World Affairs/Repressione inaudita in Cile: giovane investito da due blindati d...

Repressione inaudita in Cile: giovane investito da due blindati della polizia militare (VIDEO)

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

In Cile continua senza soluzione di continuità la brutale repressione attuata dal regime del nostalgico di Pinochet, Sebastián Piñera, contro un popolo che ha deciso di porre fine al regime neolibererista lo opprime sin dagli anni 70’ quando il socialista Allende fu rovesciato con un golpe dal generale Augusto Pinochet. Proprio in Cile nacque infatti quel neoliberismo che tanto piace ai competenti ad ogni latitudine. 

 

Tornando alla repressione, nella giornata di venerdì, in quel luogo divenuto simbolo delle proteste e ribattezzato come Plaza de la Dignidad la polizia militare del Cile ha deliberatamente investito Oscar Perez, un giovane cittadino che è stato schiacciato tra due veicoli corazzati. Le scene dell'attacco della polizia sono state trasmesse in diretta dalla televisione locale.

 

Nel video, si può vedere che mentre un'auto blindata chiude la strada di Oscar, l'altra auto corazzata fa una svolta, accelera verso il cittadino, lo punta e lo investe passandogli sopra la schiena. Detto diversamente, la polizia ha usato due auto blindate per eseguire una mossa "a incudine" contro un civile disarmato.

 

"Criminali! Il Presidente Piñera. Blumel e il sindaco Guevara devono rispondere!”, la reazione indignata e immediata del media locale Piensa Prensa (da cui è tratto il video).

 

Pochi secondi dopo, quando le due auto blindate hanno smesso di schiacciare la loro vittima, il ventenne è caduto immediatamente a terra. È stato quindi assistito da altri cittadini che lo hanno rimosso dalla strada.

 

Inutile dire che nessuna delle due auto blindate aveva targhe o numeri verniciati che potevano consentire la loro successiva identificazione. Impunità totale.

 

"Mio figlio Oscar è stato brutalmente e intenzionalmente investito e schiacciato da due auto blindate. È miracolosamente vivo. Questa barbarie, che è sostenuta dal mostro interno e dallo Stato cileno, deve finire!" Marta Cortez, la madre del cittadino investita, ha twittato.

 

Venerdì, i media locali hanno pubblicato i dati di un recente sondaggio rivelando che il 65% dei cileni disapprova il comportamento della polizia militare, che è il livello più basso di accettazione che questa istituzione ha avuto nei suoi 92 anni di esistenza.

 

Da quando i disordini sociali sono iniziati il ??18 ottobre, i cileni sono stati oggetto di una violazione sistematica dei loro diritti umani.

 

Finora, questa circostanza è stata segnalata dal National Institute of Human Rights (NHRI), da Amnesty International, dalla Commissione interamericana per i diritti umani (IACHR), dalla Commissione delle Nazioni Unite per i diritti umani e da altre istituzioni internazionali.

 

Secondo Hugo Fruhling, direttore dell'Istituto per gli affari pubblici dell'Università del Cile, le critiche delle organizzazioni internazionali sono state un duro colpo per la reputazione della polizia militare.

 

"Durante la dittatura di Augusto Pinochet (1973-1990), la società cilena diffidava fortemente della polizia militare a causa del suo ruolo repressivo; tuttavia, questa istituzione aveva recuperato una buona reputazione dal ritorno alla democrazia", ??ha affermato Fruhling e ha aggiunto che lo Stato deve attuare "riforme serie e consensuali" per migliorare la sua reputazione.

 

Il 13 dicembre, la missione dell'Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha concluso che la polizia militare ha violato i diritti umani in più occasioni facendo un uso "eccessivo o non necessario" della forza.

 

La missione ha scoperto che le forze di sicurezza cilene erano coinvolte in torture, violenza sessuale e detenzioni arbitrarie. Dal 18 ottobre, almeno 28.000 persone sono state arrestate, 1.610 delle quali rimangono in prigione.

Fonte: teleSUR
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa