Ministro degli Interni boliviano denuncia: i golpisti hanno cercato di assassinare Luis Arce

Ministro degli Interni boliviano denuncia: i golpisti hanno cercato di assassinare Luis Arce

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L’attuale presidente della Bolivia, il socialista Luis Arce, ha rischiato di morire prima delle elezioni tenute nel 2020 dopo il golpe che ha rovesciato Evo Morales. Elezioni stravinte dal MAS e che hanno allontanato attraverso le urne i golpisti dal governo. 

Il ministero dell'Interno boliviano ha rivelato che mercenari colombiani, che hanno partecipato all'assassinio del presidente Jovenel Moise ad Haiti, sono entrati in Bolivia pochi giorni prima delle elezioni del 2020 con l’obiettivo di compiere un secondo golpe e ammazzare Arce. 

In una conferenza stampa, il ministro degli Interni Eduardo del Castillo ha fatto il nome di Germán Alejandro Rivera García, un cittadino colombiano entrato in Bolivia il 16 ottobre 2020 e che è stato successivamente arrestato per l'assassinio di Jovenel Moise. Oltre al suo nome ha parlato del colombiano Arcángel Pretel Ortiz e dal cittadino venezuelano Antonio Intriago, che gestiscono la "società di sicurezza" Counter Terrorist Unit Security (CTU) con sede a Miami, che ha assunto i mercenari che hanno ucciso Moise, come riferisce Kawsachun News. 

I mercenari hanno soggiornato presso l'esclusivo Hotel Presidente a La Paz, a soli due isolati dal palazzo presidenziale. Lo scopo del loro incontro era quello di prendere contatti con l'allora ministro della Difesa Fernando Lopez per realizzare un golpe contro Arce in cambio di una grossa somma di denaro. 

“Giorni prima delle elezioni, i paramilitari che avrebbero poi ucciso il presidente di Haiti, così come gli appaltatori mercenari come il signor Arcángel Pretel e il signor Antonio Intriago, erano nel paese. Secondo le informazioni che abbiamo ottenuto, la loro intenzione era quella di porre fine alla vita del presidente Luis Arce”, ha denunciato Eduardo del Castillo. 

Quanto denunciato dal ministro degli Interni di La Paz conferma quanto rivelato all’inizio dell’anno da The Intercept. Negli audio diffusi dal sito di giornalismo investigativo si ascolta il ministro golpista Lopez affermare: “L'alto comando militare è già in trattative preliminari... la lotta, il grido di battaglia, è che [il MAS] vuole sostituire le forze armate e la polizia boliviane con milizie, cubani e venezuelani. Questo è il punto chiave. Loro (la polizia e le forze armate) permetteranno alla Bolivia di insorgere di nuovo e bloccare un'amministrazione Arce. Questa è la realtà".

Il presidente Arce impegnato in un incontro con i movimenti sociali a La Paz dichiara: “Il nostro ministro degli Interni ha rivelato queste informazioni al momento opportuno, fratelli; Volevano attentare alla mia vita. A quegli assassini di destra risponderemo con una frase dello storico leader socialista boliviano Marcelo Quiroga Santa Cruz: Sappiamo che prima o poi ci faranno pagare per quello che stiamo facendo, siamo disposti a pagare questo prezzo, siamo sempre stati disponibili. Non rifuggiremo mai dal pericolo perché c'è qualcosa di più temibile di quel nemico che sta cercando un modo per ucciderci. Una coscienza sporca è molto peggio, non ci sopporteremmo se non adempissimo al nostro dovere”.

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti