Lukashenko: «I servizi occidentali dietro agli eventi in Bielorussia e Kazakistan»

Lukashenko: «I servizi occidentali dietro agli eventi in Bielorussia e Kazakistan»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko ha paragonato i recenti eventi accaduti in Kazakistan alle proteste in Bielorussia nel 2020, affermando che dietro queste proteste volte al regime change si cela la stessa mano.

"Dietro tutti questi eventi ci sono alcuni paesi. Nell'agosto 2020, questi Stati (li conoscete e conoscete i loro fantocci) hanno agito qui, in Bielorussia. Il caos è stato creato dai loro servizi speciali. Noi li conoscevamo. Non si sono nascosti. Ma hanno fallito”, ha affermato il presidente bielorusso secondo quanto riporta l’agenzia BelTA. 

Lo stesso copione è stato ripetuto in Kazakistan: “Sono stati i servizi speciali a lavorare in Kazakistan, e loro (gli Stati interessati) non si sono esposti. Hanno lavorato in silenzio. Organizzare eventi di tale portata in un paese così grande come il Kazakistan in un giorno? Non funziona così", ha detto il leader bielorusso.

Inoltre in Kazakistan ci sono in ballo gli interessi di grandi aziende transnazionali. “Pertanto, è stato dato l'ordine di non avere fretta, di agire con calma. Passato il polverone si sarebbero fatti avanti (sto citando un rapporto della nostra intelligence nei primi giorni degli eventi)", ha notato il presidente. "Kazakistan e Bielorussia sono punti focali. Noi siamo in Europa e loro in Asia centrale”, ha spiegato Lukashenko. 

"Il Kazakistan avrebbe potuto essere usato per diffondere il caos sulla Russia. Potevano usarlo per compensare il fiasco dell'Afghanistan degli Stati Uniti e per influenzare non solo la Cina, ma l'intera Asia. Pertanto, la posta in gioco era alta", ha continuato il presidente.

Tenendo conto di questo i dei paesi del CSTO hanno deciso di inviare forze di pace in Kazakistan. "Abbiamo deciso di intervenire. Nella prima conversazione con Putin gli ho detto che 'una volta atterrati lì la situazione cambierà'. Questo è quello che è successo”, ha rivelato Lukashenko. 

Parlando delle differenze tra gli eventi nei due paesi, Aleksandr Lukashenko ha dichiarato che, nel complesso, non ce ne sono: "Tutto era uguale. Solo che in Kazakistan si sono mantenuti nascosti”. A questo proposito, il presidente ha sottolineato che è importante rimanere vigili, per mantenere la situazione sotto controllo: “"Non possiamo abbassare la guardia". 

Di interventi stranieri in Kazakistan ha parlato anche il Segretario Generale dell'Organizzazione del Trattato per la Sicurezza Collettiva (CSTO), Stanislav Zas, il quale ha affermato che durante i disordini in Kazakistan c'erano gruppi ben organizzati che perseguivano obiettivi terroristici.

“Gruppi di natura criminale: banditi, predoni, ma anche gruppi armati organizzati che perseguivano altri obiettivi, si potrebbe dire, obiettivi terroristici", ha affermato il segretario generale della CSTO in un'intervista a Belarus 1 TV. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo