Siria e dintorni/Nuovo appello di Damasco: Revocare le sanzioni sleali imposte all...

Nuovo appello di Damasco: Revocare le sanzioni sleali imposte alla Siria alla luce della diffusione del Covid-19 nel mondo

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Finora le autorità siriane hanno comunicato 10 casi di coronavirus Due i decessi.

 
L'ambasciatore siriano presso le Nazioni Unite, il dott. Bashar Al-Jaafari, ha sottolineato la necessità di revocare le misure economiche coercitive illegali imposte dall'Occidente alla Siria e ad altri paesi, in particolare dopo la diffusione della pandemia di Coronavirus nel mondo, e che la continua applicazione di tali sanzioni corrobora l'ipocrisia di alcune parti nell'affrontare la questione umanitaria in Siria.
 
Durante una sessione del Consiglio di sicurezza internazionale in video conferenza, al-Jaafari ha espresso la forte condanna della Siria per queste misure utilizzate da alcuni governi degli Stati membri di questa organizzazione come arma nella sua guerra contro la Siria, tra gli altri paesi, che vietano ai siriani di acquisire alimenti e servizi di base, nonché impedire ai lavoratori nel settore sanitario di accedere ai bisogni primari per prevenire questa pandemia e affrontare possibili casi di infezione.
 
"La persistenza di imporre queste ingiuste misure coercitive che violano il diritto internazionale, la Carta delle Nazioni Unite e il diritto umano e l'inazione di fronte alle nostre ripetute richieste di eliminarle, la più recente delle quali appare nella lettera congiunta inviata dai Rappresentanti permanenti di 25 paesi: Cina, Cuba, RPDC, Nicaragua, Iran, Russia, Siria e Venezuela, a Sua Eccellenza il Segretario Generale il 25 marzo 2020, dimostrano ancora una volta l'ipocrisia di alcuni nel gestire la situazione umanitaria nel mio paese e in altri paesi ", ha riferito.
 
Ha evidenziato che la Siria ha recentemente ricevuto numerosi funzionari di alto livello da entità internazionali partner del governo siriano nel lavoro umanitario, aggiungendo che i colloqui con loro sono stati "positivi" e ha sottolineato la necessità di cercare una cooperazione congiunta che si armonizzi con principi di azione umanitaria non politicizzata e volontà del governo siriano di facilitare l'accesso a tutte le parti del paese dal territorio siriano e attraverso un meccanismo che comprende, insieme allo stato siriano, le Nazioni Unite e la Mezzaluna rossa araba siriana al fine di garantire che l'assistenza umanitaria raggiunga le famiglie che lo meritano e non i terroristi.
 
La Siria sottolinea la necessità di costringere il regime turco e le sue organizzazioni terroristiche a cessare i loro crimini e di consentire ai civili siriani detenuti per mano dei loro terroristi in alcune zone di Idleb di tornare alle loro case in zone liberate dal terrorismo e di fornire loro assistenza. immediato dall'interno della Siria e sostenere gli sforzi nazionali per normalizzare la vita.
 
Ha osservato che è inaccettabile consentire al regime turco di sponsorizzazione del terrorista di trarre vantaggio dalla sofferenza dei rifugiati siriani e di usarli per ricattare l'Europa e fare pressione sui governi europei affinché sostengano militarmente questo regime sotto l'egida della NATO o per dargli vantaggi e privilegi ai paesi dell'Unione Europea.
 
"È anche inaccettabile trascurare il sostegno del regime turco al terrorismo e il fatto che abbia spudoratamente trasferito terroristi in Libia e in altri paesi, trasportati molti anni fa dalla Libia allaSiria ”, ha denunciato.
 
Ha sostenuto che il governo siriano ha creato tutte le condizioni per garantire loro un ritorno dignitoso e ha denunciato che le forze di occupazione statunitensi e i loro gruppi terroristici, che occupano l'area di al-Tanf dove si trova il campo di Rukban, continuano a impedire il ritorno di gli sfollati in questo campo a casa loro.
 
Al-Jaafari ha chiarito che le organizzazioni terroristiche sostenute dal regime turco continuano a controllare alcune aree della provincia di Idleb e ha condannato che il 16 marzo 2020 queste organizzazioni hanno attaccato strutture di ONG umanitarie nelle città di Idleb e Ariha nel nord-ovest dalla Siria, dove saccheggiarono le loro dispense e derubato i loro volontari.
 
Ha denunciato che il regime di Erdogan e i suoi terroristi continuano a usare l'acqua come arma di guerra contro i civili nella città di Hasaka, nel nord-est della Siria.
 
Ha spiegato che le forze di occupazione turche continuano a tagliare l'acqua dalla stazione di Alluk e dai suoi pozzi, togliendo così acqua potabile a milioni di civili siriani, la maggior parte dei quali sono bambini e donne.
"Questo è un crimine di guerra, specialmente quando tutti cerchiamo di prevenire la diffusione della pandemia di Covid-19", ha concluso.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa