Putin: la Russia sostituirà le spedizioni di cereali ucraini verso l'Africa e propone nuove prospettive di cooperazione economica

Putin: la Russia sostituirà le spedizioni di cereali ucraini verso l'Africa e propone nuove prospettive di cooperazione economica

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Alla vigilia del vertice Russia-Africa previsto per il 27 e 28 luglio nella città di San Pietroburgo, il presidente russo Vladimir Putin sostiene in un articolo pubblicato questa domenica che, dopo la sospensione dell'accordo sui cereali, Mosca è disposta a sostituire le spedizioni ucraine per i paesi africani, sia commercialmente che gratuitamente.

Lo afferma il leader russo nell'articolo, pubblicato sul sito ufficiale del Cremlino dal titolo 'Russia e Africa: unire le forze per la pace, il progresso e un futuro di successo'.

Il presidente russo elenca gli argomenti di Mosca per opporsi alla proroga del patto sul grano, rimasto senza effetto dal 18 luglio. In particolare, Putin sottolinea che l'accordo, inizialmente siglato per scopi umanitari, “è stato in realtà utilizzato apertamente solo per arricchire le grandi compagnie statunitensi ed europee che esportavano e rivendevano grano dall'Ucraina”.

"I fatti parlano da soli. In quasi un anno del patto sul grano, dall'Ucraina sono state esportate complessivamente 32,8 milioni di tonnellate di merci, di cui oltre il 70% è andato a Paesi ad alto e medio reddito, Ue compresa, mentre paesi come Etiopia, Sudan e Somalia, ma anche Yemen e Afghanistan, hanno ricevuto meno del 3% del volume totale, cioè meno di un milione di tonnellate", scrive Putin.

Allo stesso modo, il presidente russo denuncia che "nessuna delle condizioni" del patto volto a sbloccare le forniture di prodotti agricoli e fertilizzanti russi ai mercati globali è stata soddisfatta. A questo si aggiungono gli ostacoli che la Russia ha incontrato nel tentativo di inviare gratuitamente fertilizzanti minerali alle nazioni più povere e bisognose. In particolare, delle 262.000 tonnellate di prodotti bloccati nei porti europei, sono stati gestiti solo due lotti: uno da 20.000 tonnellate verso il Malawi e l'altro da 34.000 verso il Kenya.

"Il resto rimane nelle mani di europei disonesti. Ciò accade nonostante si tratti di un'azione puramente umanitaria che non può essere intaccata da alcuna sanzione in linea di principio", ha sottolineato il leader russo, sottolineando che dato l'insieme dei fattori elencati "non ha più senso" continuare a prorogare l'accordo sul grano.

In questo contesto, Putin conferma che la Russia continuerà a compiere uno sforzo "energetico" per consegnare cibo, fertilizzanti e altri beni all'Africa, sostenendo allo stesso tempo l'espansione dei legami commerciali con il continente, tenendo conto che nel 2022 il commercio tra Mosca e le nazioni africane ha raggiunto quasi 18.000 milioni di dollari. Per consolidare la cooperazione economica di fronte ai cambiamenti globali, il presidente russo propone di cercare soluzioni per stabilire nuove catene logistiche, creare un sistema monetario e finanziario, nonché meccanismi di pagamento reciproco "indipendenti da influenze esterne negative".

Putin ha inoltre evidenziato il ruolo sempre più influente che l'Africa gioca nel mondo, e ha annunciato che Mosca è favorevole a concedere alle nazioni del continente “una degna rappresentazione” in strutture come il Consiglio di Sicurezza dell'Onu o il G20.

Allo stesso modo, il presidente russo ha sottolineato la continuità dei contatti tra Russia e Africa fin dai tempi dell'Urss, pur sottolineando che Mosca "mai" ha cercato di imporre ai suoi partner africani "le nostre stesse nozioni sull'ordinamento interno, le forme e i metodi di governo, gli obiettivi dello sviluppo e i modi per raggiungerlo".

————————

Questa la traduzione integrale dell’articolo:

Il 27-28 luglio si terrà a San Pietroburgo il secondo Vertice Russia-Africa e il Forum Economico e Umanitario Russia-Africa. In vista di questi importanti eventi, che vedranno la partecipazione di capi di Stato e di governo, imprenditori, scienziati e figure pubbliche, desidero condividere con i lettori dei principali media del continente africano la mia visione sullo sviluppo delle relazioni tra Russia e Africa e delineare le direzioni della cooperazione prioritarie per il nostro lavoro congiunto nei prossimi decenni del XXI secolo.

Le relazioni di partenariato tra il nostro paese e l'Africa hanno radici solide e profonde e si sono sempre caratterizzate per la stabilità, la fiducia e l'amicizia. Abbiamo costantemente sostenuto i popoli africani nella loro lotta per liberarsi dall'oppressione coloniale e abbiamo fornito assistenza nel consolidamento della sovranità e della capacità difensiva degli Stati. Molto è stato fatto per creare basi solide per le economie nazionali. Alla metà degli anni '80, grazie al contributo dei nostri specialisti, sono stati costruiti più di 330 importanti infrastrutture e impianti industriali in Africa, tra cui centrali elettriche, sistemi di irrigazione, imprese industriali e agricole, che continuano a funzionare con successo contribuendo in modo significativo allo sviluppo economico del continente. Decine di migliaia di medici, tecnici, ingegneri, ufficiali e insegnanti africani hanno ricevuto la loro formazione nel nostro paese.

Desidero sottolineare in particolare la tradizionale stretta collaborazione sulla scena internazionale e il solido e coerente sostegno da parte dell'URSS e poi della Russia agli interessi dei paesi africani nelle sedi internazionali. Abbiamo sempre seguito rigorosamente il principio "problemi africani - soluzioni africane" e siamo stati solidali con gli africani nella loro lotta per l'autodeterminazione, la giustizia e la difesa dei loro legittimi diritti. Non abbiamo mai cercato di imporre ai nostri partner le nostre concezioni riguardo all'organizzazione interna, alle forme e ai metodi di governo, agli obiettivi di sviluppo e ai modi per raggiungerli. Resta invariato il nostro rispetto per la sovranità degli Stati africani, le loro tradizioni e valori, il loro desiderio di determinare il proprio destino e di stabilire relazioni con i partner liberamente.

Noi sinceramente valorizziamo il patrimonio onestamente accumulato di amicizia e cooperazione, le tradizioni di fiducia e sostegno reciproco, che si sono consolidate tra la Russia e i paesi dell'Africa. Siamo uniti dalla comune aspirazione a creare un sistema di relazioni basato sulla priorità del diritto internazionale, sull'attenzione agli interessi nazionali, sull'indivisibilità della sicurezza e sul riconoscimento del ruolo centrale e coordinatore delle Nazioni Unite.

Ai giorni nostri, la costruttiva e fiduciosa partnership tra Russia e Africa è particolarmente significativa e importante. Nel mondo si stanno formando potenti centri di potere e influenza economica e politica, che si fanno sempre più presenti e richiedono di essere considerati. Siamo convinti che un nuovo ordine mondiale multipolare, i cui contorni sono già delineati, sarà più giusto e democratico. E non ci sono dubbi che l'Africa, insieme all'Asia, al Medio Oriente e all'America Latina, occuperà un posto degno in esso, liberandosi definitivamente dall'onere del colonialismo e del neocolonialismo, respingendo le pratiche attuali ad esse associate.

La Russia accoglie con favore l'aumento del prestigio internazionale sia di singoli Stati che dell'Africa nel suo complesso, e il loro desiderio di farsi valere e di prendere in mano la risoluzione dei problemi del continente. Sosteniamo sempre le iniziative costruttive dei nostri partner e ci impegniamo a garantire alle nazioni africane un ruolo adeguato nelle strutture che determinano il destino del mondo, incluso il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e il Gruppo dei Vent, sostenendo la riforma delle istituzioni finanziarie e commerciali globali che risponda ai loro interessi.

Purtroppo, osserviamo che l'attuale situazione mondiale è lontana dall'essere stabile. I vecchi conflitti si approfondiscono e nuove minacce e sfide emergono. Nessuna parte del mondo sente il peso dei problemi globali come l'Africa. In queste circostanze complesse, contiamo di costruire insieme ai partner africani un'agenda di cooperazione non discriminatoria. Le direzioni strategiche della nostra interazione sono state definite dalle decisioni del primo Vertice Russia-Africa, tenutosi a Sochi alla fine di ottobre 2019. Per una loro efficace attuazione è stato istituito il Forum di Partnership Russia-Africa. Con molti stati del continente, abbiamo creato commissioni bilaterali intergovernative per la cooperazione economica e scientifico-tecnologica e prevediamo di espandere la rete di ambasciate e uffici commerciali russi in Africa.

Sta avvenendo un'attiva formazione di strumenti aggiuntivi, volti a strutturare meglio le relazioni economiche e a conferirgli maggiore dinamicità.

Desidero sottolineare con soddisfazione che nel 2022 il volume degli scambi commerciali tra la Russia e i paesi dell'Africa è aumentato raggiungendo quasi 18 miliardi di dollari statunitensi. Tuttavia, siamo tutti consapevoli che il potenziale della nostra partnership economica e commerciale è molto più elevato. Le aziende russe sono interessate a lavorare più attivamente sul continente nei settori ad alta tecnologia e nell'esplorazione geologica, nell'ambito del complesso energetico, inclusa l'energia nucleare, nell'industria chimica, nell'estrazione di risorse naturali e nell'ingegneria dei trasporti, nell'agricoltura e nella pesca. I cambiamenti in corso nel mondo richiedono soluzioni legate alla creazione di nuove catene di trasporto e logistica, alla formazione di un sistema valutario-finanziario e a meccanismi di compensazione sicuri e liberi da influenze esterne sfavorevoli.

Comprendiamo l'importanza dell'approvvigionamento costante di cibo per lo sviluppo socio-economico e il mantenimento della stabilità politica degli Stati africani. Pertanto, abbiamo sempre prestato grande attenzione alle questioni legate alle forniture di grano, orzo, mais e altre colture alle nazioni africane. Lo abbiamo fatto sia su base contrattuale che gratuitamente, come aiuto umanitario, incluso attraverso il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite. Nel 2022, la Russia ha esportato in Africa 11,5 milioni di tonnellate di cereali e nei primi sei mesi dell'anno corrente, altre quasi 10 milioni di tonnellate. Questo nonostante le sanzioni imposte sulle nostre esportazioni che hanno seriamente ostacolato l'export di prodotti alimentari russi verso i paesi in via di sviluppo, complicando la logistica di trasporto, l'assicurazione e i pagamenti bancari.

Molti avranno sentito parlare della cosiddetta "operazione cereali", originariamente finalizzata a garantire la sicurezza alimentare globale, ridurre la minaccia della fame e aiutare i paesi più poveri in Africa, Asia e America Latina. Proprio per questo motivo, la Russia si è assunta l'impegno di favorirne la realizzazione. Tuttavia, tale "operazione", che in Occidente è stata pubblicamente presentata come un atto di preoccupazione e beneficio per l'Africa, è stata in realtà utilizzata spudoratamente esclusivamente per arricchire grandi imprese statunitensi ed europee, che hanno esportato e rivenduto cereali dall'Ucraina.

Considerate voi stessi: in quasi un anno nell'ambito dell'"operazione", sono stati esportati dall'Ucraina un totale di 32,8 milioni di tonnellate di merci, di cui più del 70% è andato a paesi ad alto e medio reddito, inclusa l'Unione Europea, mentre paesi come Etiopia, Sudan e Somalia, oltre a Yemen e Afghanistan, hanno ricevuto meno del 3% del volume totale, ovvero meno di un milione di tonnellate.

Inoltre, nessuna delle condizioni dell'"operazione" riguardanti la rimozione delle sanzioni sulle esportazioni russe di cereali e fertilizzanti verso i mercati mondiali è stata soddisfatta. Anzi, vengono persino frapposti ostacoli alla donazione di fertilizzanti minerali alle nazioni bisognose e più povere. Delle 262.000 tonnellate di prodotti bloccati nei porti europei, solo due spedizioni sono state inviate: 20.000 tonnellate in Malawi e 34.000 tonnellate in Kenya. Il resto rimane nelle mani ingiuste degli europei. E questo, nonostante si tratti di un'azione puramente umanitaria, alla quale le sanzioni non dovrebbero mai applicarsi in principio.

Considerando tutti questi fatti, la prosecuzione della "zona del grano", che non ha rispettato il suo scopo umanitario, ha perso senso. Abbiamo opposto resistenza al prolungamento ulteriore dell'operazione e dal 18 luglio la sua realizzazione è stata terminata. Voglio assicurare che il nostro paese sia in grado di sostituire il grano ucraino sia su base commerciale che gratuita, soprattutto perché quest'anno ci aspettiamo di nuovo un raccolto record.

Nonostante le sanzioni, la Russia continuerà a lavorare attivamente per organizzare forniture di grano, generi alimentari, fertilizzanti e non solo in Africa: apprezziamo molto e continueremo a sviluppare dinamicamente tutti gli aspetti delle relazioni economiche con l'Africa - sia con singoli paesi, sia con unioni regionali e, naturalmente, con l'Unione Africana. Accogliamo con favore il corso strategico di questa organizzazione verso ulteriori integrazioni economiche e la formazione di una Zona di libero scambio continentale africana. Siamo pronti a stabilire legami pragmatici e vantaggiosi, anche tramite l'Eurasian Economic Union. Siamo anche orientati a intensificare la collaborazione con altre unioni regionali del continente.

Continuando le tradizioni consolidate, intendiamo continuare a fornire assistenza nella formazione di professionisti per gli stati africani. Al momento, circa 35.000 studenti provenienti dal continente studiano nel nostro paese, di cui oltre 6.000 beneficiano di borse di studio russe. Ogni anno aumentiamo il numero di borse di studio assegnate, stimoliamo l'istruzione a pagamento e promuoviamo le connessioni tra le università.

È nei nostri interessi comuni portare la cooperazione nel campo umanitario, della cultura, dello sport e dei media a un nuovo e più alto livello. A tal proposito, vorrei invitare i nostri giovani amici africani a Sochi, in Russia, nel marzo 2024, per il Festival Mondiale della Gioventù. Questo massiccio forum internazionale radunerà oltre 20.000 rappresentanti da oltre 180 paesi per un dialogo informale, amichevole e aperto, privo di barriere ideologiche e politiche, pregiudizi razziali e religiosi, unendo le giovani generazioni attorno a idee di pace, prosperità e costruzione di un mondo solido e sostenibile.

Concludendo, vorrei sottolineare ancora una volta l'importanza del prossimo secondo Summit Russia-Africa. A seguito di esso, è prevista l'adozione di una dichiarazione completa, una serie di dichiarazioni congiunte e l'approvazione del piano d'azione del Forum di partenariato Russia-Africa fino al 2026. È in fase di preparazione un significativo pacchetto di accordi intergovernativi e interistituzionali con alcuni stati e associazioni regionali del continente.

Non vedo l'ora di incontrare i leader dei paesi africani a San Pietroburgo e sono orientato a un costruttivo e fruttuoso scambio di opinioni. Sono convinto che le decisioni del Summit e del Forum, così come il costante e comune lavoro multidimensionale, contribuiranno ulteriormente allo sviluppo del partenariato strategico tra Russia e Africa a vantaggio dei nostri paesi e dei nostri popoli.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti