World Affairs/L'ISIS è stato sconfitto è tempo che gli Stati Uniti si ritirino ...

L'ISIS è stato sconfitto è tempo che gli Stati Uniti si ritirino dalla Siria

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Di Daniel R. DePetris*  - Military.com
 
Alla fine di marzo 2019, gli Stati Uniti e loro partner delle forze democratiche siriane hanno fatto un annuncio storico: dopo mesi di combattimenti, l'ultimo frammento di territorio dello Stato Islamico nella polverosa frazione siriana di Baghouz è stato finalmente riconquistato . La resa di massa dei combattenti dello Stato islamico e l'eliminazione del califfato territoriale dell'ISIS furono il culmine di oltre quattro anni di attacchi aerei statunitensi e operazioni di terra da parte di fazioni curde e arabe.
 
Sedici mesi dopo l'annuncio, centinaia di truppe statunitensi rimangono schierate nella Siria nord-orientale, una delicata porzione del paese afflitto dalla guerra che ospita una serie variegata di forze, tra le quali truppe turche e russe, milizie siriane alleate, forze curde e resti del defunto califfato ISIS.

Con così tante forze nelle immediate vicinanze, gli incidenti sono destinati ad accadere. Alcuni hanno portato a significativi scontri armati, il più grave che si è verificato nel 2018, quando un lungo scontro ha costretto le forze statunitensi indebolite a scontrarsi i mercenari russi con la forza aerea.
 
Fortunatamente, nessuna truppa americana è stata uccisa o ferita durante l'incidente del 2018. Tuttavia, quanto più lungo rimane il personale americano in Siria, tanto più è probabile che una famiglia militare americana si trovi in attesa di una chiamata di condoglianze.
 
Le alterazioni tra Washington e Mosca nel nord-est della Siria stanno diventando più frequenti. Il 18 luglio, Brett McGurk, ex inviato presidenziale della coalizione contro l'ISIS, ha twittato un breve video di veicoli militari russi che si rifiutavano di consentire a due vettori militari statunitensi di continuare il loro viaggio. L'ultimo incidente è avvenuto dopo che alcuni rapporti all'inizio dell'anno descrivevano una Russia più assertiva che stava testando la risposta dell'esercito americano facendo volare deliberatamente aerei russi in aree in cui opera il personale americano.
 
Il Pentagono ha la tendenza a respingere le alterazioni tra Stati Uniti e Russia come incidenti isolati. Come ha detto ai giornalisti il maggiore generale Air Force Kenneth Ekman il 22 luglio, "È molto raro che un malinteso [tra forze statunitensi e russe] scateni emozioni più alte o una sorta di molestia tra i due gruppi di forze".

Tuttavia, concentrarsi sull'efficacia del canale di deconflizione o sul modo in cui Mosca si comporta è come perdere la foresta per gli alberi. La questione di maggiore preoccupazione per i politici statunitensi dovrebbe essere il motivo per cui centinaia di truppe statunitensi sono di stanza in Siria in primo luogo, quasi un anno e mezzo dopo la distruzione del califfato territoriale dell'ISIS.
I funzionari statunitensi in genere giustificano la presenza americana in corso come strumento necessario per garantire che l'ISIS non risorga nell'area. Ma questi stessi funzionari sono riluttanti a riconoscere che gli Stati Uniti non sono l'unico potere con un incentivo a mantenere imbottigliato questo gruppo terroristico.
 
Il governo siriano, i curdi, le forze tribali arabe, la Russia, l'Iraq, l'Iran e la Turchia potrebbero non essere d'accordo su una litania di questioni su come governare la Siria, chi dovrebbe finanziare la ricostruzione del paese e se Bashar al-Assad dovrebbe rimanere o andare. Ognuno di loro, tuttavia, concorda sul fatto che impedire all'ISIS di bloccare le campagne siriane e irachene come nel 2014 è nel loro interesse per la sicurezza nazionale. In effetti, se esiste un unico problema di sicurezza su cui i governi regionali possono accordarsi, sta privando l'ISIS di spazio per operare ed espandersi.
L'establishment di politica estera a Washington, DC, continua a parlare della Siria come se fosse un nodo critico in un lungo gioco geopolitico tra Washington e i suoi avversari russi e iraniani. 
 
La realtà è molto meno drammatica: la Siria, nel suo decimo anno di guerra, è un paniere economico con ben poco da offrire agli Stati Uniti. 
 
Il valore complessivo della Siria è inferiore a marginale rispetto a Washington o alla sua capacità di proiettare potere in Medio Oriente quando richiesto.
 
Le relazioni USA-Siria non sono mai state particolarmente forti all'inizio. La relazione è stata caratterizzata dall'ostilità almeno dagli anni '70, quindi lo scenario altamente plausibile di una vittoria del regime di Assad è meno uno sviluppo consequenziale nella regione e più come un ritorno allo status quo ante. Sostenere che l'Iran e la Russia hanno vinto in Siria non solo scontano quanto sarà difficile per loro gestire quello che ora è diventato un disastro completo e assoluto, è anche ignorante della storia e ignora il fatto che Teheran e Mosca hanno avuto una relazione strategica con Damasco per decenni.
 
I vantaggi di mantenere una presenza di truppe statunitensi in Siria non valgono semplicemente i costi. Ogni giorno che passa, gli Stati Uniti avanzano di un passo lungo la strada è logorante. I politici americani nel frattempo perdono di vista l'obiettivo originale. 
 
Secondo l' ammissione dell'ex consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton , la politica americana in Siria ora riguarda più il contenimento del potere iraniano nel paese che la lotta contro l'ISIS - un cambiamento nella missione che non è stato né discusso su Capitol Hill né dato la seria deliberazione politica meritato.
Ci sono troppi casi nella storia recente in cui il completamento con successo di una missione passa a una serie di obiettivi completamente nuovi. 
 
Proprio come la guerra in Afghanistan è rapidamente precipitata in un'operazione di contro insurrezione e costruzione della nazione da trilioni di dollari, il coinvolgimento militare degli Stati Uniti in Siria è ora prefissato per impedire all'Iran di raccogliere il presunto bottino - bottino che include un'economia siriana in bancarotta, $ 400 miliardi di danni alle infrastrutture, un regime tutt'altro che unificato a Damasco che dipende da forze straniere per mantenersi al potere e una valuta siriana che sta perdendo una quantità significativa del suo valore.
 
L'esercito americano non è responsabile dei problemi politici o economici interni alla Siria, che probabilmente richiederà decenni per risolversi. L'amministrazione Trump dovrebbe ordinare le truppe americane a casa prima che si perda un'altra vita americana .
 
(Traduzione de LantiDiplomatico)
 
*Membro della Defense Priorities ed editorialista del Washington Examiner.
 
Fonte: Foto AP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa