Patrick Lawrence - Cosa è morto 60 anni fa?

Patrick Lawrence - Cosa è morto 60 anni fa?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Patrick Lawrence* - Scheerpost

Il 9 gennaio 1953, il Washington Post pubblicò un editoriale che a distanza di anni possiamo leggere come un brusio in mezzo a un lungo silenzio. "Choice or Chance" (Scelta o caso) era una schietta preoccupazione su ciò che la Central Intelligence Agency stava facendo. La CIA doveva analizzare le informazioni che aveva raccolto o che le erano arrivate - una questione di opportunità - o doveva eseguire attivamente e segretamente interventi di sua iniziativa? Il suo potere, che si stava rapidamente accumulando, era adeguatamente soggetto alla supervisione politica o, come sembrava pensare il Post, stava diventando un potere a sé stante - operando, di fatto, al di là dei controlli legali? Queste erano le domande cinque anni dopo la fondazione dell'agenzia, un anno dopo che il Presidente Truman aveva creato la National Security Agency con un decreto segreto.

La CIA non aveva certo inventato le operazioni clandestine, i colpi di stato, gli assassinii, le campagne di disinformazione, la manipolazione delle elezioni, la corruzione in alto loco, le false flag e simili. Ma stava elaborando e istituzionalizzando tali intrighi. L'autonomia extra-costituzionale di quello che oggi chiamiamo Stato di sicurezza nazionale era già evidente. Il Post si schierò con coloro che si opponevano, almeno a pagina 20 dell'edizione di quel venerdì invernale. Le attività dell'agenzia erano "incompatibili con una democrazia", protestava il giornale locale di Washington. La riforma era necessaria.

Tanto interessante quanto l'editoriale del Post è stato il silenzio tombale che ne è seguito. Per 20 anni non fu pubblicato altro sull'argomento. Il commento del Post non provocò alcuna riforma significativa. Con una nomina la cui importanza sarà evidente, il facilmente manipolabile Truman nominò Allen Dulles direttore della CIA meno di un mese dopo la pubblicazione dell'editoriale del Post. Dulles, a sua volta, mise Frank Wisner, un ex uomo dell'Office of Strategic Services, a capo delle "operazioni nere" dell'agenzia. Queste includevano, tra l'altro, l'uso massimo dei media compromettendone i ranghi, non ultimo il comando supremo.

Descrivo i primi anni formativi dello Stato di sicurezza nazionale, durante i quali ha raccolto non solo il potere, ma anche la sovranità illegale attraverso la quale "la comunità dell'intelligence" - frase odiosa - oggi ci affligge. Come scrive con impressionante acutezza Aaron Good nel suo imperdibile American Exception: Empire and the Deep State (Skyhorse, 2022), quando Truman autorizzò la NSA e nominò Dulles a capo della CIA, lo Stato profondo - e mi sta bene questo termine - era già una realtà e aveva stabilito che la democrazia era un ostacolo ai suoi interessi e alle sue operazioni che non avrebbe tollerato.

Il presidente Kennedy fu assassinato un decennio dopo che il Post aveva espresso la sua preoccupazione per le attività della CIA e Dulles aveva assunto il controllo a Langley, in Virginia. Se si sposta il tempo in un'altra prospettiva, un martedì di 60 anni fa JFK si accasciò sul sedile posteriore della sua Lincoln Continental mentre guidava a Dallas. Non c'è pericolo di sopravvalutare il significato dell'omicidio di Kennedy: Le conseguenze della sua morte non possono essere sopravvalutate.

Consideriamoli. Cos'altro crollò nel pomeriggio del 22 novembre 1963? Cosa ha perso l'America oltre a un presidente? Estendendo la riflessione al nostro decennio di omicidi, che cosa hanno perso gli americani con gli assassinii di Malcolm X (febbraio 1965), King (aprile 1968) e Robert F. Kennedy (due mesi dopo)? Martin Luther King Jr. non era l'unico di questi quattro ad avere un sogno. Tutti loro lo avevano.

 

Molti scrittori e analisti hanno associato Dulles e la CIA all'assassinio di John Kennedy con vari gradi di certezza. Il più recente è The Devil's Chessboard di David Talbot: Allen Dulles, the CIA, and the Rise of America's Secret Government (Harper Collins, 2015) e i due film di Oliver Stone, JFK (1991) e JFK Revisited (2021). Come ha affermato Stone in un'intervista registrata due anni fa, Dulles era responsabile dal punto di vista operativo, con ogni probabilità al servizio di vari interessi finanziari newyorkesi che consideravano Kennedy una minaccia per l'ordine, globale e interno, di cui beneficiavano.

Un frammento di questo scambio:

Dulles, sì, ma credo che abbia dovuto ottenere il permesso dai piani alti, qualcuno nella struttura finanziaria della East Coast, forse... I Rockefeller hanno fatto così tanto male a questo Paese che non posso certo escludere che abbiano partecipato, perché Kennedy era pericoloso per gli affari, e loro lo sapevano, e ciò che temevano di più era la sua rielezione nel '64.... Questo è il modo in cui la vedo io. Sapevano che, se fosse stato rieletto, si sarebbero trovati con le spalle al muro perché avrebbe avuto più potere.

Quando ho registrato queste osservazioni, ne ho tratto immediatamente degli insegnamenti. Ne citerò due.

Uno: entro il 1963 il governo che dovrebbe servire gli americani non sarebbe più leggibile per loro. Eventi, contesti, responsabili e loro motivazioni e intenzioni: Niente di tutto questo sarebbe più trasparente. Come dice bene David Talbot, era arrivata l'era del governo segreto. Se consideriamo la sicurezza della CIA nell'eseguire un colpo di stato in pieno giorno - e l'omicidio di un presidente in carica non ha altro nome - dobbiamo concludere che nel 1963 lo Stato profondo considerava il suo potere e la sua autonomia fuori discussione. In altre parole, poteva fare qualsiasi cosa e farla franca.

Secondo, e questo deriva dalla realtà appena constatata, il processo democratico in America è stato gravemente compromesso dall'inizio degli anni Sessanta, e scelgo qui il linguaggio più blando per la condizione che descrivo. Se esiste uno Stato profondo che permette lo svolgimento delle procedure democratiche ma non permette cambiamenti inaccettabili, possiamo parlare di una nazione come di una democrazia, o parliamo di una nazione come di una democrazia per consolarci, per evitare di affrontare ciò che è diventato di noi e ci è stato fatto, per sottrarci, infine, al duro lavoro di recupero della nostra vita pubblica?

Sto forse dicendo che la democrazia americana è morta a Dallas il 22 novembre 1963? Che quel giorno abbiamo perso un autentico processo democratico il cui potere, secondo la Costituzione, è supremo? Ben detto: È proprio quello che sto dicendo, la verità si dimostra ancora una volta amara. Guardate i decenni successivi. Abbiamo fatto molto di più che girare a vuoto, senza avvicinarci al tipo di società con il tipo di politica interna ed estera che meritiamo? Questo è ciò che deriva dal non affrontare, per dirla in modo semplice, la realtà.

Non sono tra coloro che glorificano indebitamente JFK, o comunque suo fratello. Kennedy arrivò alla Casa Bianca da convinto guerriero della guerra fredda, con la sua parte o più di ortodossie dell'epoca. Ma la caratteristica inconfondibile dei suoi anni presidenziali è stata la crescita, mi sembra. Al momento della sua morte la sua visione dell'America e del mondo, se non sto generalizzando eccessivamente, era molto diversa da quella che aveva all'inizio. Sembra aver raggiunto una certa nuova illuminazione.

Un po' alla maniera di FDR, Kennedy arrivò a favorire una coesistenza cooperativa con l'Unione Sovietica, in parte, forse, a causa della sua esperienza con Kruscev durante la crisi dei missili di Cuba. Come è noto, poco prima di essere ucciso aveva ordinato l'inizio di un ritiro radicale dal Vietnam. Più in generale, Kennedy voleva coltivare e proiettare un'altra immagine di chi erano gli americani, mostrare un altro atteggiamento, dire al mondo che saremmo stati diversi da ciò che eravamo stati, attraverso un'altra postura e, in definitiva, un altro scopo. Saremmo andati incontro agli altri in pace e con rispetto, non in guerra e con uno o più tipi di abuso o coercizione.

Chas Freeman, in una recente intervista a Radio Open Source, ha ricordato che Kennedy voleva costruire un mondo in cui tutte le persone fossero libere di vivere secondo la propria storia, le proprie tradizioni e le proprie culture, senza doversi conformare alle aspettative degli altri. Possiamo considerare JFK un sostenitore del multipolarismo decenni prima del suo tempo? Penso di sì. Il multipolarismo era l'inevitabile conseguenza del crollo del binomio della Guerra Fredda. Kennedy, dobbiamo chiederci, potrebbe averlo visto molto in anticipo. È stato il nostro primo presidente "post-eccezionalista"? Gli studiosi possono affrontare questa riflessione meglio di me, ma sono perfettamente felice di porre la domanda.

C'è una fotografia che ritrae Jack e Bobby in piedi nello Studio Ovale che si fissano l'un l'altro in quello che sembra essere uno stato di ansia sulla via di un leggero shock, come a dire: "Cosa?". Credo sia stata scattata all'incirca all'epoca dell'episodio della Baia dei Porci, quando Dulles cercò di intrappolare Kennedy per fornirgli copertura aerea e JFK lo bloccò. Ho sempre letto la foto, un bianco e nero ben illuminato, come il momento in cui i due Kennedy si resero conto che la CIA e lo Stato di sicurezza nazionale erano diventati un mostro, che avrebbero dovuto affrontarlo e, forse, che entrambi stavano cercando guai. È noto che Kennedy aveva concluso che l'agenzia doveva essere smantellata e licenziò Dulles nel novembre 1961, sette mesi dopo il disastro della Baia dei Porci. E si sa meglio cosa accadde due anni dopo.

Quando Kennedy perse la vita, perdemmo la promessa di un modo di vivere migliore, un modo di vivere più onesto, un modo di vivere più giusto e dignitoso, che attingeva dal pozzo dei sogni comuni, non dalla separatezza e dall'interesse personale: "Non chiedere", ecc. Un modo migliore di vivere e un mondo migliore, che avrebbe avuto aspetti di bellezza. L'America doveva rifarsi un'immagine nuova, per quanto ho capito delle aspirazioni di JFK che si sono evolute durante gli anni della Casa Bianca. Questa promessa era vivissima in quel decennio. Bobby e King e, a suo modo, Malcolm la vedevano come JFK. Poi il decennio si è trasformato in una serie di omicidi destinati a spegnerla.

"Si è vittime solo nella misura in cui si dimentica, e se si ricorda si è vivi", ha detto Oliver Stone quando l'ho intervistato, "e non si è più vittime perché si porta avanti una lotta, una crociata, per non dimenticare". Sessant'anni dopo il giorno buio di Dallas, come viene chiamato il 22 novembre 1963, dovremmo chiederci se ci accontentiamo di essere vittime o se insistiamo a vivere e a non dimenticare.

Traduzione de l’Antidiplomatico

*Editorialista, saggista, critico e conferenziere di lunga data, i cui libri più recenti sono Somebody Else's Century: East and West in a Post-Western World e Time No Longer: America After the American Century. Il suo sito web è patricklawrence.us.

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti