Politico: Gli Stati Uniti hanno perso l'occasione di avviare colloqui di pace sull'Ucraina

Politico: Gli Stati Uniti hanno perso l'occasione di avviare colloqui di pace sull'Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Alcuni funzionari statunitensi riconoscono di aver perso l'occasione per facilitare i colloqui di pace tra la Russia e l'Ucraina. Lo ha riferito venerdì Politico facendo riferimento a fonti che "hanno familiarità con la questione."

Secondo un funzionario statunitense citato dal media Usa, il presidente dello Stato Maggiore dell'esercito americano, il generale Mark Milley, "aveva ragione", quando, a novembre, l'alto funzionario militare statunitense aveva dichiarato come fosse improbabile che Kiev potesse ottenere una vittoria militare e che l'inverno sarebbe stata l'occasione giusta per avviare negoziati con Mosca.

"Forse abbiamo perso l'opportunità di spingere per colloqui anticipati", ha osservato. Nel frattempo, un'altra fonte ha affermato che l'amministrazione del presidente Joe Biden si sta ponendo sempre più la domanda: "Se riconosciamo che non lo faremo per sempre... cosa faremo?

All'inizio di agosto, il Ministero della Difesa russo ha riferito che le Forze armate ucraine hanno perso più di 43.000 uomini durante la controffensiva di giugno e luglio. Il portavoce del Ministero, Igor Konashenkov, ha sottolineato che il numero di vittime non include i feriti o i mercenari evacuati negli ospedali ucraini e stranieri, né i soldati uccisi a seguito di attacchi alle retrovie con l'uso di armi di alta precisione e a lungo raggio.

L'agenzia ha dichiarato che le forze russe hanno distrutto più di 4.900 pezzi di equipaggiamento militare di diverso tipo da quando Kiev ha iniziato i suoi attacchi su larga scala.

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti