Petroliera attaccata in Siria, Iran: "Daremo una lezione a Israele"

Petroliera attaccata in Siria, Iran: "Daremo una lezione a Israele"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il capo delle forze armate iraniane, Mohammad Bagheri, pur non incolpando direttamente Israele per l'attacco di avvenuto ieri contro una petroliera iraniana al largo della Siria, ha comuqnue minacciato lo stato ebraico con una risposta non specificata.

Ieri, è scoppiato un incendio a bordo di una petroliera iraniana al largo delle coste siriane, dopo quello che l'agenzia di stampa arabo siriana, SANA,  ha descritto come un sospetto "attacco di un drone dalla direzione delle acque libanesi". Alcuni rapporti hanno anche riferito che tre persone sono state uccise, mentre altri hanno insistito sul fatto che non ci fossero morti e l'incendio si è spento rapidamente.

"Non diciamo nulla sugli attacci accaduti di recente, né sappiamo chi sia stato, ma il Fronte di Resistenza impartirà a Israele un'ottima lezione", ha promesso oggi Bagheri , come citato dai giornalisti di Teheran.

Ha sostenuto che Israele ha torto a credere che "può continuare a colpire la Siria e fare mosse maligne altrove e nei mari e di non ricevere alcuna risposta".

Bagheri ha avvertito che la risposta di Teheran "li riporterà in sé", senza specificare cosa in particolare Israele dovrebbe aspettarsi.

Non è chiaro come risponderà l'Iran, ma il regime sionista non resterà calmo. 

Le tensioni sono aumentate tra Israele e Iran, durante i negoziati in corso sul ritorno degli Stati Uniti all'accordo nucleare iraniano, che Washington ha abbandonato unilateralmente nel 2018 sotto l'allora presidente Donald Trump. Lo stato ebraico si oppone con forza all'accordo, insistendo sul fatto che aprirà la strada a Teheran per creare un'arma nucleare.

L'Iran ha accusato Israele di essere dietro un tentativo di sabotaggio al sito nucleare chiave di Natanz a metà aprile, con l'esplosione che avrebbe reso inutilizzabili la rete elettrica e il sistema di backup della struttura, mentre distruggeva anche alcune delle centrifughe utilizzate per arricchire l'uranio. Teheran ha replicato sostenendo che l'operazione aveva lo scopo di interrompere i colloqui sull'accordo nucleare.

All'inizio di questa settimana, le forze di difesa israeliane hanno preso di mira l'alleato dell'Iran, la Siria, con attacchi aerei, uccidendo un ufficiale e ferendo tre soldati. L'attacco è avvenuto in risposta a un missile antiaereo siriano sparato contro un jet dell'aeronautica militare israeliana,  atterrato poi nel deserto del Negev in Israele.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo