Siria e dintorni/L'Oman primo stato arabo a riportare il suo ambasciatore in Siria

L'Oman primo stato arabo a riportare il suo ambasciatore in Siria

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Il Sultanato dell'Oman ha inviato un ambasciatore in Siria, diventando il primo paese arabo del Golfo a farlo dopo che questi paesi hanno ridotto o chiuso le loro missioni a Damasco nel 2012.
 
Oman è uno dei pochi paesi arabi a mantenere relazioni diplomatiche con il governo del presidente Bashar al-Assad dopo le proteste del 2011, nonostante le pressioni degli Stati Uniti e di altri alleati del Golfo.
 
 
 
 

L'agenzia di stampa dell'Oman ha affermato che il ministro degli Esteri siriano ha ricevuto ieri le credenziali dell'ambasciatore dell'Oman, Turki bin Mahmoud Al Busaidi, che è stato nominato alla carica con un decreto reale a marzo.

L'Oman ha tenuto aperta la sua ambasciata, e così ha fatto il Bahrain. Il sultano Haitham bin Tariq, dopo aver assunto il potere a gennaio, si è impegnato a continuare a stabilire relazioni amichevoli con tutti i paesi.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno riaperto la loro missione a Damasco alla fine del 2018 con un incaricato d'affari.
 
Il Kuwait ha detto che riaprirà la sua missione a Damasco se questo sarà concordato nella Lega araba, che ha sospeso l'adesione della Siria nel 2011.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa