Morte ambasciatore italiano in Congo, arrestati alcuni sospetti

Morte ambasciatore italiano in Congo, arrestati alcuni sospetti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'ambasciatore d'Italia in Congo Luca Attanasiom il carabiniere di scorta Vittorio Iacovacci e il collaboratore del Programma alimentare mondiale persero la vita lo scorso 22 di febbraio nel disperato tentativo di fuggire durante la sparatoria seguita al loro rapimento. Secondo le prime indagini svolte dai carabinieri del Ros furono uccisi dai colpi sparati dai sequestratori. 

Dalla Repubblica democratica del Congo (Rdc) arriva la notizia dell’arresto di alcuni sospetti coinvolti o collegati all’attacco mortale contro l’ambasciatore italiano e le persone che viaggiavano con lui, secondo quanto riporta Nova.news. 

Il presidente congolese, Felix Tshisekedi, citato dal quotidiano del paese africano “Actualitè” avrebe dichiarato che in base ai dati raccolti con gli arresti e gli interrogatori dei sospetti sembra accertata la presenza di “un’organizzazione” alle spalle di quanto accaduto, formata da aggressori organizzati in bande armate e di cui si cercano i leader. 

“Le indagini continuano. Ci sono sospetti che sono stati arrestati ed interrogati. Al di là di questi sospetti, c’è sicuramente un’organizzazione. Sono banditi che intercettano e aggrediscono gli automobilisti sulla strada, organizzati in bande e che hanno sicuramente qualcuno che li guida. Questo è tutto ciò che dobbiamo mettere insieme e risalire come una catena”, queste le parole di Tshisekedi. 

Il presidente congolese ha poi aggiunto: “Conoscevo personalmente questo ambasciatore. È terribile. Sono rimasto davvero sconvolto dalla sua morte”, per questo è deciso a “trovare i responsabili e soprattutto a porre fine a queste sacche di violenza nella Rdc orientale”. 

Infine, il presidente dice che le indagini proseguono con la collaborazione dei servizi segreti italiani, con cui “si sta lavorando molto intensamente”. L’agenzia Nova, inoltre, ricorda che sono tre le indagini attualmente in corso sulla morte dell’ambasciatore: una sotto la direzione del dipartimento per la sicurezza e la protezione delle Nazioni Unite (Undss), la seconda italiana e la terza delle autorità congolesi.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra