Luci ed ombre sulla pace in Corea

Luci ed ombre sulla pace in Corea

Kaesong, la fine delle esercitazioni Foal Eagle e la condanna al cittadino americano Kenneth Bae

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La situazione nella penisola coreana della settimana ha alternato momenti di disgelo a nuove gravi frizioni.
La chiusura di Kaesong è proceduta attraverso toni concilianti. Gli ultimi lavoratori della Corea del sud hanno lasciato mercoledì l'impianto industriale congiunto, costruito nel 2004 a 10 Km dal confine come raro simbolo di una cooperazione possibile tra i due paesi. Seul aveva proceduto all'evacuazione della maggior parte dei suoi cittadini lunedì, ma sette ufficiali erano rimasti volontariamente per concludere le ultime pratiche burocratiche, in particolare il pagamento di imposte arretrate e stipendi per I lavoratori nord coreani. Questo ha permesso di ottenere un attegiamento conciliante di Pyongyang che non ha chiuso definitivamente le porte ad una possibile riapertura di un impianto industriale che dava lavoro ad oltre 50 mila nord coreani e rappresentava la principale fonte di riserva in vluta estera per il regime di Kim Yong-un.
Gli Stati Uniti e la Corea del sud hanno poi annunciato la fine delle esercitazioni militari congiunte, una delle ragioni principali dell'escalation delle tensioni con Pyongyang. Dopo due mesi di esercitazioni navali, aerei e di terra, con oltre 10 mila truppe ed un enorme numero di personale sud coreano coinvolto, la cosiddetta "Foal Eagle" è cessata. Secondo l'editoriale del giornale ufficiale del regime nord coreano Rodong Sinmun di lunedì, le esercitazioni rappersentano il principale fattore per spingere la situazione sulla penisola coreana sull'orlo della guerra nucleare.
Attraverso la tv di stato KCNA, infine, la Corea del Nord ha annunciato di aver condannato il cittadino americano Pae Jun-ho - o Kenneth Bae per il passaporto statunitense - a 15 anni di lavori forzati. In carcere dal novembre scorso per essere entrato illegalmente nel paese come turista dalla città portuale di Rason, una zona economica speciale al confine con la Cina, Pae è stato accusato da Pyongyang di tentata sovversione contro il governo. Secondo la ricostruzione fatta da attivisti sud coreani e riportata giovedì dal sito della Bbc, inoltre, la vera ragione dell'arresto di Pae andrebbe ricercata in alcune foto scattate dal cittadino americano che testimoniavano lo stato di malnutrizione drammatica di alcuni bambini nel paese. Dura ed immediata la reazione del Dipartimento di stato.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti