"Referendum" censurato da Youtube con questa (incredibile) motivazione

"Referendum" censurato da Youtube con questa (incredibile) motivazione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Alessandro Bianchi

“REFERENDUM”. Il film di Michelangelo Severgnini prodotto dall’AntiDiplomatico è stato inspiegabilmente censurato da Youtube.

Il film nasce da una esigenza chiara: rompere il vergognoso muro di omertà sui referendum che potrebbero effettivamente bloccare l’invio di armi italiane al regime di Kiev. Il talento di Michelangelo Severgnini ha reso possibile, in tempi record, la miglior diffusione possibile dell'argomento alla cittadinanza. Con i portavoce dei due comitati di “Italia per la pace”, Ugo Mattei e Enzo Pennetta, come protagonisti, il film mette a nudo definitivamente il sistema politico-mediatico italiano.




Ma non può essere trasmesso su Youtube (a parte il trailer ancora visibile)

Questo il commento che ci ha inviato Michelangelo Severgnini: 

“Beh, ormai non passa mese che non si verifichino episodi di censura a danno dei miei lavori.

Chissà se a questo giro il presidente La Russa sarà disposto di nuovo ad invitarmi al Senato per denunciare la violazione dell'articolo 21 della Costituzione italiana, come successe lo scorso dicembre in seguito all'episodio di squadrismo buonista di cui sono stato vittima con il film "L'Urlo" al Festival dei diritti umani di Napoli.

Ma ne dubito.

Questa volta temo siamo di fronte ad una censura anche più spietata, perché non rivolta contro fatti scomodi a qualcuno (in quel caso le Ong), ma contro delle idee, liberamente espresse da liberi cittadini presenti nel film a partire da fatti reali sotto gli occhi di tutti.

Censurare le idee e le opinioni è il livello più militaresco di censura che si possa immaginare.

Significa aver trasformato i cittadini, senza il loro consenso, in soldati in trincea, senza ormai più libertà d'opinione.”

Non è neutrale il film è vero. Noi non siamo neutrali e rivendichiamo il diritto a non esserlo. Rivendichiamo, come testata regolarmente registrata, il diritto di poter diffondere un messaggio diverso da quello imposto da Washington e Bruxelles, senza che Facebook prima e Youtube ora possano arbitrariamente e senza nessuna motivazione logica bloccare il nostro lavoro.

Non è certo neutrale, del resto, il fondamentalismo atlantico di Repubblica e di tutti gli altri giornali italiani che ci stanno portando nel baratro della belligeranza attiva, senza che nessuna multinazionale Usa metta, chiaramente, in pericolo il filtro dei loro prodotti ben allineati.

Questa la motivazione incredibile di Youtube per la censura del film “Referendum”:






Nel film l’unica immagine che riguarda il passato fa riferimento ai bombardamenti Usa contro l’Iraq (con data e luogo specificati espressamente).

Siamo in attesa del ricorso e che ci venga comunicato nel dettaglio la vera ragione dietro la rimozione. Nel frattempo per una settimana non potremo usare Youtube, che ci ha avvertito che alla prossima arbitraria “sanzione” il canale verrà democraticamente cancellato.



Si tratta di una censura vergognosa che segue quella subita dalla nostra pagina Facebook seguita da 150 mila persone e oscurata per il volere di "fact-checker" che sfuggono alle nostre richieste. 

Tutto questo non riguarda solo l’AntiDiplomatico, ma tutti voi signori, qualunque sia la vostra posizione politica. Ci rivolgiamo in particolare agli elettori del Pd, il partito più atlantista di Italia: fino a quando potrete accettare di vivere in un sistema che silenzia in questo modo le voci dissenzienti? Prestate molta attenzione, cari elettori del Pd, perché quello che state avallando è un pericoloso metodo anticostituzionale.

E come tutti i metodi un giorno potrà essere utilizzato contro di voi.

Nell’assenza della politica, perché la questione è drammaticamente politica, ci appelliamo a tutti voi perché questo nostro appello possa arrivare al maggior numero di persone possibili. Ho voluto personalmente e fortemente questo film che il talento di Michelangelo Severgnini ha reso un prodotto di straordinaria efficacia e la promessa è che da oggi inizia la nostra vera sfida: non avremo pace fino a quando non verrà visto dal maggior numero di italiani possibili.


P.s. Il film è ancora visibile su Vimeo 


P.s. 2 Tutti coloro che vogliono organizzare una proiezione possono contattarci a lantidiplomaticoproduzioni@gmail.com o a info@lantidiplomatico.it

P.s. 3 Per tutti gli abbonati del nostro canale Youtube che si sono visti rimossi il film potete scriverci a lantidiplomaticoproduzioni@gmail.com o a info@lantidiplomatico.it e ci impegneremo a inviarvi il film

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo di Geraldina Colotti Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti