/ Raqqa. Trovati sotto le macerie migliaia di cadaveri di siriani v...

Raqqa. Trovati sotto le macerie migliaia di cadaveri di siriani vittime dei bombardamenti USA

 

Secondo la diplomazia russa i corpi di oltre 8.000 siriani uccisi nelle incursioni aeree della coalizione anti ISIS guidata dagli USA sono stati trovati nelle fosse comuni aRaqqa in Siria dopo che le macerie sono state parzialmente spazzate via.


I corpi di oltre 8.000 siriani uccisi nelle incursioni dei bombardamenti effettuati dagli Stati Uniti e dalla coalizione da loro guidata sono stati trovati nelle fosse comuni a Raqqa, in Siria, dopo che le macerie sono state parzialmente bonificate, ha riferito la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

"La scorsa settimana il governo siriano, nelle sue lettere indirizzate al segretario generale delle Nazioni Unite e al presidente del Consiglio di sicurezza dell'ONU, ha fornito le statistiche tragiche sulle vittime dei bombardamenti della coalizione nella città di Raqqa durante la sua" liberazione "dall'ISIS", ha osservato. 
 
"I cadaveri di oltre 4000 persone sono stati ritrovati mentre ripulivano le macerie in due dei quartieri residenziali della città colpiti dai bombardamenti aerei e attorno allo stadio e allo zoo, soprattutto donne, anziani e bambini. Una fossa comune dove sono state sepolte più di 2.500 persone è stata scoperta in una fattoria vicino a una clinica pediatrica e all'ospedale nazionale, mentre un altro luogo di sepoltura è stato aperto vicino ad Al-Panorama, dove sono state seppellite 1.500 vittime dei bombardamenti."
 
"Le lettere sottolineavano che fino ad oggi solo il 2% delle macerie era stato ripulito a Raqqa, che era stata letteralmente raso al suolo", ha sottolineato Zakharova.

 
Secondo la portavoce della diplomazia russa, le statistiche si sono rivelate in netto contrasto con "la reazione isterica espressa dagli Stati Uniti e da altri paesi occidentali in merito alla tutela dei diritti dei siriani" e "le informazioni fornite nelle recenti relazioni di varie ONG occidentali sul situazione a Raqqa. "

Il Governatorato di Raqqa e il suo capoluogo servivano da avamposto principale per il gruppo terroristico ISIS in Siria. La città di Raqqa è stata riconquistata dai terroristi lo scorso ottobre da unità prevalentemente curde, che fanno parte delle cosiddette 'forze democratiche siriane' sostenute dalla coalizione guidata dagli Stati Uniti.
 
Mosca e Damasco hanno richiamato l'attenzione sulla situazione di Raqqa in numerose occasioni.
 
Il rappresentante permanente russo presso l'ONU Vasily Nebenzya ha affermato che gli Stati Uniti e i loro alleati stanno cercando di "nascondere le terribili conseguenze delle loro operazioni militari" per liberare la città siriana. 
 
Da parte sua, Damasco ha inviato una lettera alle Nazioni Unite, nella quale si lamenta la sanguinosa carneficina alla coalizione guidata dagli Stati Uniti, i cui attacchi aerei hanno causato migliaia di vittime, mentre la città stessa è stata rasa al suolo.
 
Fonte: TASS - Foto AP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa