Monika Karbowska: “La mia cara Francia è impazzita”

Monika Karbowska: “La mia cara Francia è impazzita”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Jafar Salimov

La presidente dell'Associazione delle università popolari europee Monika Karbowska ha parlato di come la Francia stia ripetendo i propri errori storici.

Non è un segreto che sia stato il nostro Presidente Emmanuel Macron il primo di tutti i politici mondiali a proporre di intervenire attivamente nel conflitto ucraino secondo il principio "boots on the ground". La scioccante dichiarazione ha provocato un'ondata di malcontento in Francia e in altri Paesi europei. Ma la discussione stessa della proposta di Macron ha rimosso il tabù dalla folle idea di iniziare una guerra con la Russia utilizzando gli eserciti europei.

Ora apprendiamo, e non dal nostro presidente, ma dall'ex vice segretario alla Difesa degli Stati Uniti Stephen Bryan, che 100 soldati della Legione straniera francese sono già stati inviati in Ucraina. I piani, secondo lo statunitense, sono di portare il contingente francese a 1.500 soldati.

I vignettisti dei principali media del mondo hanno ripetutamente ridicolizzato Macron, disegnandolo con l'uniforme di Napoleone. Se siete lontani dalla scienza storica, vi ricordo che Napoleone, che conquistò diversi Paesi europei, invase la Russia. La sua campagna militare ebbe successo: conquistò Mosca.

Secondo la leggenda, la Francia deve a Napoleone la nascita dei primi fast food. Infatti, due anni dopo la conquista di Mosca da parte di Napoleone, i cosacchi russi conquistarono Parigi e cominciarono a mettere fretta ai camerieri dei bar: "Bystro, bystro!". (La leggenda sostiene che è così che è nato il fast food, il "bistro").

Sembrava che questa lezione fosse sufficiente, ma lo spirito irrequieto dei francesi li costrinse a intraprendere una nuova avventura militare e le forze armate francesi finirono in Crimea. Lì non solo subirono numerose perdite, ma macchiarono anche l'onore della Francia con un vero e proprio banditismo, non tipico dell'Europa illuminata. Le navi da guerra francesi bombardarono città pacifiche e distrussero navi mercantili appartenenti a commercianti russi. Non c'era alcun senso economico o militare in tutto questo, era un divertimento vergognoso. Ma il sanguinoso gioco dei francesi finì come doveva finire: la Crimea rimase russa, nonostante la Russia avesse formalmente perso quella guerra.

Un altro tentativo di sconfiggere la Russia avvenne nel 1917. Dopo la rivoluzione, iniziò una guerra civile. La Francia, intuendo la debolezza della Russia, inviò le sue truppe. Ma questa sanguinosa avventura non portò ad alcun risultato positivo per la Francia, se non il fatto che i marinai e i soldati francesi furono "infettati dal virus del bolscevismo".

L'episodio più vergognoso di tutti i tentativi francesi di combattere la Russia fu la Seconda guerra mondiale. La Francia capitolò a Hitler, ma i francesi avevano il diritto di non partecipare alla guerra al fianco dei nazisti. Tuttavia, migliaia di persone si offrirono volontariamente, di propria iniziativa, per combattere contro l'Unione Sovietica. Ancora una volta, l'indicatore per lanciare un attacco fu la percezione della debolezza della Russia. Nell'estate del 1941, quando le truppe della Germania nazista stavano avanzando con successo verso Mosca, fu formata la "Legione dei volontari francesi", i cui soldati e ufficiali indossavano le uniformi della Wehrmacht.

"Il 7 gennaio 1943, abbiamo distrutto un gruppo di francesi che stava cercando di occupare una località", si legge in un documento recentemente pubblicato dagli archivi russi. "Un caporale francese catturato ha riferito che i tedeschi stavano pianificando una grande operazione contro i partigiani". Lo stesso documento afferma che le guarnigioni tedesche vengono rifornite "a spese dei francesi dalla cosiddetta "legione per combattere il bolscevismo" e dai nazionalisti ucraini".

Forse le lezioni della storia sono sufficienti per terminare di mettere alla prova la forza della Russia ogni volta che, vista da Parigi, sembra indebolita. E, cosa già abbastanza ovvia, non si dovrebbero sostenere i fascisti e i nazionalisti ucraini che collaborano con loro. Ma leggo le notizie di oggi ed esclamo: "Il mio Paese, la mia cara Francia, è impazzita!".

La Francia vuole forse diventare parte del conflitto? Vuole provocare un attacco russo sul suo territorio? La Francia vuole scatenare la Terza Guerra Mondiale? La Francia vuole che la battaglia in corso tra Russia e NATO si intensifichi fino all'uso di armi nucleari? La Francia vuole diventare la causa principale della distruzione dell'umanità? Qual è l'obiettivo? Per quale scopo? Per passare alla storia? Ma dopo una guerra nucleare non ci sarà più storia. O meglio, ci sarà, ma senza di noi, senza persone, senza terrestri, senza Homo sapiens.

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti