/ Perché le proteste dell'Iran sono fallite

Perché le proteste dell'Iran sono fallite

 

Editoriale di Alberto Rodriguez Garcia, giornalista specializzato in Medio Oriente, propaganda e terrorismo
 
 
L'improvviso aumento del prezzo del petrolio del 50%, aggiunto alla paralisi economica e alla carenza di medicine e cibo causate dalle sanzioni statunitensi, ha causato il 15 novembre la mobilitazione di centinaia di migliaia di iraniani che vedono la loro vita ogni giorno più difficile senza che il governo fosse in grado di rimediare. La guerra economica funziona e mira a indirizzare la popolazione a scegliere tra "il male e il peggio", senza lasciare alcuna opzione alla lotta contro la teocrazia e contro l'imperialismo.

 
Il modello neoliberista della società globale è obsoleto. Il liberalismo produce la miseria di molti a spese della ricchezza di pochi. La globalizzazione porta alla distruzione dell'identità nazionale, allo sradicamento e all'individualismo. Anche la controparte del modello di vita liberale, la teocrazia, è destinata a scomparire. La mancanza di libertà, l'eccessivo controllo esercitato dal clero sulla popolazione e il conservatorismo riescono solo ad ancorare in passato a società che, spinte da giovani e intellettualità, vogliono essere in grado di prendere le proprie decisioni indipendentemente dai libri sacri. Ecco perché, se il mondo vuole progredire, la democrazia liberale che gli Stati Uniti cercano di imporre ovunque vada e la Repubblica islamica dell'Iran deve scomparire; ma tra i chiaroscuri, in ciò che viene creato un nuovo mondo, si verifica la violenza.
 
Si parla tra decine e centinaia di morti in pochi giorni dalle più grandi proteste dalla rivoluzione islamica di Ruhollah Khomeini nel 1979. All'inizio, la maggior parte delle piccole banche cittadine come Shahriar e i manifestanti, i più anti - il regime, ma anche i più poveri, hanno gridato per la cessazione degli aiuti alla Siria, al Libano e a Gaza per essere destinati solo all'Iran.

 
Il risentimento della popolazione non può essere compreso senza occuparsi della disastrosa situazione economica e della morale religiosa che cerca di controllare la vita delle persone, ma la disastrosa situazione economica non può essere compresa senza attenersi alle sanzioni imposte dagli Stati Uniti cercando di soffocare l'Iran impedendogli di commerciare con i suoi partner.
 
Secondo il Ministero degli Interni, durante le proteste sono state bruciate 731 banche, 9 centri religiosi, 34 ambulanze, il personale delle forze di sicurezza è stato ucciso e le basi militari sono state attaccate.
 
Il governo ha risposto "disconnettendo" Internet per una settimana per evitare interferenze esterne, e questo nonostante i manifestanti siano scesi in piazza con legittime richieste, da enegé finanziati da ambasciate, media con interessi sospetti, lobby sioniste e leader statunitensi come Pompeo ch ha approfittato del momento per mettere la propaganda mediatica a lavorare a tutta velocità con l'obiettivo di forzare un'interferenza ... per "liberare" coloro che presentano con le loro sanzioni contro l'Iran.
 
Non puoi capire il risentimento della popolazione senza occuparti della terribile situazione economica e delle conseguenze del conservatorismo maomettano che nella sua morale religiosa cerca di controllare la vita delle persone con persino codici di condotta e di abbigliamento. Ma non si può capire la terribile situazione economica senza prestare attenzione alle sanzioni imposte dagli Stati Uniti. che cercano di soffocare l'Iran impedendogli di commerciare con i suoi partner, né l'Islam iraniano può essere compreso come il più grande esponente della liberazione nazionale del paese dopo la rivoluzione islamica che ha espulso Shah Mohammed Reza Pahlavi.
 
Contrariamente a quanto è stato detto, le principali preoccupazioni degli iraniani non sono la politica internazionale del paese o la mancanza di libertà civili, ma l'economia stagnante, la disoccupazione, l'inflazione e l'aumento dei prezzi. E questi problemi potrebbero essere ampiamente risolti se Trump non fosse uscito unilateralmente dall'accordo di non proliferazione nucleare per punire i persiani. Non si può negare che gli Stati Uniti, nelle parole del suo presidente, stiano esercitando "una campagna di massima pressione contro l'Iran". Tuttavia, il governo iraniano lungi dal limitarsi a incolpare tutti i suoi problemi con terzi - così come l'ayatollah Ali Khamenei e il presidente Hassan Rouhani - dovrebbero anche iniziare a ripensare gli errori nella loro politica interna
 
Queste proteste non sono l'inizio di nulla. Non c'è stata rivoluzione. Domani continueranno le brutali sanzioni degli Stati Uniti che servono solo a causare più sofferenze agli iraniani. Domani l'Iran continuerà a utilizzare l'Islam per legittimare e rafforzare il potere
 
Che le proteste siano iniziate in umili quartieri e località come Mahshahr, la principale base di supporto per il governo, dovrebbero generare domande sulla direzione che il Paese sta prendendo e su come gestisce le sue risorse molto limitate. Che, di fronte ai giovani che chiedono cambiamenti e una modernizzazione del sistema, il governo ha risposto con donne di mezza età che indossano il chador e gli anziani, l'unica immagine internazionale che promuove è quella di un regime medievale e geriatrico. Né aiuta il governo a mantenere inoperanti persone come Leila Vaseghi, che recentemente ha spiegato con totale tranquillità come ha dato alla polizia l'ordine di sparare ai manifestanti che prendevano edifici pubblici.
 
La mancanza di programma, la mancanza di leadership e l'interferenza di gruppi terroristici come Mojahedin-e-Jalq (MEK) hanno significato la fine delle proteste che al di là di rivolte e morti non hanno ottenuto nulla. Il funerale di massa di Morteza Ebrahimi, comandante del Battaglione Imam Hossein del Corpo di Guardia della Rivoluzione Islamica, insieme ad altre proteste che ripudiano la violenza, ha segnato la vittoria del governo. Le poche mobilitazioni che rimangono sono solo nella diaspora e per mano dei monarchici e del MEK, fortemente legati al governo degli Stati Uniti, ai francesi, Steve Bannon e la destra europea. Anche nel paese non potevano mobilitare più di 200.000 persone, quindi sebbene le richieste iniziali potessero essere legittime, i manifestanti non hanno mai avuto la possibilità di vincere.
 
Lo status quo è stato reimpostato. Lontano da ciò che possono dire i editorialisti del New York Times, queste proteste non sono l'inizio di nulla. Non c'è stata rivoluzione. Domani continueranno le brutali sanzioni degli Stati Uniti che servono solo a causare più sofferenze agli iraniani. Domani l'Iran continuerà a utilizzare l'Islam per legittimare e rafforzare il potere. Perché al momento pensi solo in bianco o nero. Perché per il momento nessuno propone fortemente un sistema secolare che rimanga sociale e antimperialista.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa