Problemi senza fine: nuovi ritardi nella produzione degli F-35

Problemi senza fine: nuovi ritardi nella produzione degli F-35

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ancora problemi e ritardi nel programma F-35. Questa volta il problema sorge poiché il simulatore di test necessario non è ancora funzionante. Questo significa che il Pentagono dovrà continuare ad acquistare il caccia stealth in piccoli lotti, scrive Sputnik. 

 

Il Joint Simulation Environment (JSE) "F-35 in a box", un simulatore di volo high-tech necessario per valutare le capacità del velivolo stealth, ha subito nuovi ritardi nell'inizio dei suoi test ancora una volta. Secondo Jessica Maxwell, portavoce dell'ufficio del Sottosegretario alla Difesa per l'acquisizione e il sostegno Ellen Lord, sia i test che la decisione finale sulla certificazione dell'F-35 per la produzione a tariffa piena sono previsti nel 2021, informa Bloomberg.

 

Il simulatore è necessario per testare alcune delle situazioni che l'F-35 potrebbe affrontare in combattimento, ma che non sono replicabili in addestramento, ha spiegato Defense News.

Non è chiaro esattamente a quali situazioni o minacce, ma queste situazioni potrebbero includere scenari nucleari. All'inizio di quest'anno, il Pentagono ha rilasciato foto che mostrano l'F-35 che prova la sua capacità di trasportare e sganciare bombe termonucleari B61-12 simulate a gravità, e l'aereo è previsto per sostituire gli aerei certificati nucleari in una serie di forze aeree dei paesi europei, tra cui quelli di Italia, Paesi Bassi e Belgio.

 

Le prove JSE sono il passaggio finale nella fase iniziale di test e valutazione operativa (IOT ed E) dell'F-35, dopo di che sarà certificato per la produzione a tasso pieno, consentendo al Pentagono di acquistare lotti più grandi. Fino ad ora, il Pentagono è stato bloccato nella produzione a basso tasso, acquistando piccoli lotti del caccia che vengono continuamente aggiornati, risultando in una vasta gamma di abilità tra gli F-35 più recenti e quelli più vecchi per i quali è diventato un vero rompicapo per il Pentagono compensare.

 

A pieno regime, la Lockheed potrebbe produrre 14 F-35 al mese, o 168 jet all'anno, ha detto a Defense News Darren Sekiguchi, vice presidente della produzione di F-35 di Lockheed, all'inizio di questo mese.

 

Defense News ha notato che anche se il simulatore sarà online entro gennaio 2021, ci vorranno diversi mesi per la valutazione, il che significa che l'avanzamento alla produzione a tasso pieno non è probabile prima di marzo 2021. La pandemia COVID-19 è responsabile almeno in parte del ritardo, con i blocchi a livello nazionale iniziati a marzo che hanno chiuso la base aeronautica di Edwards in California, dove si stava lavorando al simulatore.

 

Ad agosto, l'aeronautica statunitense ha approvato contratti di costruzione per due enormi strutture di prova a Edwards e alla base aeronautica di Nellis del Nevada, che ospiterà non solo il JSE, ma simulatori per altri velivoli simili come l'F-22 Raptor, anche un intercettore costruito da Lockheed Martin.

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra