russo.

Nelle parole del capo della ricerca sulle materie prime minerarie ed energetiche della Commonwealth Bank of Australia, Vivek Dhar, "i mercati sospettano che l'India e la Cina possano aumentare le importazioni di carbone dalla Russia, compensando parte dell'impatto del divieto formale dell'Unione Europea sulle importazioni di carbone russo". 

L’aumento delle importazioni di carbone russo sono date ancora in aumento. Sibanthracite Group, produttore russo di antracite UHG di alta qualità e carbone metallurgico, ha registrato un aumento del 140% delle forniture all'India. La Russia soddisfa solo il 2,5% delle importazioni di carbone da coke indiano.

Secondo i risultati finanziari della società della prima metà dell'anno, Sibanthracite ha aumentato le vendite di carbone in India del 140% rispetto allo scorso anno. Nel 2021, la produzione di Sibanthracite è aumentata del 22% – a 10,4 milioni di tonnellate, di cui l'antracite rappresenta 6,3 milioni di tonnellate, e carbone di grado metallurgico T – 4,1 milioni di tonnellate, secondo Kommersant.

Secondo Sibanthracite, l'India prevede di aumentare significativamente la produzione di acciaio e ha bisogno di carbone metallurgico. A marzo, Sibanthracite ha iniziato a spedire carbone di oltre 160mila tonnellate su navi dal porto di Taman.

La Russia è il sesto maggiore fornitore di cokeria e carbone termico dell'India; potrebbe offrire prezzi più competitivi agli acquirenti cinesi e indiani poiché i clienti europei e di altro tipo evitano la Russia a causa delle sanzioni. I traders hanno affermato che l'aggiunta di un accordo commerciale rublo-rupia potrebbe agevolare il commercio bilaterale.

Il ministro dell’Acciaio indiano, Ramchandra Prasad Singh, ha annunciato alla fine di marzo che il suo paese prevede di raddoppiare le importazioni di carbone da coke russo, un ingrediente chiave nella produzione di acciaio. Ha affermato che l'India stava importando fino a 4,5 milioni di tonnellate, ma non ha specificato a quale periodo si riferiva. In confronto, nel 2021 l'UE ha acquistato 48,7 milioni di tonnellate di carbone termico e da coke dalla Russia, aumentando negli ultimi mesi il suo volume di approvvigionamento a 5 milioni di tonnellate di carbone al mese.

"La crescita delle spedizioni in India è una crescita da una base molto bassa. Ma le consegne sono ancora impressionanti", ha commentato Sergey Kondratiev, vice capo del dipartimento economico presso l'Istituto russo di energia e finanza, sottolineando che l'India potrebbe potenzialmente sostituire gli acquisti europei, soprattutto se ottiene uno sconto.

Kondratiev ha sottolineato che oggi il fattore economico sarebbe un elemento chiave nelle relazioni commerciali con l'India, trattandosi di un Paese in via di sviluppo. "Per l'India, gli sconti sia sul petrolio che sul carbone sono semplicemente vitali", ha osservato l'esperto. Nelle sue parole, il Paese ha bisogno di risorse energetiche che abbiano un costo minimo per mantenere bassi i prezzi di consumo per la sua popolazione.

I paesi in via di sviluppo hanno poche opzioni: aumentare i prezzi e affrontare gravissime conseguenze sociali ed economiche, oppure sovvenzionare i prezzi dell'energia con quel che ne consegue sui bilanci statali.

Kondratiev ha anche parlato del cosiddetto rischio geopolitico per gli importatori. “Ci sono alcuni consumatori privati ??in India. Prestano maggiore attenzione agli sconti, ma a differenza delle aziende statali hanno maggiori probabilità di temere minacce di sanzioni da parte degli Stati Uniti e dell'Europa a causa della cooperazione con le aziende russe”. 

Tuttavia, nel caso in cui New Delhi "dimostra carattere a causa delle pressioni statunitensi, dopo un po' sarà in grado di impossessarsi della quasi totalità delle nostre esportazioni di carbone nell'UE”, spiega la compagnia russa di investimenti Freedom Finance.

Insomma, il mondo cambia e le sanzioni imposte alla Russia non sono forse così efficaci e devastanti come nei piani occidentali che immaginavano di piegare Mosca a livello economico.  

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Donetsk. Assassinata a 10 anni con le armi Nato di Marinella Mondaini Donetsk. Assassinata a 10 anni con le armi Nato

Donetsk. Assassinata a 10 anni con le armi Nato

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini