Operaio muore a 70 anni sul lavoro. Nella città di Di Vittorio

Operaio muore a 70 anni sul lavoro. Nella città di Di Vittorio

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 

È successo nella mia Cerignola, il posto dove sono nato, cresciuto, al quale devo tantissimo e che amo più di ogni altro.



È successo nella città di Giuseppe Di Vittorio, nella città che ha dato i natali al sindacalista più importante di sempre: un uomo che veniva dal nulla, che ha visto morire suo padre di fatica nei campi, per poi portare la causa del lavoro ai massimi livelli. Per dare dignità agli ultimi, ai più deboli, a coloro i quali animavano i suoi pensieri mentre scriveva la nostra Costituzione: fondando la Repubblica sul lavoro, sull'idea di un'esistenza libera e dignitosa per tutti, sull'idea di un lavoro per ognuno di noi, sull'idea di un lavoro sicuro, protetto e tutelato.

Oggi, a Cerignola, muore un operaio di settant'anni perché precipita mentre fa il suo lavoro. A settant'anni.

 



Non è accettabile, non è semplicemente tollerabile un episodio di questo tipo: si dovrebbe fermare il paese dinanzi ad un avvenimento di questa portata. E invece non succede nulla: non accade nulla perché l'Italia intera è zuppa di sangue, di sangue versato sul lavoro da persone innocenti che provano a tirare a campare.

Ci pensi chi ciancia di assistenzialismo, dei meridionali, degli italiani che preferiscono un sussidio pur di stare sul divano a non fare nulla. Oggi in questo paese si muore a settant'anni, da operaio nella città di Di Vittorio.

A Cerignola, che oggi rappresenta il paese intero, si muore di solitudine: costretti a salire su di un cornicione quando i riflessi e le forze non sono più quelli di un tempo, per poi precipitare in un vuoto senza fine, un vuoto incostituzionale, un vuoto che si perpetua, in ognuno di noi.

Savino Balzano

Savino Balzano

Savino Balzano, nato a Cerignola nel 1987, ha studiato Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Perugia. Autore di "Contro lo Smart Working" (Laterza, 2021) e di "Pretendi il Lavoro! L'alienazione ai tempi degli algoritmi" (GOG, 2019). Sindacalista, si occupa di diritto del lavoro, collabora con diverse riviste.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti