/ Robert Fisk: "Ho rintracciato i resti dei missili in Siria. È tem...

Robert Fisk: "Ho rintracciato i resti dei missili in Siria. È tempo che l'occidente riveli a chi vende le armi"

 

Il noto reporter di guerra Robert Fisk: "Non penso che né la NATO né l'UE abbiano il minimo interesse a scoprire la provenienza di armi nelle mani dei combattenti islamici in Siria o in qualsiasi altro posto in Medio Oriente."


Robert Fisk, noto reporter di guerra, in particolar modo in Medio Oriente, ha realizzato un'inchiesta sulle armi utilizzate dai gruppi armati in Siria provenienti dall'Occidente.
 
Qui il testo dell'articolo in lingua originale. Segue la traduzione.
 
Lettori, un piccolo romanzo poliziesco. Annotare questo numero: MFG BGM-71E-1B. E questo numero: STOCK NO 1410-01-300-0254. E questo codice: DAA A01 C-0292. Ho trovato tutti questi numeri stampati sul lato di un bossolo che giaceva nel seminterrato di una base islamista bombardata nell'est di Aleppo l'anno scorso. Sopra  c'erano le parole "Hughes Aircraft Co", fondata in California negli anni '30 dal famigerato Howard Hughes e venduta nel 1997 a Raytheon, il grande appaltatore della difesa statunitense i cui profitti l'anno scorso arrivarono a 23,35 miliardi di dollari. Gli azionisti includono Bank of America e Deutsche Bank. Gli uffici in Medio Oriente di Raytheon si trovano in Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Israele, Egitto, Turchia e Kuwait.
 
 
C'erano dozzine di altri bossoli identici usati nella stessa stanza sotterranea nelle rovine di Aleppo, con codici sequenziali; in altre parole, questi missili anti-carro - conosciuti nel commercio come Tows, "lanciati via cavo, missili tracciati otticamente e filo-guidati" - non erano singoli oggetti introdotti di contrabbando in Siria attraverso la vecchia e molto segnalata pista dei contrabbandieri della CIA dalla Libia. Si trattava di spedizioni, intere serie di armi che lasciavano il loro punto di origine sui pallet degli aerei militari.
 
Qualche tempo fa, negli Stati Uniti, ho incontrato un vecchio dirigente di Hughes Aircraft che ha riso quando gli ho raccontato la mia storia quella di trovare i suoi missili nella parte orientale di Aleppo. Quando la società fu venduta, Hughes era stato diviso in otto componenti, ha detto. Ma sicuramente, questo gruppo di razzi era partito da una base governativa degli Stati Uniti. Detective amatoriali potrebbero aver già rintracciato il primo gruppo di numeri sopra. Lo "01" nel codice del titolo è una codifica NATO per gli Stati Uniti e BGM-71E è un prodotto della Raytheon Systems Company. Ci sono video di combattenti islamici che usano la varietà BGM-71E-1B nella provincia di Idlib due anni prima che trovassi i bossoli di altri missili anticarro nella vicina Aleppo. Per quanto riguarda il codice: DAA A01 C-0292, sto ancora cercando di rintracciare questo numero.
 
 
Anche se riesco a trovarlo, tuttavia, posso promettere ai lettori una certa conclusione. Questo missile sarà stato fabbricato e venduto da Hughes / Raytheon in modo assolutamente legale a un paese NATO, pro-NATO o "amico" (cioè filoamericano) (governo, ministero della Difesa, chiamalo come vuoi), e per esso esisterà Certificato di utente finale (EUC), un documento di provenienza impeccabile firmato dagli acquirenti - in questo caso dai miliziani che hanno acquistato i missili Tow in numeri molto grandi - affermando che sono i destinatari finali delle armi.
 
Non vi è alcuna garanzia che questa promessa sarà mantenuta, ma - come confermano le fabbriche di armi con cui ho parlato nei Balcani nelle scorse settimane - non vi è né un obbligo né un meccanismo investigativo da parte dei produttori di armi per assicurarsi che i loro prodotti infinitamente costosi non vengano consegnati dagli "acquirenti" a Isis, al-Nusra / al-Qaeda - che era chiaramente il caso ad Aleppo - o qualche altro gruppo islamico anti-Assad in Siria marchiato dal Dipartimento di Stato USA stesso come "organizzazione terroristica".
 
Naturalmente, le armi potrebbero essere state inviate (illegalmente secondo i termini dell'EU inapplicabile) a una bella, tenera, "moderata" milizia come l'ormai largamente inesistente "Free Syrian Army", molte delle cui armi - generosamente donate da l'occidente - sono cadute nelle mani dei "cattivi"; cioè la gente che vuole rovesciare il regime siriano (che piacerebbe all'Occidente) ma che vorrebbe istituire una dittatura di culto islamista al suo posto (che non piacerebbe all'occidente).
Così al-Nusra può essere il destinatario dei missili dei nostri "amici" nella regione - qui, per favore dimentica le EUC - o da quei mitici "moderati" che a loro volta li consegnano a Isis / al-Nusra, ecc., Per contanti, favori, paura o guerra fratricida e arrendersi.
 
 
È un dato di fatto, mi dispiace ricordare, che di tutte le armi che ho visto usate nella guerra civile libanese (1975-1990), nessuno era nelle mani di coloro a cui quelle stesse armi erano state originariamente vendute. I kalashnikov russi e bulgari venduti in Siria erano usati dai guerriglieri palestinesi, i vecchi carri armati americani impiegati dai Falangisti libanesi, cristiani, erano regali dagli israeliani che li avevano ricevuti dagli Stati Uniti.
 
Queste scandalose spedizioni di armi furono costantemente registrate all'epoca - ma in tal modo si potrebbe immaginare che i trasferimenti fossero sanciti dalla legge ("il made in USA, fornito da Israele" era il mantra). I falangisti, infatti, raccolsero anche lotti di armature britanniche, sovietiche, francesi e jugoslave - la fabbrica di armi Zastava nella città serba di Kragujevac, che ho appena visitato, inclusa in quest'ultima - per le loro battaglie.
 
Nell'est di Aleppo, chi sa quali "doni" ai cittadini sopravvissuti della città negli ultimi mesi di guerra hanno acquisito un nuovo scopo? I furgoncini pick-up Mitsubishi, alcuni in vernice mimetica, altri in colori neutri, giacevano per le strade che attraversavo.
 Sono stati rubati da al-Nusra? O semplicemente usato dalle ONG? Arrivarono, abbastanza innocentemente, nel lotto i cui documenti, trovati anche in Aleppo, registrarono "Five Mitsubishi L200 Pick Up" inviato da "Shipper: Conflict, Humanitarian and Security Department (Chase), Whitehall SW1A SEG London"?
 
Ovviamente lo hanno fatto - a fianco dell'ambulanza di Glasgow che ho trovato accanto a una discarica di bombole di gas sulla linea del fronte di Aleppo a Beni Zeid nel 2016, le cui codifiche informatiche ho riportato su The Independent a lungo - cinque codifiche in tutto - e alle quali il La Scottish Ambulance Authority ha risposto dicendo che non potevano rintracciare l'ambulanza perché avevano bisogno di maggiori dettagli.
 
Ma torniamo a cannoni e artiglieria. Perché la NATO non tiene traccia di tutte queste armi mentre lasciano l'Europa e l'America? Perché non espongono i veri utenti finali di queste spedizioni mortali? I produttori di armi con cui ho parlato nei Balcani hanno attestato che la NATO e gli Stati Uniti sono pienamente consapevoli degli acquirenti di tutte le loro mitragliatrici e mortai. Perché i dettagli di questi gloriosi certificati di utente finale non possono essere resi pubblici - come aperti e liberi per noi di vedere come sono le spaventose armi che i produttori sono felici di vantare nei loro cataloghi.
 
È stato istruttivo che quando The Independent ha chiesto ai sauditi la scorsa settimana di rispondere ai documenti di spedizione delle armi bosniache che ho trovato ad Aleppo nell'est di un anno (per mortai da 120mm) - che il controllore di armi della fabbrica richiamato era stato inviato da Novi Travnik all'Arabia Saudita - hanno risposto che loro (i sauditi) non fornivano alcun sostegno "a nessuna organizzazione terrorista", che al-Nusra e Isis erano designati "organizzazioni terroriste" dal decreto regio e che le "accuse" (sic) erano "vaghe e infondate ”.
Ma cosa significava? Le dichiarazioni del governo in risposta a rapporti dettagliati sulle spedizioni di armi non dovrebbero essere l'ultima parola - e c'è una domanda importante che è rimasta senza risposta nella dichiarazione saudita. Gli stessi Sauditi avevano richiesto copie dei documenti di spedizione, ma non avevano specificato se avessero o meno ricevuto questa spedizione di mortai, né avrebbero commentato i documenti effettivi che The Independent aveva inviato loro.
 
Questi documenti non erano "vaghi" - né era il ricordo del controllore di armi bosniaco che disse di essere andato con i mortai in Arabia Saudita e dei cui documenti di spedizione ho trovato in Siria. In effetti, Ifet Krnjic, l'uomo la cui firma ho trovato nella parte orientale di Aleppo, ha il diritto di avere la sua parola rispettata come quella delle autorità saudite. Quindi cosa ne fece di loro il personale militare dell'Arabia Saudita, ai quali sicuramente mostrò i documenti? Cosa significa "infondato"? I sauditi sostenevano con l'uso di questa parola che i documenti erano falsi?
 
Queste sono domande, ovviamente, che dovrebbero essere accolte dalle autorità internazionali nei Balcani. Gli ordini della NATO e dell'Unione Europea si trovano ancora nella Bosnia in rovina ed entrambi hanno copie dei documenti che ho trovato ad Aleppo. Stanno facendo indagini su questa spedizione, dove Krnjic ha dichiarato di essere andato in Arabia Saudita, e sui documenti di spedizione che sono finiti chiaramente nelle mani di al-Nusra - documenti di cui la NATO e l'UE erano a conoscenza quando il trasferimento era stato originariamente fatto?
 
Scommetto che non lo sono. Perché non penso che né la NATO né l'UE abbiano il minimo interesse a rincorrere la provenienza di armi nelle mani dei combattenti islamici in Siria o in qualsiasi altro posto in Medio Oriente - certamente non nel caso di Damasco, dove l'occidente ha appena rinunciare al suo tentativo di spodestare Assad.
 
In effetti, in un panorama politico in cui il "cambio di regime" è diventato un obiettivo morale ed etico, non ci può essere un'indagine morale ed etica su come i mercanti della morte (i produttori) riescono a fornire ai fornitori della morte (gli assassini) i loro cannoni, mortai e artiglieria. E se qualche utente finale afferma che le "accuse" di terzi sono "vaghe e infondate" - sempre supponendo che le persone dicano che sono esse stesse "utenti finali" - questo, vi prometto, devono essere accettate come vere e senza risposta e altrettanto solide come l'acciaio di cui sono fatti i mortai.
 
 
Fonte: The Independent
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa