Neil Clark - Gli "informatori" di Facebook osannati con Assange in un carcere di massima sicurezza

Neil Clark - Gli "informatori" di Facebook osannati con Assange in un carcere di massima sicurezza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Neil Clark*

 

Il trattamento molto contrastante dei whistleblower disposti a testimoniare contro Facebook con quello del fondatore di WikiLeaks imprigionato ci mostra che il sostegno dell'Establishment a coloro che "sputano il rospo" è altamente selettivo.

Tutti gli informatori sono uguali, ma alcuni sono più uguali di altri. Oppure, potremmo dire più specificamente, gli informatori le cui rivelazioni aiutano i programmi della classe dominante vengono messi di fronte al Congresso e consegnati al microfono, mentre quelli le cui rivelazioni espongono i programmi della classe dominante sono perseguitati e finiscono nelle carceri di massima sicurezza.

Questa settimana abbiamo appreso che una seconda informatrice di Facebook, una certa Sophie Zhang, era disposta a testimoniare davanti al Congresso meno di due settimane dopo che Frances Haugen ha fatto le sue rivelazioni.

"I prodotti di Facebook danneggiano i bambini, alimentano la divisione e indeboliscono la nostra democrazia", ha dichiarato Haugen ai senatori. L'azienda antepone i profitti al "bene comune". Esattamente ciò che le élite fasulle comunitarie favorevoli alla censura volevano sentire.

Al momento è in corso una guerra contro Facebook, nel caso non l'aveste notato, ma quelli che la stanno conducendo non hanno gli stessi problemi con il gigante dei social media di Mark Zuckerberg che voi ed io potremmo avere. 

Siamo preoccupati che Facebook censuri già troppo nella sfera politica, ma le élite al potere sono preoccupate che non censuri abbastanza. 

Alle élite non piace il fatto che la piattaforma di Zuckerberg dia voce a Joe Bloggs – che Joe possa usare la sua voce per mettere in discussione le narrazioni egemoniche e pubblicare materiale “non approvato” . Joe Bloggs deve essere messo al suo posto. Così come chi produce il materiale “non approvato” che condivide con i suoi amici.  

La testimonianza di Haugen ha promosso quell'agenda pro-censura e pro-controllo, motivo per cui le sue parole hanno ottenuto una copertura così brillante nei media mainstream.

Sarà lo stesso con Zhang. Quando ha lasciato Facebook l'anno scorso, l'ex scienziata dei dati ha scritto un lungo promemoria in cui affermava che la società non era riuscita a contrastare la disinformazione. Ha scritto: "So di avere le mani sporche di sangue ormai".  Apparentemente, parlerà di "più account falsi su Facebook" che hanno "minato le elezioni e gli affari politici in tutto il mondo".

Qual è la scommessa che "quei maledetti russi" (che ovviamente ha impedito a Saint Hillary Clinton di diventare presidente nel 2016), tornerà sotto i riflettori - e che l'effetto combinato della testimonianza di Haugen e Zhang sarà quello di rafforzare ulteriormente la censura di Facebook? 

Nel frattempo, mentre Haugen e Zhang sono festeggiati perché stanno dicendo esattamente ciò che la classe politica vuole sentire (e, come sottolinea Glenn Greenwald, hanno il potenziale per guadagnare milioni di dollari dal programma di segnalazione della SEC) il più famoso "informatore" del mondo ' sta ancora languendo nella prigione di Belmarsh.

Julian Assange ha rivelato ciò che l'Occidente (e altri governi) stavano facendo in segreto con i nostri soldi, ma invece di essere lodato dai media per il servizio che stava facendo per la democrazia, è stato attaccato. Non c'era nessun invito per lui a rivolgersi al Congresso. E nessuna prospettiva che lui possa vincere premi di milioni di dollari dagli enti statali degli Stati Uniti.

Coloro che attaccano Assange diranno che ha messo in pericolo la sicurezza nazionale, ma in verità sono state le guerre illegali su cui il fondatore di WikiLeaks ha cercato di far luce a farlo.

Si teme che Julian non lascerà mai vivo la prigione. La sua vita negli ultimi 10 anni assomiglia a un incubo kafkiano. È il "Josef K" dei nostri tempi, con il suo "Processo" senza fine.

Assange ha pagato un prezzo terribile per averci raccontato cosa è successo dietro il sipario, cose che non avremmo mai dovuto scoprire, ma che era nostro diritto sapere. Il che è ciò che rende l'attuale adulazione degli "informatori" di Facebook da parte di coloro che tacciono sul trattamento di Assange, o che effettivamente lo sostengono, così nauseante.   

*Giornalista, scrittore, conduttore televisivo e blogger. Il suo premiato blog www.neilclark66.blogspot.com. Account Twitter  @NeilClark66

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani di Giorgio Cremaschi Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Ti do un bonus... se non ti ammali! di Savino Balzano Ti do un bonus... se non ti ammali!

Ti do un bonus... se non ti ammali!

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel di Roberto Cursi Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti