World Affairs/Palestina. La grande truffa dell''Accordo del secolo' di Trump, p...

Palestina. La grande truffa dell''Accordo del secolo' di Trump, punto per punto

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Il piano prevede la creazione di due stati indipendenti, ma limita notevolmente la sovranità della Palestina in cambio di alcune concessioni territoriali di Israele


Ieri, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato il suo piano di pace per il conflitto israelo-palestinese, un piano che ha definito "l'accordo del secolo".
 
Il testo preparato dalla Casa Bianca è stato pubblicato  sul suo sito ufficiale e lodato dal Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu come "un grande piano per Israele". Le autorità palestinesi, d'altra parte, hanno  respinto  la proposta quasi immediatamente. Diamo un'occhiata alle sue disposizioni principali.
 
Questioni territoriali
 
Gli autori del documento affermano che una vera pace tra le due nazioni può essere concordata solo dopo aver risolto i gravi problemi territoriali che provocano la divisione del territorio palestinese e l'esistenza delle enclavi israeliane in Cisgiordania.
 
"Qualsiasi proposta di pace realistica richiede che lo Stato di Israele assuma un significativo impegno territoriale che consenta ai palestinesi di avere uno stato praticabile, rispettare la loro dignità e rispondere alle loro legittime aspirazioni nazionali", si legge nel piano.
 
La proposta presuppone l' aumento del territorio palestinese e la creazione di due aree di dimensioni comparabili alla Striscia di Gaza a sud di questa enclave. Uno di questi sarà un'area di industria avanzata e l'altra, una zona agricola e residenziale. In cambio, 15 insediamenti israeliani saranno conservati in Cisgiordania.
 
Di conseguenza, il 97% degli ebrei e degli arabi vivrà in insediamenti direttamente collegati al resto del territorio dei loro paesi, prosegue il documento.
 
Gerusalemme
 
Il piano di Trump prevede che " Gerusalemme rimanga la capitale sovrana dello Stato di Israele ". Durante il suo discorso che introduce il piano di pace, il presidente degli Stati Uniti ha ricordato che Washington aveva già riconosciuto tale status per la città nel dicembre 2017.
 
Allo stesso tempo, Trump ha indicato che il piano consente allo stato arabo di stabilire la sua capitale "nella sezione di Gerusalemme est situata in tutte le aree a est e nord dell'attuale barriera di sicurezza, tra cui Kafr Aqab, la parte orientale di Shuafat e Abu Dis". La sezione palestinese della città potrebbe essere chiamata con il suo nome arabo, Al Quds, o un altro nome determinato dallo Stato della Palestina, indica la proposta.
 
Washington aprirà una nuova ambasciata a Gerusalemme est se il suo piano di pace sarà accettato per risolvere il conflitto tra Israele e Palestina, ha aggiunto Trump.
 
Sovranità limitata della Palestina
 
Allo stesso tempo, il progetto prevede le dimissioni volontarie delle autorità palestinesi da una parte della loro sovranità.
 
"Una soluzione realistica darebbe ai palestinesi tutto il potere di governare se stessi, ma non i poteri di minacciare Israele. Ciò implica necessariamente limitazioni di alcuni poteri sovrani nelle aree palestinesi", delinea il piano e i dettagli che le Forze di Difesa israeliano (IDF) controllerà lo spazio aereo sullo stato arabo e le acque territoriali della Palestina di fronte la Striscia di Gaza. Anche due attraversamenti al confine con la Giordania, che saranno inclusi nella rete stradale palestinese, saranno sotto il controllo israeliano.
 
"La sovranità è un concetto amorfo che si è evoluto nel tempo. [...] L'idea che la sovranità sia un termine statico e costantemente definito è stato un ostacolo inutile nei negoziati precedenti. Preoccupazioni pragmatiche e operative che incidono sulla sicurezza. La prosperità è la cosa più importante ", spiegano gli autori del piano.
 
Infrastrutture ed economia palestinesi
 
In cambio della rinuncia parziale alla sua sovranità, il piano di Trump promette alla Palestina la creazione di considerevoli infrastrutture e la conseguente enorme crescita economica.
 
In particolare, è prevista la costruzione di un  tunnel sotterraneo per collegare le sue due parti, la Striscia di Gaza e la Cisgiordania, che finora non sono collegate tra loro. Lo Stato arabo avrà anche accesso ai porti israeliani di Ashdod e Haifa .
 
Si sostiene che, combinate con un massiccio investimento di fondi nello Stato palestinese, queste misure genereranno prosperità economica. Pertanto, gli autori del piano stimano che dopo i primi 10 anni di coesistenza dei due Stati, il PIL palestinese aumenterà più del doppio e il tasso di povertà diminuirà del 50%. È prevista la creazione di oltre un milione di posti di lavoro.
 
Rifugiati palestinesi
 
Nel 1948 e nel 1967, circa un milione di arabi fuggirono dalle loro case in Palestina all'avanzata dell'esercito israeliano. Attualmente, il numero di rifugiati e dei loro discendenti è stimato in circa 5 milioni di persone. La proposta di Trump cerca di privarli della possibilità legale di tornare in Israele.
 
"Non vi sarà alcun diritto al ritorno o all'assorbimento di rifugiati palestinesi nello Stato di Israele", sottolinea il piano, che prevede tre opzioni per i rifugiati: ottenere il passaporto dello Stato palestinese, naturalizzarsi nel loro paese di residenza o trasferirsi in un altro Stato .
 
 
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa