Navalny: la morte "speciale" di una persona "speciale"

Navalny: la morte "speciale" di una persona "speciale"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Jafar Salimov

 

Alexei Navalny è morto in Russia. E' difficile trovare un media europeo che non abbia evidenziato questo triste evento. Tuttavia, nonostante l'attenzione dei media, sappiamo troppo poco del defunto.

Come beffardamente scrisse George Orwell nel suo libro «La fattoria degli animali», "tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali di altri". Questo concetto si applica pienamente ad Alexei Navalny, di cui spesso si potrebbe dire "il primo e l'unico".

Navalny ha iniziato la sua carriera politica nel 2000, unendosi al partito liberale Yabloko. Come membro del partito, non ha lasciato un segno significativo, non ha proposto iniziative importanti, non ha realizzato progetti utili e non è stato un leader che ha attirato a sé le masse. Tuttavia, già nel 2002, il poco appariscente Navalny è entrato a far parte del consiglio regionale della sezione di Mosca del partito, diventando poi vicepresidente. Nel 2006 è diventato membro del Consiglio politico federale del partito. È necessario essere più uguali degli altri per salire sull'Olimpo dei partiti senza un'attività politica a lungo termine. Forse Navalny è il primo e unico politico che ha fatto carriera senza una partecipazione attiva alla politica, nemmeno all'interno del suo stesso partito.

È evidente che le parole "posizione" e "opposizione" non sono simili a caso: un oppositore diventa qualcuno che ha la propria posizione, la propria visione, la propria concezione del mondo, che non coincide con la posizione dell'attuale governo. La posizione di Navalny era inizialmente chiara: era un libertario, un sostenitore dell'economia di libero mercato e un oppositore della regolamentazione statale e dell'intervento statale nei processi economici. Tuttavia, improvvisamente inizia a partecipare alle manifestazioni dei nazionalisti fascisti e si pone accanto ai neonazisti dalla testa rasata che alzano le braccia per il saluto fascista.

Nel 2007, Navalny ha cofondato il "movimento democratico nazionale Popolo". Tra i punti del programma del movimento c'è il ripristino del territorio storico e persino il diritto della Russia moderna di ereditare la Rus' di Kiev: un espansionismo nella sua forma più pura. Inoltre, il sostenitore della libera impresa dichiarava improvvisamente che la privatizzazione in Russia è illegale e che le imprese diventate proprietà privata dovrebbero essere restituite allo Stato. Obiettivi che sono esattamente opposti alle opinioni dei libertari.

Tuttavia, fino al 2012, il programma di Navalny prevedeva... la massima privatizzazione e la riduzione del ruolo dello Stato nell'economia, la liberalizzazione dell'economia: un'altra svolta. Inoltre, maledicendo le imprese statali, Navalny ne ha acquistato le azioni. Il suo portafoglio di investimenti comprende Gazprom, Lukoil, Sberbank, VTB, RusHydro, Mosenergo - per un totale di 37 maggiori imprese russe con partecipazione statale.

Successivamente, nel 2012, Navalny ha chiesto un aumento dell'età pensionabile. Tuttavia, già nel 2018 ha avviato manifestazioni contro l'innalzamento dell'età pensionabile e ha incluso nel suo programma un aumento della spesa pubblica.

Pur rimanendo un oppositore, Navalny ha cambiato più volte la propria posizione in quella diametralmente opposta. È come la selezione naturale: un cambiamento così repentino nella retorica dovrebbe eliminare coloro che non hanno vuoti di memoria e hanno almeno un po' di pensiero critico. E gli sfortunati, che non riescono a vedere le evidenti contraddizioni, potrebbero rimanere il gregge e la base elettorale di Navalny. In ogni caso, è diventato il primo e unico politico che ha cambiato pubblicamente le sue opinioni in senso opposto ed è comunque riuscito a rimanere un oppositore.

Navalny è conosciuto in Europa come combattente contro la corruzione russa. Tuttavia, va ricordato che nel 1997 ha creato la società Allect, e questa società ha guadagnato denaro diventando un intermediario creato artificialmente. Ad esempio, gli amici di Navalny dell'Unione delle forze di destra hanno acquistato la pubblicità non direttamente, ma tramite Allekt, lasciando a questa società commissioni multimilionarie.

Nel 2009, un altro amico di Navalny, Nikita Belykh, allora governatore della regione di Kirov, lo ha invitato a lavorare come consigliere. Successivamente, lo stesso schema di corruzione è stato ripetuto: l'impresa statale ha venduto il legname di Kirov non direttamente, ma attraverso una società creata da Navalny appositamente per questa truffa.

Nel 2012, il direttore generale della filiale russa di Yves Rocher ha presentato una dichiarazione al comitato investigativo russo in cui raccontava una storia simile: la società creata da Navalny è diventata uno strato artificiale tra Yves Rocher e le sue controparti.

Nel 2020, la BBC ha pubblicato un'indagine sulla spesa delle donazioni fatte a Navalny alla sua fondazione. Dei 650,5 milioni di rubli, solo 340,4 milioni sono stati spesi per gli obiettivi dichiarati di Navalny. Il resto è scomparso senza lasciare traccia.

Dopo aver ottenuto lo status di avvocato, Alexei Navalny ha partecipato solo due volte a tribunali arbitrali. Tuttavia, nel 2011, l'aspirante avvocato è stato assunto dall'American Institute of Modern Russia per un compenso di 10.000 dollari al mese, più di quello di avvocati esperti che hanno vinto centinaia di cause.

Possiamo dire che Navalny è la prima e unica persona che ha vissuto di corruzione, ma si è guadagnata la fama di combattente contro la corruzione.

Navalny è la prima e unica persona il cui accusatore è diventato il suo difensore. Nel 2013, nel caso della foresta di Kirov, è stato dichiarato colpevole e preso in custodia in aula. Tuttavia, il giorno successivo l'ufficio del pubblico ministero, l'accusa di Stato, ha chiesto... il rilascio del condannato "prima che la sentenza entri in vigore". E la corte ha rispettato questo requisito. Tuttavia, anche dopo l'entrata in vigore del verdetto, Navalny non è andato in prigione: il tribunale è riuscito a sostituire la reclusione effettiva con una pena sospesa.

Navalny è la prima e unica persona a ricevere due sentenze sospese contemporaneamente. La legislazione russa prevede la sostituzione della libertà vigilata con la reclusione anche per reati minori. Ma per Navalny è stata fatta l'unica eccezione nella storia della Russia: un altro verdetto in un caso di corruzione non ha portato alla reclusione.

Navalny è la prima e unica persona a cui è stata data l'opportunità di viaggiare all'estero dopo essere stata condannata. Nessun cittadino russo che ha commesso un reato e sta scontando una pena, anche con sospensione della pena, può lasciare il Paese. Ma "alcuni sono più uguali" e lo Stato russo offre a Navalny l'opportunità di recarsi in Europa nel 2017. Inoltre, se un cittadino comune impiega circa un mese per ottenere un passaporto straniero, per Navalny lo Stato ha rilasciato il documento in due giorni.

Tuttavia, Navalny alla fine è finito in prigione. Lo ha fatto consapevolmente; è tornato dall'Europa con la piena fiducia che sarebbe stato arrestato all'aeroporto. Ma anche nella colonia di lavoro correzionale è rimasto speciale.

Navalny è il primo e unico russo che ha continuato a scrivere sul blog dalla prigione: a tutti gli altri non è concesso questo diritto. C'erano anche condizioni speciali in altri aspetti della vita carceraria. Se il detenuto medio riceve 0,29 visite da un avvocato, nello stesso periodo un avvocato ha visitato Navalny 429 volte. In media, un avvocato che arriva in una colonia comunica con un detenuto per 23 minuti; gli avvocati hanno trascorso più di 976 ore con un detenuto "più uguale".

Navalny ha violato più volte le regole della colonia e per questo è stato punito con il trasferimento in una "cella di punizione" - una stanza con un regime più severo. La stampa europea ha scritto che il politico è stato vittima di soprusi in questo modo. Ma i media non hanno riferito che, infatti, Navalny, invece dell'isolamento, trascorre le giornate a chiacchierare con un avvocato in una stanza confortevole.

Ecco alcuni altri fatti: ci sono 1,6 pacchi per prigioniero e Navalny ne ha ricevuti 78. Allo stesso tempo, il prigioniero medio lavora 1.761 ore all'anno, mentre Navalny non ha lavorato nemmeno un'ora. Se in media ci sono 0,01 denunce per detenuto, Navalny ha scritto 734 denunce.

È sorprendente che la nostra stampa abbia scritto così tanto su un uomo, ma per qualche motivo non siano stati divulgati fatti importanti sulla sua vita e sul suo lavoro. Ma non erano un segreto: tutto ciò che è stato detto sopra può essere facilmente verificato da fonti aperte. Vale la pena notare che in Europa la concentrazione di Navalny era molto maggiore che in Russia.

Secondo il Centro indipendente Levada, nell'aprile 2013, solo il 6% dei russi sapeva chi fosse Alexei Navalny. Nel 2017, il 47% conosceva già l'esistenza di una persona del genere. Ma tra tutti coloro che hanno sentito il suo cognome, il 35% ha riferito di avere nei suoi confronti un atteggiamento "neutro, indifferente". Il 23% ha detto: "Non ho niente di buono da dire su di lui". Un altro 20% degli intervistati ha trovato Navalny irritante e ostile. Alla domanda "Potresti votare per Navalny alle elezioni presidenziali?" l'1% ha risposto "Assolutamente sì" e il 63% ha risposto "Assolutamente no".

Questo è il "principale avversario di Putin"? Con un rating dell'1% e un anti-rating del 63%? Questa sembra essere una valutazione dubbia.

Adesso in Russia si discute di una teoria del complotto secondo cui Navalny potrebbe essere stato ucciso dai nemici di Putin. La reazione unanime ed estremamente rapida dei politici antirussi, il tempestivo discorso della moglie di Navalny alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco il giorno della morte del marito, indicano coloro che sono riusciti a trasformare con successo la morte di una persona in profitti politici.

Ma, indipendentemente dalla causa della morte, dobbiamo ricordare che lo Stato russo per molto tempo ha concesso a Navalny diritti e opportunità molto speciali che non sono disponibili ai cittadini comuni. E, nonostante ciò, non è mai diventato una figura politica significativa o almeno notevole nel suo paese.

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti