L'Unione Europea chiede una "riflessione" sulla vaccinazione obbligatoria

L'Unione Europea chiede una "riflessione" sulla vaccinazione obbligatoria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha dichiarato oggi che è giunto il momento per l'Unione europea (Ue) "potenzialmente di pensare alla vaccinazione obbligatoria" contro il covid-19, tenendo conto della diffusione della variante "altamente contagiosa " omicron.

"Come possiamo incoraggiare e potenzialmente pensare alla vaccinazione obbligatoria all'interno dell'Unione Europea ? Questo ha bisogno di una discussione. Questo ha bisogno di un approccio comune, ma è una discussione che penso debba essere affrontata", ha detto Von der Leyen.

Allo stesso modo, il capo dell'entità europea ha avvertito nelle sue dichiarazioni che la sfida posta da omicron rappresenta una "corsa contro il tempo". "Hanno letto delle molteplici mutazioni e di cosa potrebbero significare, e sappiamo dalla nostra esperienza con la variante delta che è una corsa contro il tempo", ha spiegato.

" Prepararsi al peggio, sperare per il meglio" , ha aggiunti Von der Leyen, sottolineando che, secondo gli scienziati, il programma completo di vaccinazione e una dose di richiamo sono essenziali per fornire la protezione più forte possibile.

Il presidente della Commissione europea ha sottolineato che oggi solo il 77% degli adulti nel blocco è vaccinato, una cifra che rappresenta il 66% dell'intera popolazione. "E questo significa che un terzo della popolazione europea non è vaccinata. Ci sono 150 milioni di persone", ha sottolineato.

"Questo è molto, e non tutti possono essere vaccinati, ad esempio bambini o persone con condizioni mediche speciali, ma la stragrande maggioranza potrebbe", ha ribadito la leader europea, ricordando che "è comprensibile e opportuno condurre questa discussione ora" che la nuova mutazione è "presumibilmente molto contigua" e " richiede la nostra massima attenzione ".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti