/ L'U.S. Air Force ordina computer ad altissima velocità per i cacc...

L'U.S. Air Force ordina computer ad altissima velocità per i caccia F-15

 
 

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha annunciato l'assegnazione di una modifica da 91 milioni di dollari al contratto precedentemente assegnato a Boeing per un computer ad altissima velocità destinato a migliorare la capacità di guerra elettronica del velivolo.

 

Sotto la modifica, annunciata lunedì dal Dipartimento della Difesa, uno dei più grandi appaltatori della difesa degli Stati Uniti, con sede a St. Louis, prevede l'esercizio di un'opzione per la produzione e l'integrazione dell’Advanced Display Core Processor II (ADCPII) nella piattaforma F-15.

 

"La Boeing Co., St. Louis, nel Missouri, ha ricevuto una modifica di 91.290.023 di dollari (P00002) per il contratto precedentemente assegnato FA8634-18-C-2698 per F-15 Advanced Display Core Processor II (ADCPII) Produzione iniziale a bassa velocità 3", si legge in una dichiarazione.

 

Inoltre viene sottolineato che i lavori saranno eseguiti a St. Louis, nel Missouri, e dovrebbero essere completati entro il 28 dicembre 2021.

 

Secondo Boeing, ADCPII è il computer da combattimento più veloce al mondo, visto che è in grado di elaborare 87 miliardi di istruzioni al secondo, in modo che la capacità di elaborazione delle missioni sia più veloce e più affidabile per i membri dell'equipaggio.

 

La maggiore capacità di elaborazione è fondamentale per le nuove funzionalità avanzate come Eagle Passive / Active Warning Survivability System (EPAWSS), funzionalità di ricerca e traccia infrarossa a lungo raggio (IRST), comunicazioni radar ad alta velocità e futuri aggiornamenti della suite software.

 

Il nuovo computer ad altissima velocità aiuterà anche a facilitare i sistemi di controllo di volo automatizzati F-15 "fly-by-wire" emergenti.

Fonte: Defence Blog
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa