Lotta all'Isis o sfida alla Russia? La portaerei inglese Queen Elizabeth verso le basi russe in Siria

Lotta all'Isis o sfida alla Russia? La portaerei inglese Queen Elizabeth verso le basi russe in Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La portaerei britannica Queen Elizabeth, con altre tre navi, si sta muovendo attraverso il Mediterraneo orientale verso le basi russe in Siria, una situazione che potrebbe certamente creare tensioni dell'area.

A riferire la notizia il portale russo Avia-pro il quale ha riportato la presenza della portaerei britannica Queen Elizabeth nelle acque del Mediterraneo faccia parte delle provocazioni britanniche dirette contro le installazioni militari russe, al largo della Siria.

Ciò avviene, secondo gli esperti, in un momento in cui due incrociatori missilistici, una fregata missilistica e probabilmente un sottomarino - tutti russi - dovrebbero raggiungere l'area in cui si trova la portaerei britannica.

"La Russia non ha nulla contro la portaerei britannica che si trova nel Mediterraneo [...] Tuttavia, la Russia darà una risposta immediata alle provocazioni britanniche", hanno riferito gli esperti citati dal portale.

Hanno anche indicato che la Russia dispone di apparecchiature di guerra elettronica situate sia nella base aerea di Khmeimim che nella base navale di Tartus per disattivare rapidamente i radar e i sistemi principali della maggior parte delle portaerei.

Lo scorso maggio il Regno Unito ha deciso di inviare aerei da combattimento nel Mediterraneo per attaccare i terroristi dell'ISIS in territorio siriano e iracheno. 

La Queen Elizabeth guida la flotta d'attacco, dopo aver lasciato la sua base a Portsmouth.

Secondo i media inglesi, I comandanti della Royal Navy britannica affermano che la più recente portaerei del Regno Unito, la HMS Queen Elizabeth, sta aiutando a fare la "parte del leone" delle operazioni contro il gruppo dell'Isis in Iraq ma, allo stesso tempo "ha anche suscitato l'interesse degli aerei da guerra russi, che cercano di tenere d'occhio il suo jet F-35 all'avanguardia in un gioco 'gatto e topo' con piloti britannici e statunitensi.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

A voi che vi indignate per le parole di Renzi... di Paolo Desogus A voi che vi indignate per le parole di Renzi...

A voi che vi indignate per le parole di Renzi...

Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio! di Giorgio Cremaschi Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio!

Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio!

Lo Stato stratega, motore del successo cinese   di Bruno Guigue Lo Stato stratega, motore del successo cinese

Lo Stato stratega, motore del successo cinese

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti