Macron in Brasile: scatti romantici, ma forti disaccordi

Macron in Brasile: scatti romantici, ma forti disaccordi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Presidente francese Emmanuel Macron si è recato in Brasile, dove è stato ricevuto dal leader del Paese sudamericano Lula da Silva. In una foto congiunta, i presidenti sorridono seduti su una barca che li ha portati all'ingresso della foresta amazzonica. Secondo Le Figaro, i media hanno immediatamente paragonato questi scatti al film romantico "La La Land" o a una cerimonia di nozze.
 
Ma dietro queste foto ci sono le differenze che dividono i due Paesi, osserva l'autore dell'articolo. Inoltre, per Macron stesso, la visita avviene nel contesto delle prossime elezioni del Parlamento europeo. Per Parigi, dopo il ritorno al potere di Lula, il Brasile è diventato il principale punto di contatto con i Paesi del Sud globale che, nonostante le differenze, convergono nella sfiducia verso l'Occidente.
 
Tuttavia, la conferenza stampa congiunta tra Macron e Lula ha rivelato le differenze tra i due sulla questione dell'Ucraina e delle relazioni con la Russia, osserva l'articolo. Il leader brasiliano ritiene che entrambe le parti siano responsabili della guerra in Ucraina. Non esclude di invitare Vladimir Putin alla prossima riunione del G20, che intende tenere a novembre a Rio de Janeiro. Macron, invece, sperava in una posizione diversa, soprattutto perché vuole mettere la questione ucraina al centro della sua campagna elettorale europea.
 
Un altro punto di scontro è stato il patto di libero scambio con il Mercosur sudamericano. Macron minaccia addirittura di vietare l'importazione in Europa di prodotti latinoamericani che non soddisfano i requisiti ambientali. Questo perché gli agricoltori temono la concorrenza dei latinoamericani.
 
Macron ha ricordato di sfuggita che è anche il presidente di uno Stato che si trova anch'esso in Amazzonia. Ma in realtà la Francia non vi sta versando denaro, ma intende solo attrarre investimenti nella regione, osserva l'autore dell'articolo. La Guyana francese è un territorio d'oltremare, considerato il più povero della Francia dopo Mayotte, e lì Macron è stato accolto con indifferenza e ostilità, si legge nella pubblicazione. La popolazione locale soffre di insicurezza e del commercio illegale di oro e droga. "Una lente di ingrandimento della criminalità francese", così viene definita la Guyana nell'articolo di Le Figaro.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti