Netanyahu: Israele pronto ad un blocco navale contro l'Iran per bloccare le spedizioni di petrolio

Netanyahu: Israele pronto ad un blocco navale contro l'Iran per bloccare le spedizioni di petrolio

Il primo ministro del regime israeliano, Benjamin Netanyahu afferma che Israele è pronto a usare il potere della sua forza navale - e sollecita il mondo a unirsi - per bloccare le spedizioni petrolifere iraniane che aggirano le sanzioni statunitensi imposte unilateralmente contro Teheran.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


"L'Iran sta cercando di aggirare le sanzioni attraverso il contrabbando nascosto di petrolio attraverso il mare. Man mano che questi tentativi si espandono, la marina avrà un ruolo più importante negli sforzi per bloccare queste azioni iraniane ", ha dichiarato ieri il primo ministro del regime israeliano, Benjamin Netanyahu.


 
Non riuscendo a spiegare come esattamente la relativamente piccola forza navale di Israele imporrà il blocco suggerito contro le petroliere iraniane, Netanyahu ha solo enfatizzato che i marinai israeliani sono ben addestrati e abili nello svolgere missioni marittime contro le forze nemiche.
 
Washington ha sanzionato le industrie petrolifere, marittime e bancarie dell'Iran lo scorso novembre, dopo che il presidente Donald Trump si è ritirato dal JCPOA 2015 "Accordo sul nucleare iraniano" con il plauso di Israele e le forti obiezioni degli altri firmatari dell'accordo e dei partner commerciali di Teheran.
 


Con l'obiettivo di ridurre le esportazioni di petrolio di Teheran a "zero", gli Stati Uniti hanno minacciato gli acquirenti di petrolio globali con sanzioni secondarie. Poi, dopo che la pressione non è riuscita a raggiungere i risultati attesi, ad una decina di paesi è stata concessa un'esenzione speciale, con Washington che ha "generosamente" permesso loro di continuare ad acquistare greggio da Teheran, per il momento.
 
Furiose per il bullismo statunitense, le forze armate iraniane hanno dichiarato che proteggeranno la loro flotta di petroliere da qualsiasi minaccia che possa mettere a repentaglio le spedizioni. Teheran è particolarmente impegnata a garantire un passaggio sicuro attraverso lo Stretto di Hormuz, che collega il Golfo Persico con il resto del mondo.
 
Per affrontare quella che si chiama attività economica "illecita" dell'Iran in mare, Israele avrebbe bisogno di espandere la sua sala operativa. Attualmente, il paese è principalmente attivo nelle aree del Mar Mediterraneo e del Mar Rosso. Se tali potenziali missioni israeliane possano fruttare o meno il successo è discutibile, poiché l'Iran ha capacità di gran lunga superiori in mare.
 

Potrebbe anche interessarti

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano" di Francesco Santoianni Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

"Io me li ricordo i bulloni degli operai incazzati in piazza" di Pasquale Cicalese "Io me li ricordo i bulloni degli operai incazzati in piazza"

"Io me li ricordo i bulloni degli operai incazzati in piazza"

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO di Gilberto Trombetta DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti