L'opposizione venezuelana va alle elezioni interne dopo 5 anni di golpismo: cosa succede adesso?

L'opposizione venezuelana va alle elezioni interne dopo 5 anni di golpismo: cosa succede adesso?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Ociel Alí López - RT

Dopo aver dichiarato per cinque anni il percorso insurrezionale, l'astensione elettorale e il disprezzo per l'istituzionalità dello Stato venezuelano, finalmente tutti i settori dell'opposizione, compresi quelli più radicali di Voluntad Popular (di Leopoldo López) e Vente Venezuela (di María Corina Machado) - entrambi apertamente pro-interventisti -, sono tornati al percorso elettorale e si sono iscritti al processo di elezione di un candidato unico della Piattaforma Unitaria (PU), organizzato dalla Commissione Nazionale delle Primarie (CNdP), e quindi partecipano in modo unitario alle presidenziali del 2024 organizzate dal Consiglio Nazionale Elettorale (CNE), l'organo ufficiale venezuelano che non avevano riconosciuto.

Sabato, dopo una proroga e molte voci, il processo è culminato, lasciando 14 pre-candidati registrati (e due assenti illustri), che si sfideranno il 22 ottobre per la posizione di candidato dell’opposizione. 

Recentemente, in seguito alle dimissioni dei rettori del Consiglio Nazionale Elettorale, il CNdP ha deciso di svolgere il suo processo elettorale interno senza la partecipazione dell’ente, il che significa che non avrà il sostegno dell'istituzione, ma sarà organizzato in modo autogestito.

Questa risoluzione ha sollevato dubbi sulla partecipazione di diversi candidati, alcuni dei quali hanno denunciato una sorta di primarie "VIP" che limiteranno fortemente la partecipazione, soprattutto dei settori più esclusi, la maggioranza nel Paese caraibico, a causa del minor numero di centri e seggi elettorali che potranno essere installati senza l’intervento del CNE.

I grandi assenti

A causa della diatriba già citata, due dei principali pre-candidati hanno scelto di non iscriversi alle elezioni. Uno di questi è Benjamín Rausseo, il famoso comico "outsider". Sebbene non abbia rilasciato dichiarazioni per spiegare la sua posizione, si presume che manterrà la sua aspirazione al di fuori dell'ambiente della PU, il che significa una spaccatura nelle forze di opposizione, poiché la sua scissione dimostra che non è stata raggiunta una perfetta unità e che un candidato dell'opposizione, ben posizionato nei sondaggi, potrebbe montare un gazebo separato.

L'altro assente è un importante leader: Manuel Rosales, un ex candidato alla presidenza che ha appena conquistato il principale Stato del Paese (Zulia) nelle elezioni regionali del 2021 e il cui partito, Un Nuevo Tiempo (UNT), ha registrato un altro candidato, José Hernández (sconosciuto a livello nazionale), a condizione che possa sostituirlo entro un mese.

Rosales potrebbe quindi essere ancora candidato, ma ha espresso il suo disaccordo con la rottura del CNdP con il CNE. Il segretario generale del partito, Luis Emilio Rondón, ha dichiarato: “Non può essere una comparsa. Il nostro principale leader, il governatore dello Stato di Zulia, ha chiesto un periodo di tempo necessario, prudente, indispensabile, affinché questa offerta elettorale possa essere concretizzata e i venezuelani possano scegliere liberamente".  

L'altro pre-candidato la cui iscrizione era in dubbio, Henrique Capriles, di Primero Justicia (PJ), ha finalmente fatto la mossa dell'ultimo minuto. Qualche giorno fa, Capriles aveva dichiarato sulla stessa linea di disaccordo: "O sono primarie per tutti, o sono primarie 'VIP'. Non vogliamo primarie 'VIP', vogliamo primarie in cui i più poveri del nostro Paese, quelli che vivono nei settori popolari del nostro Paese, abbiano la possibilità di partecipare", ha detto in una conferenza stampa.

Queste affermazioni sono legate al vantaggio che María Corina Machado, del partito Vente Venezuela, trae dallo stallo dei negoziati della PU con il CNE, dovuto al limitato spazio di manovra che la coalizione di opposizione avrebbe per organizzare un evento ampio e partecipativo, che non si riduca alle roccaforti dell'opposizione (settori urbanizzati delle grandi città) che sarebbero privilegiate nell'attivazione dei centri di voto, escludendo così vasti territori dove solo le macchine di partito hanno la capacità di mobilitarsi. In questo modo, i principali partiti sono svantaggiati: PJ e UNT.

Machado aveva già ottenuto una vittoria interna quando il CNdP aveva accettato di consentire il voto ai venezuelani all'estero, che non hanno la possibilità di votare alle elezioni presidenziali per vari motivi, tra cui la mancanza di consolati e ambasciate venezuelane nei vari Paesi in cui la commissione ha aperto la registrazione degli elettori.

Allo stato attuale, l'unità dell'opposizione, obiettivo principale delle primarie, non si è ancora realizzata. Resta da vedere se Rosales vi parteciperà finalmente e se Capriles manterrà la sua partecipazione in un ipotetico evento ridotto o limitato. Entrambi i settori, così come altri partiti e movimenti più moderati, potrebbero raggiungere accordi per lanciare una candidatura di consenso al di fuori del processo del CNdP.

Per il momento, stiamo assistendo a una campagna che è già iniziata e che si intensificherà nei poco più di tre mesi che mancano alla competizione interna che, come è noto, non unirà tutta l'opposizione.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti