Mosca: Kiev organizza messa in scena di saccheggi per accusare le truppe russe

Mosca: Kiev organizza messa in scena di saccheggi per accusare le truppe russe

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Come avveniva in Siria, quando i terroristi organizzavano provocazioni con armi chimiche per accusare l’esercito siriano e provocare un intervento dell’Occidente, uno scenario simile si ripete anche in Ucraina.

Con una differenza, provocare un intervento della NATO attraverso falsi positivi per creare l’approvazione dell’opinione pubblica ad un intervento militare dell’occidente in Ucraina porterebbe alla Terza Guerra Mondiale, ergo ad uno scontro tra potenze dotate di armi nucleari. Nel caso ancora non sia chiara la faccenda.

Ieri, il generale Mikhail Mizintsev capo del Centro nazionale russo per la gestione della difesa Kiev ha ha dichiarato che Kiev ha preparato una messa in scena del saccheggio della città di Voskresenskoye, nella provincia di Nikolayev, 

"Secondo le informazioni affidabili disponibili, nell'insediamento di Voskresenskoye, nella provincia di Nikolayev, il regime di Kiev ha preparato in anticipo un'altra sofisticata provocazione per screditare le forze armate russe davanti alla comunità mondiale".

In particolare, Mizintsev ha affermato che la parte ucraina avrebbe organizzato e registrato "atti di saccheggio". In particolare, ha sostenuto che gli attori, che in realtà appartengono alla 123a Brigata della Difesa Territoriale dell'Ucraina, sono arrivati sul posto in auto con il cartello "Z", avrebbero rapinato le case e registrato le loro azioni con i telefoni cellulari.

“Avvertiamo in anticipo il cosiddetto Occidente civile che questa nuova falsificazione da parte delle autorità di Kiev sulle 'atrocità dei russi' dovrebbe essere diffusa nel prossimo futuro attraverso i media occidentali 'oggettivi' e 'indipendenti' con tutti i l'approvazione dei propri curatori a Kiev", ha concluso sarcasticamente Mizintsev.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti