/ "Non ci aspettavamo che il mondo tacesse": gli Stati Uniti contin...

"Non ci aspettavamo che il mondo tacesse": gli Stati Uniti continuano a uccidere i civili impunemente

 

L'amministrazione Trump, che ha promesso di tenere a freno le inutili guerre di Washington, non solo ha ampliato il programma di droni segreti e nascosti degli Stati Uniti, ma ha anche portato il suo bilancio di vittime civili a un livello completamente nuovo.


Segue l'analisi di Darius Shahtahmasebi analista legale e politico, attualmente specializzato in immigrazione, rifugiati e diritto umanitario.
 
Come la maggior parte dei campi di battaglia aperti sotto l'amministrazione Obama, Donald Trump ha scatenato attacchi aerei contro il famigerato gruppo terrorista Al-Shabaab in Somalia circa due anni fa. E, come la maggior parte delle guerre di droni espanse sotto Obama e drammaticamente allargate sotto Trump, i dettagli di questo assalto segreto vengono continuamente spazzati sotto il tappeto, in particolare quando si tratta di vittime civili.
 
Il Pentagono ha dichiarato apertamente che i suoi attacchi aerei in Somalia hanno ucciso zero civili.
 
Eppure, recentemente, un'indagine condotta da Amnesty International su solo cinque degli attacchi effettuati dal marzo 2017 da entrambi i velivoli con equipaggio umano e senza pilota ha rilevato che gli attacchi hanno provocato almeno 14 morti civili, con casi di otto feriti civili. In totale, gli Stati Uniti hanno effettuato oltre 100 attacchi in Somalia dal 2017.
 
Amnesty ha chiarito che gli attacchi hanno violato il diritto internazionale umanitario e possono essere considerati crimini di guerra (ricordate che ne hanno valutati solo cinque su 100 finora). Stranamente, il pezzo del New York Times che presenta questo rapporto non menziona quell'ultimo punto, anche quando Amnesty lo ha menzionato molto presto nella sua versione (anche se, detto questo, il Times fece un tentativo poco entusiasta di adottare una morale e posizione legale vicino alla fine dell'articolo, sottolineando che "i critici hanno affermato che" la guerra dei droni "potrebbe anche tradursi in crimini di guerra." )
 
Non c'è da preoccuparsi però, quando si è rivolto a un commento di Amnesty International, il Comando Africa USA (AFRICOM) ha ripetuto l'affermazione che nessun civile è morto nelle operazioni americane in Somalia.
 
L'esercito americano è davvero una forza meravigliosa e benevola per il bene del mondo, non è vero? Ha incrementare i suoi attacchi aerei in Somalia dopo che il presidente degli Stati Uniti firmò un ordine esecutivo nel marzo 2017, dichiarando la Somalia meridionale una "zona di ostilità attiva". Condusse più attacchi aerei in Somalia che in Libia e Yemen messi insieme. Solo nei primi mesi del 2019, ha già effettuato 24 attacchi sul territorio somalo, rispetto a solo 14 in tutto il 2016 , prima dell'entrata in carica di Trump. Nel 2018, i raid aerei americani hanno ucciso 326 persone. Eppure, non un singolo civile è morto o è stato ferito. Notevole.
 
Uno di questi attacchi nel villaggio di Farah Waeys in Somalia avrebbe ucciso membri "o affiliati di Al-Shabaab", secondo AFRICOM. Quelli affiliati, tuttavia, erano in realtà due uomini civili, oltre a cinque donne e bambini feriti. Un altro attacco ha ucciso tre agricoltori locali nelle prime ore della mattina di novembre 2017, che stavano riposando dopo aver lavorato tutta la notte per scavare canali. Anche l'AFRICOM ha ammesso di aver effettuato un attacco aereo nella regione quella stessa mattina.
 
Se pensavamo che fosse difficile monitorare le guerre segrete guidate dagli Stati Uniti in Medio Oriente e in Africa, sembra essere peggiorato ancora sotto Trump. Proprio di recente, Trump ha permesso alla CIA di mantenere segreto il numero di civili uccisi nei suoi attacchi aerei al di fuori delle zone di guerra. Mentre traspare, una legge approvata dal Congresso che rende obbligatorio per il Pentagono riportare pubblicamente i civili uccisi nelle sue operazioni si applica solo al Pentagono, e non al programma dei droni della CIA.
 
La legge è comunque inutile, quando si considera come il Pentagono valuta se i civili siano stati uccisi o meno. L'allentamento di Donald Trump delle regole che circondano i bombardamenti aerei sono di per sé una via per un tribunale criminale di guerra. Secondo un generale di brigata statunitense in pensione che è stato consultato da Amnesty, l'ordine esecutivo di Trump ha ampliato la lista dei potenziali bersagli per includere i maschi adulti che vivono nei villaggi solidali con Al-Shabaab che si trovano nel raggio d'azione di noti combattenti. Questa era già una tattica conosciuta sotto il presidente del premio per la pace Barack Obama, che contava tutti i "maschi dell'età militare" nelle vicinanze di un obiettivo come miliziani.
 
In altre parole, non possiamo fidarci che il Pentagono sia disponibile con queste statistiche anche quando sono obbligate dalla legge. Considerando questo paragrafo del governo del New York Times, che per tutta la sua retorica al servizio dell'impero, non può resistere dal dire la verità:
"Eppure, anche sotto le regole precedenti, non importa quanto precise fossero le armi, quanto fossero attenti i pianificatori e quanto abili i combattenti, gli errori, l'intelligence difettosa, persino le decisioni calcolate portarono spesso alla morte di civili. I dati ufficiali vanno da nessuno a esasperatamente vago, e le misure di sicurezza per mitigare le morti civili sono insufficienti.
"
Inoltre, i funzionari della difesa hanno dichiarato sotto anonimato che gli sforzi della CIA e del Pentagono in posti come la Somalia sono comunque fortemente intrecciati, spesso al di fuori delle postazioni militari americane o delle milizie appoggiate dagli Stati Uniti. Il potenziale per gli Stati Uniti di mentirci attraverso a causa di questo accordo è a dir poco stupefacente.
 
Già nel 2015, quattro ex militari dell'aviazione degli Stati Uniti hanno scritto una lettera aperta a Barack Obama per avvertire degli effetti della guerra dei droni, definendola uno "strumento di reclutamento" per gruppi come l'ISIS. Hanno avanzato la 'pazza idea' che l'uccisione di civili innocenti abbia agito come una delle "forze motrici più devastanti per il terrorismo e la destabilizzazione in tutto il mondo".
 
Durante una conferenza stampa a New York, i militari hanno anche rivelato che gli operatori di droni chiamerebbero bambini come "terroristi a misura di divertimento" e giustificano la loro uccisione con la frase che stavano "tagliando l'erba prima che cresca troppo a lungo". Alcuni operatori guidavano i droni durante le loro missioni mentre erano in preda all'abuso di droghe e alcol.
 
"Ne uccidiamo quattro e ne creiamo 10 [miliziani]", ha detto un militare.
 
In passato, i funzionari somali hanno anche avvertito che gli Stati Uniti venivano ingannati da clan rivali che alimentavano le cattive informazioni militari statunitensi mentre conducevano le loro operazioni. Quando gli Stati Uniti si vantano, ad esempio, che i singoli bombardamenti hanno ucciso oltre 150 combattenti di Al-Shabaab, puoi essere abbastanza sicuro che non avremo il quadro completo.
 
Nonostante tutto questo, puoi sempre contare sui media aziendali per in qualche modo dare una svolta all'intero problema che sposta in modo sorprendente la colpa ad altre parti. Prendi, per esempio, questa gemma, di nuovo, dal New York Times:"La mancanza di trasparenza e responsabilità per le morti civili aiuta i nemici a gettare false narrazioni, rende più difficile per gli alleati difendere le azioni americane e costituisce un cattivo esempio per gli altri paesi che stanno rapidamente aggiungendo droni ai loro arsenali".
 
La macchina da guerra americana che uccide i civili aiuta i nemici di Washington a "distorcere le false narrazioni?" Se penso che l'insistenza americana nel far esplodere i musulmani, a destra sinistra e centro, con zero responsabilità o compensi di alcun tipo, rende molto facile la loro chiamata ai nemici a girare narrazioni che sono al cento per cento radicate nella verità. Perché dovrebbero persino mentire?
 
E dove ci porterà tutto questo? Come ha notato astutamente Hina Shamsi, direttrice del Progetto di sicurezza nazionale ACLU:"L'era di Trump ha chiarito quanto siano vulnerabili i limiti delle politiche e quanto sia pericoloso quando un presidente rivendica l'autorità legale per uccidere in segreto. Nel 2017, Trump ha revocato un limite politico chiave limitando gli attacchi letali a "militanti di alto livello" che rappresentano "una minaccia continua e imminente per gli americani". Secondo quanto riferito, inoltre, alcune parti dello Yemen e della Somalia sono state esentate dai  limiti rimanenti. Il risultato? Gli Stati Uniti stanno uccidendo più sospetti di basso livello, indipendentemente dal fatto che il governo abbia motivo di credere che rappresentino una minaccia per gli Stati Uniti ".
 
Gli Stati Uniti non sono nemmeno in guerra con la Somalia, eppure in qualche modo ci sono almeno 500 soldati americani di stanza lì, con altri 6.500 sparsi nel continente africano. Gli Stati Uniti hanno persino assunto appaltatori privati per fornire forze sostitutive nel paese. Persino il Guardian ha riferito alla fine dello scorso anno che il dilagare degli attacchi aerei statunitensi non stava davvero cambiando la situazione sul terreno in Somalia , dal momento che il gruppo terroristico ha continuato a rafforzare la sua presa sul paese.
Per quanto riguarda gli innocenti civili uccisi dai dollari delle tasse americane, faremmo bene a tenere a mente queste "statistiche" (sono persone, dopotutto) in mente la prossima volta che un attacco orribile come quello avvenuto a Christchurch, in Nuova Zelanda , a metà marzo di quest'anno si verifica. Dovremmo tenere a mente che quei leader mondiali che hanno espresso il loro sdegno e il loro sostegno alla Nuova Zelanda, alla fine della giornata, continuano a essere i principali responsabili delle violenze anti-musulmane.
 
Come un contadino del villaggio di Darusalaam, la Somalia ha detto ad Amnesty: "Non ci aspettavamo che il mondo tacesse ".
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa