I "sommi sacerdoti" del mondo libero e la solita (vecchia) propaganda del colonialismo europeo

I "sommi sacerdoti" del mondo libero e la solita (vecchia) propaganda del colonialismo europeo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Sfruttando i pochi angoli dello spazio abitato, il colonialismo europeo ha a lungo piegato la maggioranza dell'umanità alle richieste di conquistatori senza scrupoli per cospargere l’acqua che doveva benedire la loro violenza e il loro saccheggio.

Questi imperi coloniali come entità storiche alla fine sono crollati, ma il colonialismo come sistema è sopravvissuto.

Quando il G7 impone sanzioni alla Russia nel 2022, non riunisce solo le nazioni con il PIL più alto del mondo occidentale. Riunisce i paesi che un tempo hanno preso parte all'avventura coloniale e sono perseguitati dal declino della loro supremazia: Stati Uniti, Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Canada e Giappone.

Questa continuità tra due forme storiche di dominio è un fatto da ricordare: l'imperialismo di oggi è l'erede del colonialismo di ieri.

Facciamo un piccolo ritorno al passato prima.

Il discorso coloniale è che ha disumanizzato i colonizzati.

"Per illustrare la natura totalitaria dello sfruttamento coloniale, il colonialismo rende i colonizzati una sorta di quintessenza del male. "La società colonizzata non è solo descritta come una società senza valori. Non basta che il colono pretenda che i valori hanno disertato, o meglio non hanno mai abitato il mondo colonizzato. L'indigeno è dichiarato immorale, mancanza di valori, ma anche negazione di valori. In questo senso, lui è il male assoluto. Elemento corrosivo, distruggendo tutto ciò che gli si avvicina, distorcendo l’elemento, disinnescando tutto ciò che è estetico o morale, depositario di forze del male, strumento inconscio e irrecuperabile di forze cieche”, scrive Frantz Fanon.

Potete immaginare le conseguenze. Guerra del Bene contro il Male, la colonizzazione non è tanto un'impresa civile ma una misura progettata per neutralizzare il miasma della bestialità latente.

"A volte questo Manicheismo va fino alla fine della sua logica e disumanizza i colonizzati. " Letteralmente parlando, la sta animando. E, infatti, la lingua del colonialismo, quando parla dei colonizzati, è una lingua zoologica. Si fa allusione ai movimenti del giallo, alle emanazioni della città nativa, alle orde, al fetore, al sudore, ai gesti.

L'imperialismo di oggi ha cambiato registro? L'appetito di ricchezza ha ben rivestito gli oripi dei "diritti umani", porta con sé la stessa violenza simbolica. Come il colonialismo, l'imperialismo disumanizza al meglio. Trasforma la guerra giusta in guerra santa, ne fa profilassi di massa dove lo sconcertante numero di vittime sull'altare della cosiddetta democrazia è il risultato della loro incorreggibile bestialità.

Tutto è giustificato, purché sia per salvare l'Impero del Bene.

Alcuni esempi famosi possono essere citati.

- È il bombardamento di Baghdad che un pilota dell'aeronautica americana trova bello come un "albero di Natale".

- Questo è il vile massacro di queste migliaia di civili e soldati iracheni in fuga sull'"autostrada della morte".

- Questo è il soldato delle forze di occupazione che dichiara alla stampa che la sua missione è "uccidere i cattivi".

- Madeleine Albright che giustifica l'agonia di 500.000 bambini iracheni uccisi dall'embargo.

- Questi sono i prigionieri nudi, umiliati e torturati nelle prigioni di Abu Ghraib.

- Questa è l'incredibile bugia dell'11 settembre, pretesto per una "guerra al terrore" che costerà la vita a  900.000 persone.

- È Condoleeza Rice che vede nel bombardamento del Libano i dolori del "figlio di un nuovo ordine mondiale".

- Questo è Barack Obama che sorride, con la sua "kill list" e la sua sanguinosa guerra con i droni

- Questo è l'assalto mortale contro Cuba in nome dei "diritti umani. "

- Questa è Hillary Clinton che fa il broncio e ridacchia di gioia per celebrare l'assassinio di un leader arabo.

- È l'Afghanistan che è stato dato fuoco e sangue per "liberare la donna afghana".

- Questa è la Siria sovrana trascinata nel fango quando osa resistere al terrorismo sponsorizzato dalla CIA.

- Questo è il Venezuela i cui figli muoiono per mancanza di medicine a causa di un embargo per la "democrazia".

- Questa è l'insensata propaganda contro la Cina, accusata di genocidio dai genocidi dopo aver subito il terrore importato.

- Questa è la demonizzazione della Russia, con il suo presunto dispotismo senza fede né diritto e le sue ambizioni criminali.

Ecco qua la messa la dicono i sommi sacerdoti del mondo libero. Gli Stati Uniti d'America sono l'incarnazione del Bene, i suoi nemici sono forze del male su cui si combatte sempre un braccio vendicativo.

Come i popoli colonizzati di Jadis, le nazioni ribelli saranno truccate per il trionfo del Bene e lo splendore della civiltà.

Così un relè immaginario ne fa un altro senza cambiare drasticamente strutture. Per giustificare il pacchetto coloniale, i nativi dovevano essere estratti dal mondo civilizzato. Per giustificare la guerra ibrida contro la Russia, deve svolgere il ruolo che la propaganda avversa le assume: quello della brutalità densa, crudele e spietata, che viola tutte le regole della moralità ordinaria.

Come l'esercito siriano di Bachar al-Assad, il suo esercito può essere solo una banda di stupratori e torturatori, proprio come lo stato cinese può essere solo genocida.

Questa propaganda è allucinante, ma è evidente che lo è sempre stata. Tutto sta nel sapere perché. E questo lo sappiamo.

 

Bruno Guigue

Bruno Guigue

Ex funzionario del Ministero degli Interni francese, analista politico, cronista di politica internazionale; Docente di Relazioni internazionali e Filosofia. Fra le sue pubblicazioni, segnaliamo: Aux origines du conflit israélo-arabe: l'invisible remords de l'Occident, 1999; Faut-il brûler Lénine ?, 2001; Économie solidaire: alternative ou palliatif ?, 2002; Les raisons de l'esclavage, 2002; Proche-Orient: la guerre des mots, 2003; Chroniques de l'impérialisme, 2017. Philosophie politique, 2021, un percorso critico, in 354 pagine, della filosofia politica occidentale, da Platone a Badiou passando per gli immancabili Machiavelli, Spinoza, Rousseau, Hegel e Marx. Il suo ultimo libro si intitola Communisme, Editions Delga. 

 

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano di Marinella Mondaini 21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli di Michelangelo Severgnini Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti