Nuovi documenti rivelano i legami tra la società che ha spiato Assange e la CIA

Nuovi documenti rivelano i legami tra la società che ha spiato Assange e la CIA

Grayzone ha rivelato legami profondi tra un miliardario degli Stati Uniti, la CIA e la società di sicurezza spagnola che ha spiato il fondatore di WikiLeaks, i suoi amici, la famiglia e gli avvocati mentre era sotto la protezione dell'ambasciata ecuadoriana.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Max Blumenthal è giornalista investigativo pluripremiato, autore e fondatore di The Grayzone, un protale  di notizie indipendente. Ha ottenuto i documenti dell'Alta Corte in merito alle indagini penali spagnole in corso su David Morales, ex membro delle forze speciali ecuadoriane e CEO della società di sicurezza spagnola UC Global, che come è stato rivelato ha spiato Julian Assange, nonostante fosse stato inizialmente assunto per fornire protezione per l'ambasciata ecuadoriana.


 
I documenti ottenuti da Blumenthal e The Grayzone hanno rivelato dettagli precedentemente sconosciuti  riguardo alla connessione tra David Morales , UC Global e Sheldon Adelson, il miliardario che ha contribuito alla campagna del presidente degli Stati Uniti Donald Trump.
 
Sputnik: Cosa c'è di nuovo e di significativo in ciò che hai scoperto e rivelato in relazione a UC Global e al suo targeting per Julian Assange?
 
Max Blumenthal: Quello che ho di nuovo in questa indagine per The Grayzone sono i dettagli del rapporto tra Las Vegas Sands, la società di proprietà del magnate mega-donatore repubblicano ultra-sionista Sheldon Adelson, l'amministrazione Trump, la CIA e UC Global.
 
E mostro il ruolo centrale di figure che sono direttori del team di sicurezza esecutivo di Sheldon Adelson a Las Vegas Sands nel ruolo di intermediari, apparentemente tra l'intelligence americana e UC Global, incluso qualcuno che ha lavorato in precedenza come vicedirettore del servizio segreto che è stato elogiato da la CIA per il suo lavoro, Brian Nagel. Inoltre, Zohar Lahav, che è il vicepresidente del gruppo di protezione esecutivo di Sheldon Adelson nella gestione di David Morales su base giornaliera.
 
[È] abbastanza ovvio. Sheldon Adelson non è molto interessato a Julian Assange. È interessato a Israele e alla sua propria fortuna.
 
Quindi, perché stava succedendo questo? Perché è iniziato non appena Trump è entrato in carica a gennaio 2017? Sembra che Las Vegas Sands stia facendo un favore all'amministrazione Trump e in particolare al direttore della CIA Mike Pompeo, che è uno stretto alleato di Sheldon Adelson.
Mi concentro su questa relazione. E fornisco anche nuovi dettagli con la testimonianza del testimone - protetta - che è emersa in questa corte spagnola, sul rapporto con ciò che questi testimoni descrivono come intelligence americana, o che David Morales di UC Global chiamava "amici americani", e questa operazione, che consisteva non solo nello spionaggio illegale di Assange e dei suoi avvocati e giornalisti statunitensi, e persino di un membro del Congresso americano, ma anche di un'apparente rapina e altri crimini, che meritano di essere indagati ulteriormente dal tribunale.
 
Sputnik: Come hai fatto queste ultime scoperte in relazione a UC Global?
 
 
Max Blumenthal: ho fatto queste scoperte attraverso i documenti che sono stati pubblicati nell'Alta Corte spagnola. Molti di questi documenti sono backup aziendali effettuati da ex dipendenti di UC Global che sono rimasti scontenti e sconvolti da questa operazione apparentemente criminale.
 
 
Un ex socio in affari di David Morales ha anche fornito testimonianze e documentazione. E questo caso si è verificato perché, come ho appena accennato, questi ex lavoratori ed ex comproprietario sono rimasti disgustati da ciò che David Morales stava facendo.
 
Sono andati al team legale di Assange, che aveva sede in Spagna, hanno raccontato loro cosa stava succedendo e sono andati da un giudice spagnolo che ha poi ordinato un'indagine segreta, che ha portato all'arresto di David Morales, credo nell'ottobre 2019.
Morales dovette quindi consegnare i suoi telefoni cellulari. Ora abbiamo messaggi WhatsApp, e-mail. C'è così tanto lì che conferma la testimonianza degli ex impiegati di Morales. E, in definitiva, penso che questo caso dovrebbe invalidare l'accusa di Assange e il tentativo da parte degli Stati Uniti di estradarlo dal Regno Unito.
 
Sputnik: Perché le persone comuni dovrebbero preoccuparsi di queste ultime rivelazioni; in che modo sono influenzati da loro?
 
Max Blumenthal: La gente comune potrebbe non essere così interessata a questo, e dovrebbero esserlo, perché la gente comune vuole sapere cosa fanno i loro governi a loro nome, con i loro soldi. E WikiLeaks e il modello che Julian Assange ha creato, insieme alla volontà personale di Assange di sfidare il potere, ci ha fornito così tante conoscenze sulla criminalità globale, in particolare da parte del governo degli Stati Uniti, violazioni del diritto internazionale e sovversione di altri governi, i loro affari e la corruzione della politica americana da parte di almeno uno dei maggiori partiti.
Quindi, c'è un chiaro interesse pubblico nella protezione di Wikileaks , ma oltre a ciò, dovrebbe esserci un interesse da parte di ogni giornalista, per proteggere il Primo Emendamento negli Stati Uniti [Costituzione] e per proteggere lo spirito globale della libertà di parola.
Mike Pompeo, nel suo primo intervento come direttore della CIA nell'aprile 2017, ha delineato una campagna di contromisure contro WikiLeaks, ha definito Julian Assange una frode e un obiettivo principale e ha definito WikiLeaks  un '"agenzia di intelligence straniera ostile". C'è una linea nel suo discorso, che penso che molte persone abbiano trascurato, ed è quando Pompeo ha detto che 'Wikileaks non può più usare la libertà di parola come difesa'. Perché un direttore della CIA decide chi può usare la libertà di parola come difesa e chi no? Assange non è nemmeno un cittadino americano. Ma si tratta di rimuovere le protezioni vocali gratuite per tutti gli informatori. Quindi, chiunque chiami corruzione.
E poi oltre, ciò che delinea il mio pezzo è il targeting di tutti gli individui collegati ad Assange, compresa la madre dei suoi due figli, a cui venivano rubati i pannolini della sua bambina dai bidoni della spazzatura. Gli amici di Julian Assange, da Pam Anderson a Randy Credico, stavano aprendo i loro telefoni. A Pam Anderson è stata rubata la password e-mail. Abbiamo visto spiare funzionari ecuadoriani semplicemente perché erano lì. Ci sono prove - secondo una fonte - che un funzionario ecuadoriano è stato derubato sotto la minaccia delle armi perché avevano in loro possesso i dettagli di un piano per garantire l'immunità diplomatica a Julian Assange attraverso un altro paese.
Ola Bini, amica di Juliana Assange, sviluppatrice di software svedese e attivista informatico, è stata arrestata lo stesso giorno ed è stata in prigione da allora. Gran parte del suo tempo è stato trascorso lì senza spese, tutto perché era amico di Assange. Lo stava visitando e hanno lavorato insieme per denunciare la corruzione in Ecuador. Bini fu delineato come bersaglio di Morales che stava spiando anche Assange.
Quindi il punto è che non è solo per gli informatori che si stanno togliendo la protezione della parola da questo caso, che il giornalismo stesso viene preso di mira. Assange è semplicemente un editore e sarebbe la prima persona condannata per la pubblicazione di documenti classificati negli Stati Uniti, ma chiunque sia collegato a informatori ora può essere preso di mira al fine di ottenere l'informatore. E questo dovrebbe essere terrificante. Le loro famiglie, chiunque. Stanno chiaramente cercando di fare un esempio di Julian Assange. Quindi questo pezzo che ho scritto, questa indagine, non solo mostra ciò contro cui Julian Assange si è scontrato, mostra anche ciò che siamo tutti contro, tutti noi che stiamo cercando di dire la verità e arrivare al fondo del reale funzionamento dello stato di sicurezza nazionale.
Sputnik: Dovremmo aspettarci più rivelazioni da The Grayzone  rispetto a UC Global e alle sue operazioni?
 
Max Blumenthal: sto lavorando a più storie relative a questo caso giudiziario e relative alla campagna condotta in nome della sicurezza nazionale che apparentemente ha violato il diritto internazionale, molte leggi interne e principi che qualsiasi democrazia dovrebbe considerare sacra.
 
Ma questo è tutto ciò che posso dire per ora.
 

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Renatino è un crumiro infelice di Giorgio Cremaschi Renatino è un crumiro infelice

Renatino è un crumiro infelice

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa di  Leo Essen Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti