Riunione NATO a Riga, Stoltenberg: "La situazione in Ucraina è imprevedibile"

Riunione NATO a Riga, Stoltenberg: "La situazione in Ucraina è imprevedibile"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 

Da Un altro punto di vista

Stoltenberg alla riunione dei ministri degli esteri della NATO a Riga: "La situazione in Ucraina e nei dintorni rimane fluida e imprevedibile. Non ci sono certezze sulle intenzioni della Russia. Assistiamo a una concentrazione di forze significativa e insolita, che è ingiustificato e inspiegabile. E accompagnato da un’acuta retorica e disinformazione. Sappiamo che la Russia ha già usato la forza contro l’Ucraina e altri vicini. Oggi i ministri hanno discusso della situazione. Siamo uniti nel nostro obiettivo di dissuadere la Russia da qualsiasi ulteriore azione aggressiva. Chiediamo alla Russia di essere trasparente, ridurre l’escalation e ridurre le tensioni. Qualsiasi futura aggressione russa contro l’Ucraina avrebbe un prezzo elevato e gravi conseguenze politiche ed economiche per la Russia.

I ministri sono stati chiari sul fatto che non ci devono essere malintesi o calcoli errati sulla determinazione della Nato. Siamo uniti per difendere e proteggere tutti gli alleati. Continueremo a valutare attivamente la situazione e ad assicurarci di avere tutti i piani necessari in atto. Allo stesso tempo, manteniamo il nostro sostegno politico e pratico al nostro partner Ucraina. I ministri elogiano Kiev per “la sua risposta misurata alle continue provocazioni della Russia”... I ministri incontreranno i rappresentanti di Ucraina e Georgia “per scambiare opinioni sugli sviluppi attuali”.

Mosca replica: L'Ucraina ha schierato metà del suo esercito nella zona di conflitto del Donbass

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakhárova, da parte sua, ha ricordato, oggi, che l'Ucraina ha schierato metà del suo esercito nella zona di conflitto del Donbass, assegnando alla regione 125.000 soldati e armi pesanti.

"Le forze armate dell'Ucraina stanno aumentando le loro forze, raccogliendo attrezzature pesanti e personale. Secondo alcuni rapporti, il numero di truppe ucraine nella zona di conflitto ha già raggiunto 125.000, e questa è la metà della composizione totale delle forze armate. da Ucraina", ha avvertito .

Allo stesso modo, la portavoce del ministero ha sottolineato che le autorità ucraine non sono disposte a risolvere pacificamente il conflitto nel Donbass e che il Cremlino è seriamente preoccupato per il suo mancato rispetto degli accordi di Minsk. "C'è grande preoccupazione per il percorso di Kiev per smantellare il processo di Minsk e per il rifiuto de facto di Kiev dei tentativi di risolvere pacificamente il conflitto in Donbass".

 

 

 

 

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti