Paolo Maddalena: "Il mal seme del neoliberismo crolla con il venir meno della globalizzazione"

Paolo Maddalena: "Il mal seme del neoliberismo crolla con il venir meno della globalizzazione"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La giornata di ieri è stata estremamente importante perché ha segnato una svolta decisiva nel corso della guerra in atto. Su iniziativa di Biden hanno dichiarato di essere contro la Russia e a favore dell’Ucraina tutti gli Stati europei, compresa l’Inghilterra e naturalmente l’Italia.

E di fatto c’è stato l’accordo di inviare in Ucraina, in vista della controffensiva di primavera, 31 carri armati di ultima generazione da parte degli Usa nonché i Leopard in arrivo tramite la Germania e altri Paesi europei, per un totale di 110 carri armati.

Una vera e propria escalation che, logicamente, è un terribile passo avanti verso lo scontro atomico totale. L’errore di fondo va ricercato nel pensiero neoliberista che, provenendo dall’America, e in particolare dalla scuola economica di Chicago, nella quale è stato decisivo l’apporto di Milton Friedman, si è esteso in tutta l’Europa.

Si tratta di una nuova e falsa interpretazione dell’economia che, sulla base reale della globalizzazione dei mercati, è stata vista, non più come economia dello scambio, ma come economia della concorrenza. Così interpreta anche dalle maggiori istituzioni finanziarie internazionali come il Fondo monetario internazionale, la Banca centrale europea, la BCE, ecc..

Concorrenza, in ultima analisi, induce il più delle volte alla sopraffazione e cioè alla prevalenza del singolo sull’altro, ignorando del tutto le conseguenze economiche e sociali di questo principio. Si tratta di una falsa teoria a favore delle multinazionali e della finanza che ha sopraffatto le economie più deboli, come quelle dell’Italia e della Grecia, facendo risentire i suoi effetti negativi anche sulla Russia, la quale ha trovato nell’aggressione contro l’Ucraina lo sbocco naturale delle sue difficoltà economiche.

A questo punto il presupposto di fatto di questo erroneo principio neoliberista, e cioè il mercato globale liberalizzato, è venuto meno e con esso, come sottolinea Tremonti (il quale ha avuto il coraggio di cambiare in pieno il suo punto di vista sull’argomento), in un’intervista pubblicata oggi dal Corriere della Sera, si devono fare i conti con la fine della globalizzazione, auspicando anche una forma d’intervento dello Stato nell’economia.

Sta di fatto comunque che nelle menti offuscate da questo insano principio neoliberista è sparita la piena cognizione della struttura fondamentale  dello stesso Stato-Comunità (qual è il nostro), nel senso che ogni Stato ha il dovere di porre fuori commercio tutti quei beni di preminente interesse pubblico che servono ad assicurare a tutti i cittadini una vita libera e dignitosa.

Quel principio invece ha spinto i governi italiani, succedutisi dall’assassinio di Aldo Moro, a svendere completamente il demanio costituzionale, cioè a togliere al Popolo italiano quello strumento idoneo a difendersi dagli assalti speculativi del mercato generale portandoci a una impressionante miseria.

La soluzione sta nell’osservanza della nostra Costituzione repubblicana e democratica, la quale pone come principio fondamentale dell’economia, non la concorrenza, ma la solidarietà politica economica e sociale (art. 2 Cost.), in modo da assicurare una sostanziale eguaglianza sociale ed economica tra tutti i cittadini (art. 3 Cost.).

I nostri governi invece, sbagliando, ma certo in massima buona fede, hanno distrutto il nostro demanio costituzionale dando in pasto ai privati, non solo i beni demaniali citati dal Codice civile, ma anche la gestione dei servizi pubblici essenziali, delle fonti di energia e delle attività svolte in situazioni di monopolio, i quali, ai sensi dell’articolo 43 della Costituzione, costituiscono le fonti di produzione di ricchezza di preminente interesse generale, ingiustamente tolte a tutti i cittadini per farne elegante dono a singoli soggetti che hanno avuto la concessione, talvolta senza termine, del servizio radiotelevisivo, del servizio autostradale, dei servizi della Cassa depositi e prestiti, del servizio postale, del servizio ferroviario, del servizio del trasporto aereo, del servizio di fornitura dell’energia e del gas e così via dicendo, in piena contraddizione con la Costituzione, dimenticando persino che ogni legge ha il limite della tutela dell’interesse generale. 

Paolo Maddalena

Paolo Maddalena

Giurista e magistrato, è vicepresidente emerito della Corte costituzionale e autore di importanti studi e sentenze sulla tutela dell'ambiente

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti