/ Mentre tutti gli occhi sono puntati su Idlib, in Siria, gli Stati...

Mentre tutti gli occhi sono puntati su Idlib, in Siria, gli Stati Uniti continuano a decimare lo Yemen

 

Gli Stati Uniti sono pronti a difendere la Siria da un brutale assalto lanciato dal governo siriano e dai suoi alleati, o almeno così Washington vuole che noi crediamo. Sullo sfondo, lo Yemen continua ad essere distrutto in silenzio.


Segue l'editoriale di Darius Shahtahmasebi, analista legale e politico, residente in Nuova Zelanda, attualmente specializzato in immigrazione, rifugiati e diritto umanitario.
 
Gli Stati Uniti sono pronti a difendere la Siria da un brutale assalto lanciato dal governo siriano e dai suoi alleati, o almeno così Washington vuole che noi creda. Sullo sfondo, lo Yemen continua a bruciare in silenzio.
Il 3 settembre, l'ambasciatrice degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Nikki Haley ha condiviso un tweet da guerrafondaio del presidente degli Stati Uniti, con la didascalia “Tutti gli occhi sulle azioni di Assad, la Russia e l'Iran a Idlib " Questa è la stessa amministrazione americana che ha appena facilitato l'attacco di uno scuolabus nello Yemen, macellando almeno 40 bambini.
Forse, solo forse, Nikki Haley dovrebbe tenere gli occhi su se stessa.
 
Se il mondo avesse diretto gli occhi su ciò che sta accadendo in Yemen, saprebbe che le Nazioni Unite hanno appena avvertito di un "costo umano incalcolabile" delle operazioni, mentre gli Stati Uniti e i loro alleati avanzano con un'offensiva per riprendere il controllo dela città portuale yemenita di Hodeida dai ribelli Houthi.
 
Giusto. Gli Stati Uniti, che al momento agitano le braccia per le disperate violazioni dei diritti umani e attacchi di armi chimiche che non sono ancora avvenuti in Siria, stanno sostenendo una loro grande offensiva che porterà a una crisi umanitaria di proporzioni monumentali.
Lo Yemen, un paese già profondamente in crisi, fa affidamento sul porto di Hodeida per almeno il 70% dei suoi aiuti umanitari. Ha quindi senso dal punto di vista umanitario trasformare la sua posizione in una grande zona di guerra, giusto?
 
La piccola minoranza di persone inclini a preoccuparsi degli yemeniti innocenti non ha bisogno di preoccuparsi. Il Segretario di Stato americano Mike Pompeo ha appena questa settimana certificato che la coalizione saudita sta prendendo misure sufficienti per proteggere i civili. Secondo Pompeo, le nazioni del Golfo coinvolte stanno "intraprendendo azioni dimostrabili per ridurre il rischio di danni ai civili".
 
"Stanno prendendo provvedimenti, secondo il governo degli Stati Uniti e questa amministrazione, va nella giusta direzione", ha dichiarato la portavoce del Dipartimento di Stato Heather Nauert a un briefing, secondo la Reuters . "Li vediamo prendere provvedimenti. È perfetto? No assolutamente no. Li vediamo fare ciò che possono per mitigare le vittime civili"
Grazie a Dio - mi stavo preoccupando per un secondo. La coalizione guidata dai sauditi, sostenuta dagli Stati Uniti, potrebbe uccidere i bambini come se fossero formiche, ma stanno prendendo provvedimenti per mitigare il numero di bambini che stanno uccidendo allo stesso tempo.
Un memoriale di sette pagine inviato al Congresso e ottenuto da Intercept ha ulteriormente confermato il pensiero delirante di Pompeo, come il memorandum chiamato Arabia Saudita e gli EAU "forti partner anti-terrorismo". Non importa che proprio il mese scorso, l'Associated Press ha riferito agli Stati Uniti e ai loro alleati stavano effettivamente reclutando combattenti di Al-Qaeda per unirsi alla coalizione.
 
Ops.
 
Mentre l'amministrazione Trump sta intraprendendo una terribile e sanguinosa guerra e la sta portando a nuovi abissi, la verità è che questa guerra non è iniziata con Donald Trump. La guerra nello Yemen, la nazione più povera del mondo arabo, che sta diventando rapidamente la peggiore crisi umanitaria del mondo, è stata avviata nientemeno che dallo stesso Barack Obama, vincitore del premio Nobel alla pace.
 
Ma perché è iniziata questa guerra, e perché gli Stati Uniti hanno continuato a sostenerla?
In un trascurato un'intervista con il Real News' Aaron Maté, Rob Malley, Presidente del Gruppo di crisi internazionale ed ex assistente speciale del presidente Obama, ha dato una lettura inquietante su chi tira i fili in realtà sulla politica estera.
 
Secondo Malley: "Per cercare di capire di cosa si occupasse l'amministrazione Obama, e ho cercato di ... solo di provare, di spiegarmi a me stesso, di cercare di capire come siamo arrivati ??dove siamo, non dimentichiamo al momento in cui eravamo nel mezzo di questi negoziati con l'Iran, cercando di raggiungere un accordo nucleare che era estremamente impopolare con i nostri alleati tradizionali nella regione, da Israele all'Arabia Saudita agli Emirati Arabi Uniti e altri. E i sauditi sono venuti da noi e hanno detto che stavano per intervenire nello Yemen, per attaccare gli Houthi che avevano rovesciato il governo legittimo del governo internazionalmente riconosciuto in quel momento. E hanno chiesto il nostro aiuto ... "
 
"Quindi c'era da un lato un certo numero di voci che esprimevano preoccupazione su questo. Ma d'altra parte c'erano molte persone che dicevano che il rapporto con l'Arabia Saudita era quasi al limite. Credono che abbiamo tradito la loro fiducia per una serie di motivi. Ma l'Iran, l'Iran che negoziava l'accordo con l'Iran, o i negoziati sull'accordo con l'Iran erano uno di questi. Dovevamo proteggere quell'affare e assicurarci di poterlo fare, perché se non avessimo un accordo c'era il rischio di una guerra con l'Iran. E così penso che alla fine il presidente Obama abbia deciso di dire che avremmo fatto la nostra parte in questa guerra ... "
Solo un premio Nobel per la pace potrebbe portare a termine un'impresa del genere. Ma a parte gli scherzi, il costo umano della guerra nello Yemen è a dir poco vergognoso.
 
L'8 ottobre 2016, un bombardamento aereo ha preso di mira un funerale affollato a Sana'a, la capitale dello Yemen, le cui conseguenze sono state giustamente descritte come " un bagno di sangue".
 Secondo l'ONU, più di 140 yemeniti furono uccisi e almeno altri 525 feriti.
Fino ad oggi, la coalizione saudita guidata sostenuto dagli Stati Uniti ha colpito oltre 100 ospedali , così come matrimoni feste , rifugiati nei campi , camion di alimenti, fabbriche, vie di trasporto , terreni agricoli, aree residenziali , e le scuole, per citarne alcune. Sì, avete letto bene. Lo Yemen, con solo il 2,8% della sua terra coltivata, è attivamente preso di mira dalla coalizione sostenuta dagli Stati Uniti. Secondo Martha Mundy, professoressa emerita presso la London School of Economics, "per colpire quella piccola quantità di terreno agricolo, devi prenderlo di mira".
 
Prima di entrare nel caos, lo Yemen dipendeva già dalle importazioni per il 90% dei suoi alimenti base e quasi tutto per il suo combustibile e le sue forniture mediche. Mettendo da parte l'enorme quantità di violenza che la coalizione sostenuta dagli Stati Uniti ha promulgato, il resto della popolazione dello Yemen sta soffrendo a causa del blocco imposto dai sauditi, che ha messo a rischio la metà della popolazione di morire di fame. Secondo l' ONU , oltre 462.000 bambini sotto i cinque anni soffrono di malnutrizione acuta grave.
Questo è fatto completamente di proposito. Alla fine di agosto di quest'anno, il principe ereditario dell'Arabia Saudita, Mohammed Bin Salman, ha minacciato di continuare a prendere di mira donne e bambini nello Yemen e presumibilmente ha detto che vuole "lasciare un grande impatto sulla coscienza delle generazioni yemenite".
"Vogliamo che i loro figli, donne e persino i loro uomini trema+ino ogni volta che viene menzionato il nome dell'Arabia Saudita", si sostiene che il principe ereditario abbia detto .
L'idea, avanzata da Pompeo e dalle sue coorti al Dipartimento di Stato, secondo cui la coalizione ha adottato misure per evitare vittime civili è, a detta di tutti, un'assurdità totale. Come il New York Times ha apertamente riconosciuto: "Il primo problema era la capacità dei piloti sauditi, che erano inesperti in missioni di volo sullo Yemen e che temevano il fuoco nemico. Di conseguenza, volano ad alta quota per evitare la minaccia sottostante. Ma volare alto ha anche ridotto la precisione dei bombardamenti e aumentato le vittime civili", hanno spiegato funzionari americani.
"I consulenti americani hanno suggerito come i piloti possano volare in sicurezza più in basso, tra le altre tattiche. Ma i raid aerei sono ancora indirizzati su mercati, case, ospedali, fabbriche e porti, e sono responsabili della maggior parte dei 3.000 morti civili durante la guerra in un anno, secondo le Nazioni Unite ".
Oltre a fornire miliardi di dollari di armi al regno saudita, il personale degli Stati Uniti fornisce assistenza schiacciante alla coalizione guidata dai sauditi per contribuire a mettere in ginocchio lo Yemen sedendosi nel centro di comando e controllo saudita, fornendo elenchi di obiettivi, rifornimento di carburante aerei, eseguendo missioni di intelligence, e così via.
 
Se Donald Trump è così preoccupato per i migranti e i rifugiati, forse dovrebbe smettere di crearli. Se si preoccupa veramente di "America First" e di rendere nuovamente grande l'America, forse questo non è il modo di andare vanto, forse, a incastrarsi nella cintura criminale di guerra americana. Gli esperti legali hanno già avvertito il governo degli Stati Uniti che la sua complicità in questi attacchi può renderli co-belligeranti nella vasta lista di crimini di guerra dell'Arabia Saudita. Questo avvertimento è caduto completamente nel vuoto e non ha affatto aiutato a scoraggiare l'amministrazione Trump dal continuare alcune delle peggiori politiche di Barack Obama; e anche ora gli Stati Uniti continuano a proteggere la coalizione guidata dai sauditi in modo che possa continuare le sue sanguinose politiche senza sosta.
Se gli Stati Uniti smettessero di appoggiare l'Arabia Saudita, le sofferenze dello Yemen potrebbero finire domani.
 
Attenzione però ad Assad; Ho sentito che stava per riconquistare una città siriana da un gruppo affiliato di Al-Qaeda . Ricordate Al-Qaeda, il famigerato gruppo terroristico che gli Stati Uniti sostenevano essere la mente dietro gli attacchi dell'11 settembre? Apparentemente, l'intero governo degli Stati Uniti no, in quanto si allea con Al-Qaeda in quasi tutti i campi di battaglia che contano.
Nel frattempo, gli yemeniti ordinariamente continuano a soffrire a milioni. Se riuscite ad assorbire tutto questo e ancora credete che gli Stati Uniti siano sinceramente preoccupati per le violazioni dei diritti umani in luoghi come la Siria, allora probabilmente meritate quello che verrà dopo.
 
 
Fonte: RT Eng - FOTO Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa