Mattei ucciso dal controspionaggio francese per i suoi rapporti con il Fronte di Liberazione algerino?

Mattei ucciso dal controspionaggio francese per i suoi rapporti con il Fronte di Liberazione algerino?

Dall'Algeria, una chiave di lettura sulla morte del Presidente dell'Eni, Enrico Mattei, uno dei tanti misteri irrisolti dell'Italia repubblicana. In un articolo pubblicato su "Algerie Patriotique", si ipotizza che Mattei sia stato ucciso dal controspionaggio francese, SDECE, per la sua collaborazione con gli algerini del Fronte di Liberazione Nazionale.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Ecco il testo dell'articolo, tradotto dal francese, di Khalil Oudainia, pubblicato da "Algerie Patriotique."
 

Enrico Mattei, capo dell'ENI (Ente Nazionale Idrocarburi l'), ha fatto di questo operatore pubblico una delle più grandi aziende del settore dei combustibili fossili. Dopo aver portato un nuovo giocatore in un settore dominato da sette multinazionali chiamate "sette sorelle", si è attirato l'ira del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, tra gli altri. Nel suo libro "Storia segreta del petrolio algerino", Hocine Malti ha scritto: "In Italia, l'Ente Nazionale Idrocarburi (ENI), creato nel 1953, era una piccola società rispetto ai giganti anglosassoni che dominavano la scena mondiale del  petrolio in quel tempo. Presieduto da Enrico Mattei, in questo contesto, diventò guastafeste di queste major. Dopo aver ricevuto a metà degli anni '50 metà il divieto dell'IPC (che aveva posto il veto all'arrivo dell'ENI in Iraq), Mattei lanciò una iniziativa audace e senza precedenti nella direzione dei paese del Terzo mondo in cui Eni interveniva: offriva una partnership del 75% per il paese ospitante e il 25% per ENI nelle operazioni che conduceva". Egli ha concluso che il ruolo delle lobby di petrolio ha influito nel suo omicidio.
 
Tuttavia, la testimonianza che citeremo rivela un elemento cruciale nell'omicidio, senza negare completamente l'interesse della lobby del petrolio. Mattei era un attore politico nel suo paese. Era amato da alcuni per la grandezza che ha dato ad una società italiana, ma anche odiato da ex sostenitori del fascismo. Accusato di stabilire uno stato all'interno dello stato dal gigante del petrolio, costituì un corpo di guardie personali, non fidandosi dei membri dei servizi segreti del suo paese.
 
Il caso Mattei
 
Mattei aveva nemici e amici in tutto il mondo. Il 27 ottobre 1962, il suo aereo precipitò nella campagna di Bascapè. Morirà insieme al suo pilota ed ad un giornalista americano della rivista Time che lo accompagnava in questo viaggio. Tutti hanno pensato ad un omicidio. Ma le prova erano carenti. I mezzi tecnici dell'epoca non permettevano indagini incisive. Si sono fatte diversi ipotesi, compresa quella dell'esplosivo nell'aereo. Le indagini dell'incidente continueranno per anni. Il professore Firrao dell'Università di Torino, ha cercato di riaprire il caso e fare nuove analisi sul relitto dell'aereo nel 1997, concludendo che si trattava di un attentato attuato con esplosivi.
 
Quale legame tra OAS e Mattei?
 
Ma c'è un'ipotesi più credibile con elementi di prova. Mattei è stato ucciso dal SDECE(Servizio segreto francese per le operazioni all'estero ndr) . Perché lo SDECE? Mattei mantenne un forte rapporto con i rappresentanti del FLN(Fronte di Liberazione Nazionale algerino ndr) all'estero. Questo gli valse una minaccia da parte dell'OAS(Organizzazione paramilitare francese che difendeva il ruolo coloniale della Francia). Mattei sostenne l'indipendenza dell'Algeria era diventata un fatto inevitabile. Disse che non avrebbe negoziato un contratto di esplorazione nel deserto algerino, finché l'Algeria non avesse raggiunto la sua indipendenza. Inoltre, cercò di assicurare un posto per le aziende italiane nel Sahara dello stato nascente. Pensò anche alla fornitura per l'Italia attraverso un gasdotto gigante dal deserto algerino alla Sicilia. Questo progetto sarà implementato in seguito, ma Mattei non ha avuto la possibilità di vederlo con i propri occhi. È stato ucciso prima. A peggiorare le cose nel suo caso, lo SDECE sospettò anche che Mattei facesse parte della rete che ha facilitato al FLN l'acquisto di armi sul mercato nero internazionale. Tutti questi elementi sono stati una chiara fonte di irritazione per lo SDECE. Philippe Thyrand di Vosjoli, un ex agente dello SDECE che disertò per gli Stati Uniti, scrive nel suo libro "Lamia, anti-Barbouze" che lo SDECE è alla base di questo "incidente". Secondo lui, la preparazione si svolse in questo modo. Poco prima di questo "incidente", lo SDECEE inviò un certo Laurent come meccanico aereo a Catania. Ottenute le informazioni sugli spostamenti di Mattei, si scoprì che viaggiava quel giorno. La mattina del 27 ottobre, a Laurent fu ordinato di agire all'aeroporto, salì sull'aereo di Mattei, senza alcuna vigilanza, e installò esplosivi da utilizzare successivamente per l'assassinio. Un altro episodio, quindi, tra i molti casi che hanno visto contrapposti il FLN e lo SDECEE durante la guerra di liberazione algerina. Questo episodio ha avuto luogo non nelle montagne del Aures o nei depositi intorno Marsiglia, ma in un paese europeo.

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti