Per una visione più oggettiva e una nuova prospettiva sulla Cina

Per una visione più oggettiva e una nuova prospettiva sulla Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 Intervista rilasciata da Bruno Guigue a Beijing Information, dove l'analista francese ha affrontato diverse tematiche sulla Cina, come agli articoli diffamatori dei media occidentali su Hong Kong, Xinjiang e sui diritti umani e le relazioni sino-americane e sino-europee.

Beijing Information: Cosa l'ha sempre motivata ad analizzare la situazione cinese ed a rispondere ai commenti diffamatori dei paesi occidentali?

Bruno Guigue: Penso che siamo a un punto della storia in cui la Cina pone una serie di domande affascinanti per l'analista occidentale, soprattutto se è pronto a combattere le idee che arrivano: che cos'è lo sviluppo? Che cos'è la democrazia? Cos'è il buon governo? Mi sono reso conto che la Cina ha fornito risposte diverse da quelle a cui eravamo abituati e che queste risposte sono state ignorate, persino mascherate dai media mainstream e dagli istituti di ricerca in Occidente. Spero solo di dare il mio modesto contributo a una visione più obiettiva della Cina e di aiutare a dare un nuovo sguardo a questo paese.

Ha scritto in un articolo: “La gestione di Hong Kong è un affare interno cinese. Ma la propaganda occidentale lo trasforma in un conflitto internazionale. In effetti, potremmo dire la stessa cosa del Tibet, dello Xinjiang, di Taiwan… Secondo lei, quali sono le cause di questo stato di cose?

Tutte le questioni che citiìa, infatti, sono questioni di politica interna cinese che non riguardano l'estero. La Cina interviene negli affari interni americani? Mai. Ma non dobbiamo farci illusioni: se gli Stati Uniti si permettono di interferire negli affari cinesi, è solo per cercare di destabilizzare la Cina. Questa è l'unica ragione. Continuano a parlare di uiguri. Ma da quando gli americani si preoccupano del destino dei musulmani nel mondo, quelli che hanno combattuto in Afghanistan, Iraq e Libia? Gli esperti del Dipartimento di Stato e del Pentagono sanno benissimo che questo discorso è ipocrita. Ma accusando la Cina di opprimere gli uiguri, stiamo cercando di arruolare tutti i musulmani in una nuova offensiva contro la Cina. 

Ha scritto un articolo intitolato “A ciascuno i suoi diritti umani”. Possiamo anche dire "A ciascuno il suo sistema politico"?

“A ciascuno il suo sistema politico”, sì, certo, sottoscrivo pienamente questa formula. Ai miei occhi, questo è ovvio, poiché ogni paese ha la sua storia, la sua cultura, le sue sfide. Perché la Cina dovrebbe imitare gli altri e modellare il proprio funzionamento su un modello esterno? Il sistema occidentale può essere valido per i paesi occidentali, ma non certo per la Cina. L'Occidente, infatti, sta cercando di porsi come modello universale, anche se la realtà concreta dei regimi occidentali è molto antidemocratica. Inoltre, è in nome della presunta universalità del proprio modello che [l'Occidente] scatena guerre imperialiste e si intromette negli affari interni dei paesi sovrani. È una bufala monumentale. All'universalismo ipocrita dell'Occidente, Preferisco il vero universalismo di cui parla così bene Zhao Tingyang (filosofo cinese e ricercatore presso l'Istituto di Filosofia dell'Accademia Cinese delle Scienze Sociali): un universalismo inclusivo, e non esclusivo. Un universalismo che accetta la diversità dei modelli, e non un universalismo che pretende di imporre un modello unico.

In un contesto in cui "vediamo l'intersezione tra il declino americano e la spinta cinese", è possibile evitare la mentalità della Guerra Fredda e la logica del gioco a somma zero? Quali sono i suoi commenti a riguardo?

Ci sono forze considerevoli negli Stati Uniti che si oppongono non solo alla cooperazione, ma alla pacifica convivenza tra sistemi diversi. Sia nelle forze armate statunitensi, nell'industria degli armamenti o nei circoli ultraconservatori, c'è una profonda ostilità verso la Cina e ciò che rappresenta. Questa frazione della classe dirigente americana non ammetterà mai l'enorme successo della Cina. Non riescono a digerire il fatto che un paese molto grande, guidato da un partito comunista, sia riuscito a fare tali progressi in 70 anni. Non so se l'influenza nefasta di questi circoli anti-cinesi continuerà a pesare sulla politica estera degli Stati Uniti. Quello che c'è da sperare è che il popolo americano capisca che l'opposizione con la Cina non gli porterà nulla, che la Cina non minacci nessuno e che ogni Paese deve avere il proprio sistema. A questa condizione, potremmo assistere a un cambiamento nelle relazioni internazionali.

In qualità di ex alto funzionario del Ministero dell'Interno, come valuta la capacità di governo di un partito al governo? Quali sono gli elementi più importanti?

Penso che la prima qualità di un gruppo dirigente sia la sua integrità morale, e questo è ciò che la Rivoluzione francese chiamava "virtù", cioè amore per la patria. Senza questo esempio morale, i leader perdono la loro credibilità. Se i governanti servono gli interessi privati ??invece di servire l'interesse generale, allora il potere non è più degno di rispetto e alla fine non sarà più obbedito. La seconda qualità, secondo me, è l'efficienza nella risoluzione dei problemi. C'è una nobiltà in politica, quando mira a migliorare le condizioni di vita della popolazione, quando serve il Paese nell'interesse di tutti i cittadini, e non di una minoranza privilegiata. Sul Covid-19, ad esempio. 

Si può notare che gli scambi economici e culturali tra Cina ed Europa hanno seguito un andamento positivo negli ultimi anni, anche se di tanto in tanto sorgono attriti, soprattutto in campo politico. Quali sono i suoi commenti a riguardo?

Se gli europei fossero realisti, noterebbero due cose. In primo luogo, vedrebbero che la Cina è la potenza dell'economia globale e che nessuno trarrà beneficio da una crisi che colpisce la Cina. Allora capirebbero che i loro interessi non si sovrappongono a quelli degli americani. Per quanto riguarda la Cina, gli Stati Uniti hanno adottato un approccio conflittuale. Immaginano che il terreno perso dalla Cina verrà subito riconquistato dagli Stati Uniti, e che sia quindi necessario provocarlo, spingerlo allo scontro in tutti i campi, evitando, ovviamente, di scatenare una guerra totale. Tuttavia, gli europei non hanno alcun interesse ad adottare questo approccio pericoloso: non porta da nessuna parte e contribuisce solo ad aumentare i dividendi dell'industria degli armamenti negli Stati Uniti. L'unica politica in linea con la vocazione dell'Europa è dunque una politica indipendente e non allineata di tipo gollista. Una tale politica, promuovendo la cooperazione sia con l'Est che con l'Ovest, ripristinerebbe l'equilibrio globale rimettendo al centro l'Europa.

 

Bruno Guigue

Bruno Guigue

Ex funzionario del Ministero degli Interni francese, analista politico, cronista di politica internazionale; Docente di Relazioni internazionali e Filosofia. Fra le sue pubblicazioni, segnaliamo: Aux origines du conflit israélo-arabe: l'invisible remords de l'Occident, 1999; Faut-il brûler Lénine ?, 2001; Économie solidaire: alternative ou palliatif ?, 2002; Les raisons de l'esclavage, 2002; Proche-Orient: la guerre des mots, 2003; Chroniques de l'impérialisme, 2017. Il suo ultimo libro si intitola Philosophie politique, un percorso critico, in 354 pagine, della filosofia politica occidentale, da Platone a Badiou passando per gli immancabili Machiavelli, Spinoza, Rousseau, Hegel e Marx.

 

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti