Media siriani: la Turchia ha accettato il ritiro delle sue truppe

Media siriani: la Turchia ha accettato il ritiro delle sue truppe

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Aginform


La Russia presiede a Mosca con Shojgu un primo incontro dei ministri della difesa di Siria e Turchia. Impegno comune dei due paesi contro le milizie curde al servizio degli occupanti USA. Secondo fonti siriane, riprese dal canale TV libanese Al Manar, Ankara avrebbe accettato di rispettare la sovranità e l'integrità territoriale della Siria (quindi di ritirare le sue truppe)

Al termine del primo incontro ufficiale a livello ministeriale tra Turchia e Siria da dieci anni, Ankara secondo i media siriani avrebbe accettato di ritirare le sue truppe dal nord della Siria. Il 28 dicembre si è svolto nella capitale russa un incontro tra i ministri della Difesa turco, siriano e russo. Secondo il quotidiano siriano vicino al potere che cita fonti di Damasco avrebbero concordato il ritiro delle truppe turche dal nord della Siria. Ankara, inoltre, ha confermato “il rispetto per la sovranità e l'integrità territoriale della Siria”.

Secondo il quotidiano siriano al Watan (da non confondere con l'omonimo qairota, ndr) per garantire l'attuazione degli accordi raggiunti sono state create commissioni specializzate e sono possibili nuovi incontri.

Il russo Sergei Shoigu, il turco Hulusi Akar e il siriano Ali Mahmoud Abbas hanno inoltre concordato di definire il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) una "milizia al soldo di Stati Uniti e Israele", che rappresenta "il più grande pericolo per Siria e Turchia".

"Il riavvicinamento e la riconciliazione con Damasco "sono ora nell'interesse di Ankara", scrive al-Watan. Durante l'incontro del 28 dicembre a Mosca, come riferisce il ministero della Difesa russo i tre ministri della difesa hanno discusso di "modi per risolvere la crisi siriana" e di "sforzi congiunti per combattere i gruppi estremisti in Siria". In  novembre, la Turchia aveva intensificato il bombardamento delle postazioni curde, che definisce "terroristiche", nel nord della Siria e aveva minacciato di lanciare contro di loro un'offensiva di terra. Senza però dar seguito alla minaccia. La situazione a Idleb, provincia della Siria occidentale occupata da piccoli gruppi sostenuti da Ankara, che vi mantiene alcune posizioni, non sembra essere stata citata.

Parlando per il quotidiano turco as-Sabah, il ministro della Difesa turco ha detto dell'incontro: "La cosa più importante che abbiamo affermato durante l'ultimo incontro è che sosteniamo l'unità del suolo siriano e la sua sovranità e che il nostro unico obiettivo è la lotta contro terrorismo. E abbiamo sottolineato che un terzo della Siria era dominato da gruppi terroristici".

Giustificando la presenza turca sul suolo siriano, Akar riferisce di aver sottolineato che mira a “combattere il Partito dei lavoratori del Kurdistan, le Unità di protezione del popolo curdo (YPG), Daesh e altri terroristi e a prevenire l'emigrazione collettiva”.

"Ai siriani abbiamo detto che abbiamo bloccato il corridoio terroristico e quindi abbiamo contribuito alla loro integrità territoriale", ha inoltre assicurato, riferendo anche di aver sottolineato l'importanza di garantire il ritorno sicuro e volontario dei profughi siriani nelle loro case.

L'incontro di Mosca è il primo di questo genere tra i ministri della Difesa di Siria e Turchia dallo scoppio della crisi siriana nel 2011 e dalle tensioni scaturite dal sostegno di Ankara ad alcuni gruppi dell'opposizione siriana che Damasco definisce "terroristi".

Negli ultimi mesi è stato osservato un cambiamento importante nella politica turca, poiché il presidente turco ha moltiplicato le sue dichiarazioni di essere pronto a incontrare il suo omologo siriano, ma quest'ultimo ha fatto orecchie da mercante.

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu e il siriano Faisal Mekdad avevano avuto un breve colloquio informale a margine di un vertice regionale tenutosi nel 2021, e Ankara ha poi affermato di aver comunicato con Damasco a livello dei servizi di intelligence.


(Traduzione Aginform)

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti