L'omicidio economico dell'Italia: ce lo chiede l'Europa

L'omicidio economico dell'Italia: ce lo chiede l'Europa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L’OMICIDIO ECONOMICO DI UN PAESE

Secondo quei fenomeni del FMI, l’economia italiana nel 2022 sta andando troppo bene. Più di Stati Uniti, Germania o Spagna. E infatti assegna all’Italia un output gap dello 0,4% rispetto allo 0,0% degli Stati Uniti, al -0,5% della Germania e al -0,6% della Spagna.

Ricordiamo brevemente di cosa stiamo parlando. 

L'output gap - secondo i deliri della Commissione europea e di altre istituzioni come il FMI appunto - è la differenza tra il PIL effettivo e il PIL potenziale. Con quest'ultimo si intende il PIL che si avrebbe se l'economia stesse operando al massimo potenziale, sfruttando tutti i suoi fattori produttivi.

Di conseguenza, un output gap positivo significa che l'economia sta operando “al di sopra delle proprie capacità” (vi ricorda qualcosa?), col rischio di generare spirali inflazionistiche. 

Mentre un output negativo che sta operando al di sotto delle proprie possibilità. Che è poi quello che facciamo da 30 anni, da quando cioè siamo entrati nell’Unione Europea e nell’Eurozona.

Secondo il FMI nonostante il crollo della domanda, nonostante il crollo della produzione, nonostante il crollo dei consumi, con 16 milioni di italiani tra disoccupati e inattivi e altrettanti in condizioni di povertà, alle soglie dell’ennesima recessione, l’Italia sta andando troppo bene. Quindi deve rallentare la propria economia.

È su queste stime e su questi parametri insensati che la Commissione Europea decide lo spazio fiscale di un Paese. 

Quindi indovinate che cosa ci aspetta con un output gap positivo? Esatto! Ancora tagli alla spesa pubblica e politiche deflazionistiche dal lato della domanda.

Ce lo chiede l’Europa!

[nel grafico è possibile osservare l'andamento del PIL reale di Italia, USA, Germania e Spagna dal 2000 a oggi]

Gilberto Trombetta

Gilberto Trombetta

43 anni, giornalista politico economico e candidato Sindaco di Roma con la lista Riconquistare l'Italia del Fronte Sovranista Italiano

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta di Giuseppe Masala Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti