Paolo Maddalena - L’ordinamento giuridico (e la civiltà) rischia di grosso con l’azione di questo governo

Paolo Maddalena - L’ordinamento giuridico (e la civiltà) rischia di grosso con l’azione di questo governo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Sembra sempre più chiaro che obiettivo ultimo del pensiero unico neoliberista, incarnato anche dall’attuale governo, sia la distruzione degli Stati nazionali a favore della speculazione selvaggia dei mercati.

 

Il passaggio dalla inciviltà dell’uomo branco allo stato dell’uomo civile è avvenuto con la costituzione di città Stato, al qual fine sono necessari tre elementi: un aggregato umano (Popolo), la proprietà pubblica di un appezzamento di terreno (territorio) e un ordinamento giuridico che regoli la vita civile (sovranità).

 

Infatti i governi che si sono succeduti dall’assassinio di Aldo Moro, e da ultimo i governi Draghi e Meloni stanno scardinando le strutture fondamentali degli Stati nazionali meno forti, tra cui l’Italia.

 

Abrogare le norme che tutelano il Popolo è l’azione più nefasta che si possa concepire contro la civiltà e finora siamo costretti a registrare, non solo in Italia, ma anche in ambito europeo, i cosiddetti scudi contro gli interessi del Popolo e a favore di chi commette azioni incivili, cioè contrarie al progresso della civiltà.

 

Si pensi allo scudo penale previsto per gli operatori del MES, allo scudo fiscale previsto in Italia a favore degli evasori e, di recente, persino lo scudo contro i danni erariali, il che vuol dire la legittimazione a impossessarsi di denaro o beni economici appartenenti alla proprietà pubblica del Popolo. 

 

E al fondo di tutto abbiamo la sorpresa di trovare anche un quarto scudo, sempre a carico del Popolo e a favore di amministratori e dipendenti pubblici, lo scudo contro i controlli sul PNRR della Corte dei conti.

 

Corriamo precipitosamente verso l’autodistruzione, favorita anche dal fatto che la Meloni compie azioni divisive degli italiani, distribuendo vantaggi a singole formazioni (si pensi agli evasori fiscali) e distruggendo dalle fondamenta servizi pubblici essenziali, che devono essere garantiti gratuitamente per l’intero Popolo, in primis: sanità, ambiente, istruzione e cultura.

 

È ora che il Popolo si svegli, tenendo presente che le violazioni dei principi fondamentali della Costituzione da parte della Meloni sono continui e pesanti, come la violazione dell’articolo 32 Cost., a proposito della sanità, e dell’articolo 34 Cost., che riguarda l’istruzione. E a ciò è da aggiungere vergognosamente la palese violazione dell’articolo 100 della Costituzione, secondo il quale: “la Corte dei conti esercita il controllo preventivo di legittimità sugli atti del governo (da tempo abrogato per l’azione insistente di illustri giuristi) e anche quello successivo sulla gestione del bilancio dello Stato, partecipa al controllo (controllo concomitante) sulla gestione finanziaria degli Enti a cui lo Stato contribuisce in via ordinaria, riferisce direttamente alle Camere sul risultato del riscontro eseguito. La legge assicura l’indipendenza della Corte dei conti e dei loro componenti di fronte al governo”.

 

La sottrazione delle funzioni di controllo relative al PNRR con un decreto legge è uno schiaffo intollerabile contro l’indipendenza della Corte dei conti nell’esercizio delle proprie funzioni, ed è un danno enorme a carico del Popolo.

 

A questo punto non resta che il ricorso alla Corte costituzionale.

Paolo Maddalena

Paolo Maddalena

Giurista e magistrato, è vicepresidente emerito della Corte costituzionale e autore di importanti studi e sentenze sulla tutela dell'ambiente

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti