Putin "scomparso dalla vita pubblica" riappare oggi con questo messaggio all'UE

Putin "scomparso dalla vita pubblica" riappare oggi con questo messaggio all'UE

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Proprio oggi la stampa italiana dava per “scomparso dalla vita pubblica” il presidente russo. Cosa che è naturalmente lontana dalla verità. Vladimir Putin era impegnato invece a preparare un discorso molto importante che ha pronunciato oggi.

Come da tradizione, alla fine dell’anno Putin tiene una riunione del Consiglio per lo sviluppo strategico e i progetti nazionali per fare una profonda valutazione di ciò che è stato fatto per raggiungere gli obiettivi nazionali, nonché esporre le linee guida fondamentali e integrali per il paese sviluppo fino al 2030.

Ecco i passi salienti, che ritengo di grande importanza per l’Europa, a cui le autorità dell’Ue farebbero bene a recepire con rispetto e particolare attenzione.

“Ritengo necessario delineare i compiti più importanti della politica statale per il prossimo anno, il 2023, e proporre nuove soluzioni che ci consentano di svilupparci con più sicurezza e rispondere alle sfide con le quali si scontra oggi l'economia del nostro paese, e anche i nostri cittadini, tenuto conto dei cambiamenti profondi e seri che il mondo intero sta vivendo.

Come sapete, contro la Russia è stata lanciata un'aggressione sanzionatoria senza precedenti. Un’aggressione che mirava in tempi brevi a schiacciare la nostra economia e attraverso il furto delle nostre riserve di valuta estera – mirava a far crollare la valuta nazionale - il rublo - e provocare un'inflazione distruttiva.

Questo calcolo, come si vede, come tutti possono vedere, è fallito. Gli imprenditori e le autorità russe hanno lavorato in modo attento e professionale, i cittadini russi hanno mostrato solidarietà e responsabilità. Grazie al lavoro congiunto del Governo, della Banca di Russia e dei soggetti della Federazione, la situazione si è stabilizzata.

Secondo i risultati dell'anno, il PIL dovrebbe diminuire, ne ho già parlato pubblicamente - di circa il 2,5 per cento. È vero, di recente ho detto 2,9, ma le ultime previsioni dicono che sarà ancora più piccolo - 2,5%. Sì, ovviamente, è una recessione, ma non è certo il crollo del 20% che molti occidentali e, francamente anche alcuni dei nostri esperti, avevano pronosticato quando l'Occidente collettivo si è abbattuto su di noi con la sua guerra economica. Inoltre, già nel terzo trimestre, la dinamica economica ha mostrato un leggero aumento dopo i valori minimi del secondo trimestre.

Il livello dei prezzi in Russia - dopo la forte impennata di marzo-aprile - è rimasto pressoché invariato da maggio e il rublo russo è diventato una delle valute più forti al mondo dall'inizio dell'anno.

Questo risultato è stato ottenuto attraverso le nostre decisioni di regolare i deflussi di capitali, di trasferire i pagamenti del gas in rubli, di utilizzare attivamente le valute nazionali negli scambi con i partner, ma soprattutto, ovviamente, attraverso una politica finanziaria responsabile.

Le finanze pubbliche della Russia rimangono stabili. Secondo i risultati di gennaio-novembre dell'anno in corso, il bilancio federale è stato eseguito con un'eccedenza di 560 miliardi di rubli e il bilancio consolidato con un'eccedenza di un trilione e 451 miliardi di rubli.

Allo stesso tempo, prevediamo che in generale, nell'anno in corso e nei prossimi, il nostro bilancio federale sarà eseguito con un piccolo deficit - circa il due percento del PIL, e questo sarà uno dei migliori risultati tra i paesi del G20.

Continueremo lo sviluppo del nostro paese, nonostante le pressioni esterne. Inoltre, diventeremo sicuramente più forti, realizzeremo progetti qualitativamente nuovi, porteremo la Russia a un livello tecnologico più elevato e garantiremo la sua sovranità economica, finanziaria, tecnologica e del personale.

Nell'ambito del nostro incontro di oggi e nel mio intervento, vorrei identificare sei compiti chiave per il 2023. La loro soluzione ci consentirà di muoverci con successo verso il raggiungimento degli obiettivi nazionali fissati fino al 2030.

Il primo compito consiste nel portare l'interazione con i nostri partner chiave a un nuovo livello. Per fare ciò, elimineremo le restrizioni logistiche e finanziarie.

Permettetemi di ricordarvi che imponendo le sanzioni, i paesi occidentali hanno cercato di spingere la Russia alla periferia dello sviluppo mondiale, ma noi non seguiremo mai la via dell'autoisolamento e dell'autarchia, come ho ripetutamente affermato al riguardo. Al contrario, stiamo espandendo e continueremo ad espandere la cooperazione con tutti coloro che sono interessati a questo, che capiscono chiaramente dove sono gli interessi “degli altri” e dove gli interessi “propri”, nazionali.

Con questi Stati la Russia sta costruendo relazioni commerciali e di investimento. Il nostro commercio estero si sta spostando verso regioni e mercati dinamici, verso paesi in via di sviluppo dinamico. In effetti, questo accade nel nostro Paese già da molti anni, anche al di fuori degli eventi odierni nel mondo.

Cosa ha ottenuto la stessa Europa imponendo le sanzioni? Prima di tutto, un salto forzato e senza precedenti, come dicono gli economisti, dell'inflazione in casa loro, nell'eurozona. A novembre ammontava al 10 per cento nell'area dell'euro nel suo complesso. Per alcuni paesi, i valori sono al di fuori di ogni limite, davvero esorbitanti: da più di 20, 21 e 25.

Oggi, le stesse autorità dell'Unione Europea affermano che la politica del loro partner principale, gli Stati Uniti, sta portando direttamente alla deindustrializzazione dell'Europa. E in relazione a questo cercano persino di presentare alcuni resoconti al loro “suzerain” americano. [nel diritto feudale il termine “suzerain”, usato da Putin, significa letteralmente “il signore che sta gerarchicamente al di sopra dei signori” N.d.T.]

A volte nelle loro dichiarazioni ci sono anche parole di risentimento che traducono in sostanza “perché ci fai questo?” E qui verrebbe da chiedere: “ma voi, cosa volevate? In quale altro modo trattano chi si fa mettere sotto i piedi? Comunque, sono affari loro.

Ora passo a una piccola digressione interessante sui rapporti commerciali con l'Unione Europea. Nonostante le sanzioni, nei nove mesi di quest'anno, le forniture delle merci fondamentali dalla Russia ai paesi dell'UE sono aumentate di una volta e mezza. In totale le esportazioni russe sono aumentate del 42%, mentre il surplus del commercio - a nostro favore – è aumentato di 2,3 volte, fino a 138 miliardi di dollari. In sostanza, l'Unione Europea, continua a consumare i nostri beni e servizi, ma i flussi inversi li frena. Tale situazione, tale squilibrio non può continuare all'infinito.

Dunque noi che dobbiamo fare? Cercheremo altri partner più promettenti nelle regioni in attiva crescita dell'economia globale.

Questi sono l'Asia, il Medio Oriente, l'America Latina, l'Africa. È verso i mercati dei paesi amici che riorienteremo le forniture energetiche russe.

Nei nove mesi di quest'anno, le esportazioni di petrolio verso i paesi partner sono aumentate di quasi un quarto.

Un passo importante per ridurre l'impatto delle sanzioni e di altre azioni ostili contro la Russia sarà lo sviluppo delle infrastrutture portuali e dei gasdotti nelle direzioni del sud e dell’oriente, aumenteremo anche l'esportazione del gas naturale.

La realizzazione di progetti come il giacimento di Kovykta, il Power of Siberia-2, la rotta dell'Estremo Oriente consentiranno di aumentare le forniture di gas verso oriente a 48 miliardi di metri cubi entro il 2025 e a 88 miliardi entro il 2030. Si tratta di oltre il 60% delle forniture di gas all'Occidente dello scorso anno. A loro volta, i nuovi progetti a Yamal aumenteranno la produzione di gas naturale liquefatto di 70 miliardi di metri cubi entro il 2030, il che contribuirà anche ad espandere la geografia delle esportazioni.

Uno dei principali consumatori in crescita del gas russo sono i nostri vicini, compresa la Turchia. La sua infrastruttura del gas ha un serio potenziale. Nei prossimi anni abbiamo in programma di organizzare, come avevo già detto in precedenza, un hub del gas.

Il secondo compito che si pone la Russia comprende il rafforzamento della sovranità tecnologica e l’avanzamento verso la leadership nelle principali aree in questo settore, crescita dell'industria manifatturiera;

Il terzo compito – ha detto Putin, è garantire la sovranità finanziaria: il sistema finanziario russo deve soddisfare le esigenze precedentemente coperte da fonti di finanziamento occidentali. "Non abbiamo bisogno di prendere in prestito all'estero, non abbiamo bisogno di andare in schiavitù" – ha sottolineato Putin.

Quarto : lo sviluppo prioritario delle infrastrutture: “è necessario mettere in ordine le autostrade regionali, l'edilizia abitativa e il miglioramento delle condizioni di vita dei cittadini. Il ritmo nella costruzione di alloggi e strade "tiene bene", ha detto Putin, "è importante non ridurre questo slancio".

Quinto: la riduzione della povertà e delle disuguaglianze, la crescita dei redditi reali dei cittadini, la riduzione del divario di potenzialità delle regioni. “La chiave per redditi più elevati è un'elevata crescita economica e nuovi posti di lavoro ben pagati”, ha affermato Putin.

Sesto compito: tutela della maternità e dell'infanzia, sostegno alle famiglie e la cura della salute delle persone. “Siamo riusciti a superare le conseguenze della pandemia di coronavirus, ridurre la mortalità, ma un forte calo del tasso di natalità ha di fatto annullato questi risultati. Chiedo al governo di predisporre uno speciale pacchetto di misure all'inizio del prossimo anno per invertire questa tendenza", ha ordinato il capo dello Stato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti