Rivelazioni Guardian. La Gran Bretagna costretta ad ammettere l'uccisione di 300 civili in Afghanistan (80 bambini)

Rivelazioni Guardian. La Gran Bretagna costretta ad ammettere l'uccisione di 300 civili in Afghanistan (80 bambini)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La vita non ha prezzo, può sembrare una banalità, una frase fatta. Forse ripetendola infinite volte ha perso il suo valore, il sistema capitalista dà un valore alle persone sia in vita e che in morte.

Questi 20 anni di Guerra all'Afghanistan ci danno maggior cognizione di causa di quanto siano semplici numeri le vittime civili per le potenze imperialiste, questo è il caso della Gran Bretagna.

Nei giorni scorsi il quotidiano The Guardian ha rivelato che, dopo pressioni dell'opinione pubblica, sono stati rivelati i registri dei risarcimenti per le vittime civili nella guerra all'Afghanistan.

In primis, c'è da sottolineare la conferma dell'uccisione di 289 civili, fra i quali 80 bambini da parte delle forze armate britanniche.

Ad esaminare i registri ci ha pensato l'ente di beneficenza Action on Armed Violence (AOAV), il suo direttore sottolinea qualcosa di drammatico: “Questi file non sono di facile lettura. La banalità del linguaggio significa che centinaia di morti tragiche, tra cui decine di bambini, si leggono più come un inventario"

Quello che rende bene l'idea del cinismo dell'imperialismo, incarnato perfettamente dalla Gran Bretagna, è la questione dei risarcimenti.

Londra ha risarcito con 2380 sterline in media ogni civile ucciso. In alcuni casi sottolinea il media inglese "l'assegnazione di 4.233,60 sterline a una famiglia in seguito alla morte di quattro bambini che sono stati erroneamente 'colpiti e uccisi' in un attacco nel dicembre 2009."

Inoltre, si ricordano che "alcuni dei pagamenti ammontavano a meno di poche centinaia di sterline. Nel febbraio 2008, una famiglia ha ricevuto 104,17 sterline a seguito di un decesso confermato e danni a una proprietà nella provincia di Helmand, mentre un'altra è stata risarcita con  586,42 sterline per la morte del figlio di 10 anni nel dicembre 2009."

Ecco, quindi, quanto vale la vita di un afgano ucciso per orrore, non per errore, parafrasando lo scrittore uruguaiano Edoardo Galeano.

Si distrugge un paese con una guerra mossa con pretesti assurdi e fake news, lo si massacra, e distrugge. Poi, si dà qualche spicciolo di risarcimento per qualche "orrore", perché la vita di un afgano, siriano, iracheno, libico, non vale per questi esportatori di "democrazia" e "diritti umani" quanto quella di un occidentale

Insomma, che cinici, mettono anche i centesimi nel risarcire una vita umana. Quanto è cinico l'impero, soprattutto quanto è criminale.

Francesco Guadagni

Francesco Guadagni

 

Nato nell'anno di grazia 1979. Capolavoro e mancato. Metà osco, metà vesuviano. Marxista fumolentista. S.S.C.Napoli la mia malattia. Pochi pregi, tanti difetti, fra i quali: Laurea in Lettere Moderne, Iscrizione all'Albo giornalisti pubblicisti della Campania dal 2010. Per molti anni mi sono occupato di relazioni sindacali, coprendo le vertenze di aziende multinazionali quali Fiat e di Leonardo Finmeccanica. Impegno di militanza politica, divenata passione, è il Medio Oriente. Per LAD Gruppo Editoriale ho pubblicato il libro 'Passione Pasolini - Un Viaggio con David Grieco', prefazione di Paolo Desogus. 

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti