OPCW, Siria: Nessuna traccia di gas nervino a Douma

OPCW, Siria: Nessuna traccia di gas nervino a Douma

Nessuna traccia di agenti nervini è stata trovata dove lo scorso aprile avvenne un presunto attacco chimico nella città siriana di Douma, secondo un rapporto provvisorio dell'OPCW. Tuttavia, sul sito sono state trovate tracce di cloro. Depositi di questa sostanza sono stati più volte ritrovate dalle forze russe e siriane quando hanno liberato le città in mani ai "ribelli" e gruppi jihadisti.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Nessuna traccia di agenti nervini è stata trovata nel sito di un presunto attacco chimico nella città siriana di Douma, secondo un rapporto provvisorio dell'OPCW, l'organizzazione per la proibizione delle armi chimiche in seno all'ONU. Tuttavia, sul sito sono state trovate tracce di cloro.


 
Prodotti chimici organici clorurati sono stati trovati” in due luoghi alla periferia Damasco di Douma, esaminati da specialisti si legge nel comunicato dell'Organizzazione. Le sostanze chimiche sono state trovate in due campioni prelevati da contenitori trovati a Douma, secondo il rapporto. Il rapporto ha confermato l'assenza di tracce di agenti nervini, come il sarin, nel sito.
 
L'OPCW ha inviato una missione di inchiesta a Douma ad aprile, circa una settimana dopo il presunto attacco del quale fu incolpato l'esercito siriano. Durante lo stesso mese, la Russia disse che i contenitori di cloro provenienti della Germania, che apparentemente appartenevano ai "ribelli", furono trovati nelle parti liberate di Douma.
 
In seguito, l'esercito russo ha trovato un intero laboratorio gestito dai miliziani nel centro di Douma, che era in grado di produrre armi chimiche. Il laboratorio aveva alcune attrezzature sofisticate, tra cui un reattore chimico industriale, che probabilmente era usato per creare agenti tossici. Il filmato, ripreso da giornalisti russi all'interno della struttura, mostrò anche vaste scorte di vari prodotti chimici, alcuni dei quali prodotti in Germania, così come proiettili di mortaio vuoti che potevano essere riempiti con sostanze velenose.
 
Il presunto attacco chimico a Douma avvenne il 7 aprile scorso. Una settimana dopo, Washington ed i suoi alleati lanciarono un massiccio attacco missilistico contro la Siria, senza attendere che l'OPCW iniziasse le indagini sull'attacco.
 
Il rapporto dell'OPCW arriva circa una settimana dopo che all'OPCW è stata concessa l'autorità non solo di indagare su eventuali presunti attacchi chimici, ma anche di assegnare loro la colpa. Mosca ha poi avvertito che questo provvedimento potrebbe portare questa organizzazione ad essere strumentalizzata politicamente.
 
 

Potrebbe anche interessarti

Il servilismo di un paese praticamente fallito di Paolo Desogus Il servilismo di un paese praticamente fallito

Il servilismo di un paese praticamente fallito

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Mosca condanna le azioni di Israele di Marinella Mondaini Mosca condanna le azioni di Israele

Mosca condanna le azioni di Israele

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea di Gilberto Trombetta Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti