Problemi senza fine: nuovi ritardi nella produzione degli F-35

Problemi senza fine: nuovi ritardi nella produzione degli F-35

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ancora problemi e ritardi nel programma F-35. Questa volta il problema sorge poiché il simulatore di test necessario non è ancora funzionante. Questo significa che il Pentagono dovrà continuare ad acquistare il caccia stealth in piccoli lotti, scrive Sputnik. 

 

Il Joint Simulation Environment (JSE) "F-35 in a box", un simulatore di volo high-tech necessario per valutare le capacità del velivolo stealth, ha subito nuovi ritardi nell'inizio dei suoi test ancora una volta. Secondo Jessica Maxwell, portavoce dell'ufficio del Sottosegretario alla Difesa per l'acquisizione e il sostegno Ellen Lord, sia i test che la decisione finale sulla certificazione dell'F-35 per la produzione a tariffa piena sono previsti nel 2021, informa Bloomberg.

 

Il simulatore è necessario per testare alcune delle situazioni che l'F-35 potrebbe affrontare in combattimento, ma che non sono replicabili in addestramento, ha spiegato Defense News.

Non è chiaro esattamente a quali situazioni o minacce, ma queste situazioni potrebbero includere scenari nucleari. All'inizio di quest'anno, il Pentagono ha rilasciato foto che mostrano l'F-35 che prova la sua capacità di trasportare e sganciare bombe termonucleari B61-12 simulate a gravità, e l'aereo è previsto per sostituire gli aerei certificati nucleari in una serie di forze aeree dei paesi europei, tra cui quelli di Italia, Paesi Bassi e Belgio.

 

Le prove JSE sono il passaggio finale nella fase iniziale di test e valutazione operativa (IOT ed E) dell'F-35, dopo di che sarà certificato per la produzione a tasso pieno, consentendo al Pentagono di acquistare lotti più grandi. Fino ad ora, il Pentagono è stato bloccato nella produzione a basso tasso, acquistando piccoli lotti del caccia che vengono continuamente aggiornati, risultando in una vasta gamma di abilità tra gli F-35 più recenti e quelli più vecchi per i quali è diventato un vero rompicapo per il Pentagono compensare.

 

A pieno regime, la Lockheed potrebbe produrre 14 F-35 al mese, o 168 jet all'anno, ha detto a Defense News Darren Sekiguchi, vice presidente della produzione di F-35 di Lockheed, all'inizio di questo mese.

 

Defense News ha notato che anche se il simulatore sarà online entro gennaio 2021, ci vorranno diversi mesi per la valutazione, il che significa che l'avanzamento alla produzione a tasso pieno non è probabile prima di marzo 2021. La pandemia COVID-19 è responsabile almeno in parte del ritardo, con i blocchi a livello nazionale iniziati a marzo che hanno chiuso la base aeronautica di Edwards in California, dove si stava lavorando al simulatore.

 

Ad agosto, l'aeronautica statunitense ha approvato contratti di costruzione per due enormi strutture di prova a Edwards e alla base aeronautica di Nellis del Nevada, che ospiterà non solo il JSE, ma simulatori per altri velivoli simili come l'F-22 Raptor, anche un intercettore costruito da Lockheed Martin.

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti