Perché l'Occidente occulta il tentativo fallito di golpe in Bielorussia?

Perché l'Occidente occulta il tentativo fallito di golpe in Bielorussia?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La guerra ibrida in Bielorussia

La guerra ibrida in corso contro la Bielorussia avrebbe potuto prendere una svolta drammatica in peggio se i servizi di sicurezza russi e le loro controparti bielorusse non avessero sventato un omicidio e un tentativo di golpe contro il presidente Lukashenko. Il presidente Putin lo ha indicato verso la fine del suo discorso annuale di circa un'ora e mezza all'Assemblea federale dello scorso mercoledì, usando saggiamente l'attenzione globale che gli è stata concessa durante questo periodo per aumentare la consapevolezza diffusa su questo modus operandi. Il leader russo ha anche osservato quanto sia strano che l'Occidente abbia per lo più ignorato questo drammatico sviluppo, nonostante le potenziali conseguenze della sua riuscita attuazione sarebbero prevedibilmente state disastrose per la nazione dell'Europa orientale.

La notizia non è stata diffusa

Un altro punto da tenere a mente è che il suo portavoce Dmitry Peskov ha informato la stampa che il presidente Putin ha discusso la questione con la sua controparte statunitense durante la loro ultima telefonata, il che suggerisce fortemente che il governo degli Stati Uniti potrebbe aver fatto pressioni sui media mainstream per non diffondere la notizia su quest’aspetto della loro conversazione. Dopotutto, ci sono state molte fughe di notizie nell'ultima amministrazione, ma curiosamente non ne abbiamo registrata nemmeno con quella attuale. Tuttavia, i media russi hanno riferito quanto accadeva, ma pochi media hanno rilanciato la notizia. Non si può sapere con certezza, ma a parte le ragionevoli speculazioni precedentemente menzionate, ciò potrebbe anche essere attribuibile all'autocensura. Alcuni media potrebbero semplicemente non voler ritrarre la politica estera di Biden in una luce negativa.

Addestramento statunitense

Sebbene gli Stati Uniti abbiano ufficialmente negato qualsiasi coinvolgimento nel complotto golpista, i dettagli che i media hanno divulgato al riguardo (e che anche il presidente Putin ha ripetuto a tutti mercoledì) portano il marchio statunitense. Lo schema prevedeva l'assassinio del presidente Lukashenko, secondo quanto riferito, durante la parata militare nel Giorno della Vittoria (9 maggio), che avrebbe dovuto essere seguito da un colpo di Stato militare compiuto da golpisti delle forze armate. Inoltre, la capitale di Minsk avrebbe dovuto essere tagliata fuori dal resto del paese e vittima di una massiccia interruzione di corrente, presumibilmente a seguito di un'operazione cyberoffensiva. Al movimento della Rivoluzione Colorata in corso sarebbe stato anche ordinato di ripetere lo scenario EuroMaidan di terrorismo urbano a tutto campo durante questo periodo delicato al fine di garantire che il colpo di Stato avesse avuto successo in un modo o nell'altro.

I precedenti ucraino e venezuelano

Il presidente Putin ha paragonato questo schema a quello precedentemente utilizzato contro l'ex presidente ucraino Yanukovich e l'attuale presidente venezuelano Maduro, evocando così una mano statunitense negli eventi bielorussi, visto coinvolgimento tattico e strategico degli Stati Uniti nei due precedenti ha una stretta somiglianza con lo scenario bielorusso. I media mainstream occidentali volevano tacere su questo schema per paura di far sembrare Biden cattivo dal momento che il loro pubblico è stato indottrinato a pensare che fosse un miglioramento rispetto all'ex presidente degli Stati Uniti Trump. Se Biden - o meglio, la struttura di potere militare, di intelligence e diplomatica (“deep state”) dietro di lui - fosse implicato in un omicidio di un capo di Stato estero e in un tentativo di colpo di Stato, questo potrebbe sollevare dubbi sul fatto che il regime degli Stati Uniti sia effettivamente "guidato in maniera democratica” dopo il cambiamento dello scorso novembre.

Biden sta seguendo le orme di Trump

Non va dimenticato che, nonostante le accuse senza fondamento di essere un cosiddetto "burattino russo", l'ex presidente Trump ha fatto di più per destabilizzare la Russia di qualsiasi leader degli Stati Uniti nella storia, che in questo contesto include l'organizzazione della guerra ibrida in corso contro la Bielorussia. Biden sta quindi seguendo le orme di Trump che i suoi sostenitori lo riconoscano o meno, ma questa osservazione è molto "politicamente scomoda" per la sua base e deve quindi essere cancellata dalla coscienza dell’opinione pubblica. Questo spiega perché è praticamente vietato che venga discusso dai media mainstream, ma ciò potrebbe essere cambiato improvvisamente dopo che il presidente Putin si è assicurato che il mondo intero ne fosse venuto a conoscenza durante il suo discorso all'Assemblea federale. Tuttavia, non l'ha fatto solo per far dispetto a Biden, ma per ragioni molto pratiche legate agli interessi di sicurezza nazionale della Russia.

Minacce alla Bielorussia = Minacce alla Russia

Il contesto in cui il leader russo ha parlato dell'assassinio sventato e del tentativo di colpo di Stato nella vicina Bielorussia ha riguardato la più ampia campagna di massima pressione dell'Occidente contro il suo paese. Poiché la Bielorussia è uno Stato simile che è anche orgogliosamente parte di ciò che molti a Mosca considerano il cosiddetto "mondo russo", ne consegue naturalmente che la guerra ibrida minacci direttamente la stessa Russia poiché l'attuazione riuscita di quello scenario di regime change potrebbe essere attuato anche all'interno della Russia. Le situazioni socio-economiche e persino politiche sono notevolmente simili tra queste due nazioni, anche se le loro capacità di sicurezza sono incomparabili in virtù del fatto che la Russia è una grande potenza mentre la Bielorussia è semplicemente uno Stato regionale di dimensioni moderate con un'influenza molto limitata anche verso i paesi confinanti.

Linee rosse della Russia

Il presidente Putin ha quindi messo in guardia gli oppositori del suo paese contro qualsiasi idea folle di oltrepassare le linee rosse della Russia che il suo paese traccerà caso per caso. Considerando che aveva appena finito di parlare dell'ultima escalation della guerra ibrida contro la vicina Bielorussia con la quale la Russia ha un trattato di mutua difesa attraverso la CSTO, il messaggio implicito è ovvio ed è che Mosca non tollera tali complotti vengono tentati entro i propri confini. Probabilmente costituirebbe il superamento di una linea rossa molto chiara se l'Occidente tentasse (per non parlare di coordinare) l'assassinio del presidente Putin, un colpo di Stato militare, una seria rivoluzione colorata (quella ispirata da Navalny non è poi così minacciosa), e/o un attacco informatico devastante.

La verità sulla nuova guerra fredda

Il golpe in Bielorussia è stato sventato, motivo per cui non viene discusso dai media mainstream occidentali a causa di quanto sia imbarazzante questo fallimento per i loro leader. Conferma anche ciò che il presidente Putin ha sempre detto, ovvero che il vero aggressore nella Nuova Guerra Fredda non è la Russia, ma l'Occidente e soprattutto gli Stati Uniti. La maggior parte delle persone che vivono in Occidente sono state indottrinate attraverso un flusso incessante di propaganda e intense operazioni di gestione della percezione nel pensare il contrario, ma anche queste masse sottoposte al lavaggio del cervello potrebbero riconsiderare le loro credenze dogmatiche se si prendessero il tempo di riflettere sulle implicazioni dei loro governi organizzare l'assassinio di un leader straniero amico della Russia e un golpe militare contro di lui. Ciò potrebbe, nello "scenario peggiore" dal punto di vista dei loro leader, farli svegliare.

Pensieri conclusivi

Molti dei sostenitori stranieri del presidente Putin lo descrivono spesso come "gran maestro di scacchi 5D", e sebbene questa etichetta sia a volte ridicolmente sfruttata per svicolare da alcuni aspetti apparentemente sgradevoli della sua politica estera come l'indiscutibile alleanza della Russia con "Israele", si può dire che questa volta colpiscono nel segno quando parlano del suo genio strategico nel riferire l'assassinio sventato e il tentativo di colpo di Stato in Bielorussia durante il suo discorso all'Assemblea federale. Il leader russo ha sfondato il firewall della censura dei media mainstream occidentali e ha costretto questi a una discussione più ampia, anche se resta da vedere se avrà un impatto significativo sulla percezione pubblica. In ogni caso, è stata una mossa astuta da fare e completamente in linea con lo stile del leader russo di rispondere all'Occidente in modi asimmetrici.

 

 

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

"Gli affari di Letta" e la morte della politica di Paolo Desogus "Gli affari di Letta" e la morte della politica

"Gli affari di Letta" e la morte della politica

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso di Francesco Santoianni Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso

Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

Alcune note scomode sul ddl Zan Alcune note scomode sul ddl Zan

Alcune note scomode sul ddl Zan

Ursula e i sette figli di Antonio Di Siena Ursula e i sette figli

Ursula e i sette figli

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo di Gilberto Trombetta Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti