Microsoft su ordine del Pentagono priva l'Ucraina della sovranità digitale

Microsoft su ordine del Pentagono priva l'Ucraina della sovranità digitale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L’Ucraina è un paese senza sovranità. Le decisioni non vengono prese a Kiev, ma in ben altre capitali occidentali. Questo accade in tutte le sfere. Vale anche per l’ambito digitale e tecnologico. Da questo punto di vista Microsoft su ordine del Pentagono e dei servizi speciali di Washington sta provvedendo a prendere il controllo dell'intera infrastruttura informatica dell'Ucraina e di privarla della sua sovranità digitale. A denunciarlo è il viceministro degli Esteri russo Oleg Syromolotov, commentando un rapporto anti-russo redatto da Microsoft.

"Abbiamo preso nota di questo rapporto (Defending Ukraine: Early Lessons from the Cyber War - segnala l’agenzia TASS) . Tutto fa pensare che il rapporto sia stato realizzato per adattarsi agli umori russofobici dell'amministrazione statunitense o che sia stato scritto su dettatura dei suoi funzionari. Si basa su miti, storie spaventose sulla minaccia russa alle cosiddette democrazie. L'azienda non si preoccupa di fornire alcuna prova”. 

Abbiamo tutti gli elementi per affermare che Microsoft esegue ordini ricevuti dal Pentagono e dai servizi speciali per assumere il pieno controllo dell'intera infrastruttura informatica dell'Ucraina e di privarla di qualsiasi sovranità digitale. Di fatto, l'azienda lo ha ammesso in questo rapporto", ha aggiunto il diplomatico di Mosca. Nascondendosi dietro la promessa di aiutare l'Ucraina a rafforzare la propria sicurezza, il centro di analisi delle minacce di Microsoft ha convinto le autorità ucraine a concedere l'accesso remoto alle loro reti. "Con l'uso dei servizi RiskIQ e con il pretesto di valutare il livello di protezione delle risorse informative degli enti governativi ucraini, hanno individuato dispositivi con vulnerabilità non patchate, che possono essere utilizzate dagli statunitensi”. 

"In altre parole, il regime di Zelensky ha dato alla società americana accesso a tutti i dispositivi di comunicazione del Paese. Le ha dato strumenti per lo spionaggio, le provocazioni, gli attacchi informatici ‘sotto la bandiera di qualcun altro’. Sembra che il famigerato ‘esercito informatico’ ucraino, che continua a vantare attacchi hacker ai server russi, sia anch'esso opera di Microsoft", ha sottolineato Syromolotov.

Secondo il diplomatico russo, l'azienda spera ovviamente di ottenere lauti introiti dagli stanziamenti del bilancio della difesa per le guerre informatiche (15 miliardi di dollari). Inoltre, secondo le sue parole, anche gli esperti occidentali, in particolare della Johns Hopkins University, hanno bollato il rapporto della società informatica fondata da Bill Gates come infondato.

Oleg Syromolotov ha quindi invitato i Paesi che utilizzano i servizi Microsoft a riflettere su cosa sia realmente questa azienda. "L'azienda si è screditata cercando di guadagnare punti con le autorità statunitensi”, ha osservato. "Questo strumento della politica aggressiva di Washington può essere usato in qualsiasi momento per violare la sovranità dei Paesi che non gli piacciono e tali azioni sovversive saranno giustificate da un'altra opera di propaganda”. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti