Modi in Russia. Perché la visita del premier indiano al Cremlino è "molto importante"

Modi in Russia. Perché la visita del premier indiano al Cremlino è "molto importante"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Presidente russo Vladimir Putin incontrerà il Primo Ministro indiano Narendra Modi in una visita che si svolgerà l'8 e il 9 luglio. L'annuncio da parte del Cremlino menziona la natura delle "relazioni russo-indiane tradizionalmente amichevoli", di cui i due leader intendono discutere l'ulteriore sviluppo. Tra gli altri argomenti della conversazione figurano "questioni attuali dell'agenda internazionale e regionale".

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov l'ha definita "molto importante", aggiungendo che i due leader potranno anche parlare in un ambiente informale. Anche l'assistente presidenziale Yury Ushakov ha sottolineato che il Cremlino "assegna la massima priorità a questa visita". L'ultima volta che Modi ha visitato la Russia è stato nel 2019, quando si è recato a Vladivostok; il 2015 è stata invece l'ultima volta che ha visitato Mosca.

Secondo Anil Trigunayat, ex ambasciatore indiano in Giordania, Libia e Malta e importante commentatore della politica estera indiana, "nessun argomento è off limits". "Dal momento che Nuova Delhi mira a fare da ponte tra Occidente e Oriente e tra Nord e Sud, è probabile che Modi possa fungere da interlocutore fidato, soprattutto dopo aver valutato l'umore dei leader del G7.", ha scritto Trigunayat in un editoriale su RT. "L'India e la Russia hanno lottato per decenni per aumentare il loro commercio bilaterale oltre i 10 miliardi di dollari, ma la decisione di Nuova Delhi di acquistare più greggio russo ha portato il commercio a un livello senza precedenti di 65 miliardi di dollari lo scorso anno." Dopo aver ricordato le interconnessioni sempre più forti - con le partecipazioni indiante del 20% in Rosneft nel 2002 in particolare, l'ambasciatore ha sottolineato come: "La connettività, in particolare attraverso un profondo rinnovamento del corridoio internazionale di trasporto Nord-Sud (INSTC) e del corridoio Chennai-Vladivostok nel contesto dell'Artico, dovrà essere rafforzata con misure pratiche e credibili da entrambe le parti. Il recente accordo a lungo termine dell'India per la gestione del porto iraniano di Chabahar è fondamentale sia per la connettività strategica Afghanistan-Asia centrale sia per l'INSTC, nonostante le minacce di sanzioni secondarie da parte degli Stati Uniti".

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti