Peskov: "La confisca dei beni russi avrà conseguenze"

Peskov:  "La confisca dei beni russi avrà conseguenze"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
Il sequestro dei beni russi da parte di Washington non fa altro che danneggiare l'immagine degli Stati Uniti, le cui autorità dovranno rispondere se verranno consegnati all'Ucraina. Lo ha dichiarato sabato il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov.

"La decisione era attesa e prevedibile. Arricchirà ulteriormente gli Stati Uniti e rovinerà ulteriormente l'Ucraina, causando la morte di altri ucraini a causa del regime di Kiev", ha dichiarato il portavoce ai giornalisti. "Per quanto riguarda la legge sulla confisca dei beni russi, dobbiamo ancora definire i dettagli", ha aggiunto.

Il Cremlino sostiene che, in ogni caso, il sequestro dei beni russi da parte di Washington causerà un danno irreparabile all'immagine degli Stati Uniti: "Questa decisione costringerà molti investitori in quel Paese a trattenere i propri fondi, poiché verrà violata la sicurezza della proprietà privata e della proprietà statale", ha detto Peskov.

La Russia ha annunciato che agirà e risponderà di conseguenza: "Se dovesse veramente accadere, gli Stati Uniti dovranno risponderne e lo faremo nel modo più adatto ai nostri interessi", ha concluso.

Sabato, la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha votato a favore di una legge che approva il sequestro dei beni russi congelati a favore dell'Ucraina. 360 deputati hanno votato a favore della legge, mentre 58 si sono opposti e 13 si sono astenuti. Il disegno di legge include anche priorità di sicurezza nazionale, come le sanzioni all'Iran e misure che potrebbero portare al divieto di TikTok nel Paese.

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti