Pd, M5S non hanno nulla da dire dello spettacolo disgustoso di Draghi con Confindustria?

Pd, M5S non hanno nulla da dire dello spettacolo disgustoso di Draghi con Confindustria?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'incontro di Draghi all'assemblea di Confidustria ha dato vita ad uno spettacolo disgustoso. Non credo che ci sia mai stato un governo così filo confindustriale come quello guidato oggi da Draghi insieme alle stupide comparse di PD, M5S e gli scappati di casa di ArticoloUno. Non almeno da quando esiste la Repubblica: nemmeno Berlusconi era riuscito ad ottenere dall'associazione degli imprenditori un consenso così ampio e solido.
 
Credo che da questa esperienza si possa tuttavia trarre un insegnamento. Non si fa politica senza un referente sociale. Nemmeno il potentissimo Draghi può fare politica senza il supporto di una base attiva nella società. Per fare politica occorre avere un radicamento in una classe, in un gruppo il più possibile omogeneo che possa dare consenso e forza politica.
 
A sinistra, o meglio nei rottami di quella che è stata la sinistra, e nelle formazioni post politiche come il M5S è invece forte la convenzione che per fare politica basti prendere i voti, farsi eleggere per poi salire in parlamento e quindi governare. Draghi dimostra che è tutto molto più complesso e che la politica non si risolve nei processi politici formali. La politica è fatta di rapporti di forza, di conflitti. La capacità di affermare la propria visione del mondo è strettamente legata a questa forza che si costituisce facendo leva sul proprio referente sociale, sulla propria classe di riferimento.
Rispetto alla destra la sinistra non ha a disposizione un referente sociale già bello, pronto e organizzato come quello degli imprenditori. La sinistra per essere veramente sociale, anzi socialista, deve continuamente costruire la propria base politica attraverso un complesso lavoro di mediazione che mira a trasformare le istanze disgregate e individuali in programma generale e di classe.
 
PD e 5stelle si muovono però in tutt'altra direzione. Non costruiscono un bel niente. I 5 stelle hanno anzi per anni cavalcato le pulsioni irrazionali dell'antipolitica con danni enormi per la nostra democrazia. Non sono mai stati una forza di mediazione. Come il PD hanno poi fatto propria un'ambigua concezione interclassista della politica. Una volta arrivati al governo insieme, con il governo Conte II, questi due partiti si sono ritrovati senza alcuna forza, senza alcuna capacità di incidere realmente sui processi sociali. Nonostante detenessero la maggioranza, PD e 5stelle non sono riusciti a governare. Hanno anzi subito le iniziative della destra attraverso il fuoco amico di Renzi e un'indecente campagna di stampa ostile.
Sappiamo come poi è andata a finire. E tuttavia possiamo dire che se PD e 5stelle avessero avuto un referente politico organizzato, strutturato e pronto a mobilitarsi il governo Conte non sarebbe mai caduto, non almeno in quel modo.
 
Senza referente sociale, senza capacità di mediazione, senza presenza costante nel territorio non si fa politica e anzi si finisce per farsi egemonizzare e reggere la scala al potere nemico, quello oggi incarnato da Mario Draghi.

Paolo Desogus

Paolo Desogus

Professore associato di letteratura italiana contemporanea alla Sorbonne Université, autore di Laboratorio Pasolini. Teoria del segno e del cinema per Quodlibet.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti