Russia, cosa prevede la proposta di legge per chi equipara l'Urss alla Germania nazista?

Russia, cosa prevede la proposta di legge per chi equipara l'Urss alla Germania nazista?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'equiparazione della leadership dell'Unione Sovietica con la Germania nazista di Adolf Hitler potrebbe portare ad arresti e multe salate in Russia, secondo i nuovi piani attualmente in fase di elaborazione dal parlamento russo per proteggere la memoria storica.

Mercoledì, i deputati della Duma di Stato hanno pubblicato una nuova bozza di legge sul sito web della camera bassa che vedrebbe chiunque equivalga le azioni dei due poteri storici affrontare sanzioni pecuniarie e persino il carcere.

Nel testo della proposta di legge, su cui voteranno i parlamentari, si legge: "Sono state apportate modifiche al Codice dei reati amministrativi, che propongono di stabilire la responsabilità per l'equazione pubblica del ruolo dell'URSS e della Germania nazista".

Il disegno di legge si rivolgerebbe a chiunque utilizzi "reti di informazione e telecomunicazioni, compreso Internet, identificando gli obiettivi, le decisioni e le azioni della leadership dell'URSS, o il comando e il personale militare dell'URSS, con gli obiettivi, le decisioni e le azioni della leadership della Germania nazista, o il comando e il personale militare della Germania nazista e dei paesi dell'Asse europeo, così come la negazione del ruolo decisivo del popolo sovietico nella sconfitta della Germania nazista e la missione umanitaria dell'URSS durante il liberazione dei paesi europei”.

In caso di approvazione, la legge prevede multe da 1.000 a 2.000 rubli (da $ 14 a $ 28), oltre all'arresto amministrativo fino a 15 giorni o essere multati da 10.000 a 50.000 ($ 142 a $ 710) se si tratta di una persona giuridica. I trasgressori recidivi potrebbero trovarsi di fronte a una fattura quasi doppia di tale importo o addirittura subire la sospensione dal lavoro fino a 90 giorni.

A luglio, il presidente russo Vladimir Putin ha firmato una legge che vieta l'equivalenza tra gli obiettivi e le azioni dell'URSS e quelli della Germania nazista durante la seconda guerra mondiale, o la negazione del ruolo dell'Unione Sovietica nella sconfitta del fascismo.

A febbraio, il deputato del Partito Comunista Valery Rashkin ha invitato le autorità ad agire contro il conduttore televisivo Vladimir Solovyov in base a disposizioni che vietano quella che viene descritta come "la riabilitazione del nazismo", dopo che ha elogiato Hitler paragonandolo al politico russo Alexey Navalny.

"Hitler era personalmente un uomo molto coraggioso", ha detto Solovyov. “In contrasto con questo Führer [Navalny], non ha schivato l'esercito. Ha combattuto e combattuto valorosamente durante la prima guerra mondiale”.

L'anno scorso, la deputata Elena Yampolskaya ha suggerito a Putin di portare avanti il ??disegno di legge, a seguito della pubblicazione di libri che, secondo i critici, avrebbero messo a confronto i due paesi. Ha spiegato che due testi stranieri pubblicati in Russia equiparavano l'URSS alla Germania nazista. Uno ha persino affermato che "i sovietici erano peggio dei nazisti".

"Sfortunatamente, nel nostro paese traduciamo e pubblichiamo cani così impudenti, privi di fondamento e offensivi", ha spiegato Yampolskaya. “Il primo libro ha avuto 45.000 copie pubblicate e il secondo 80.000. Entrambi sono apprezzati dai giovani”.

Mentre l'Armata Rossa ha respinto le truppe naziste da gran parte dell'Europa orientale, la memoria storica della successiva occupazione dell'URSS è un argomento controverso in un certo numero di paesi, tra i quali la Polonia e gli stati baltici. In alcuni casi, i monumenti ai liberatori sono stati abbattuti, mentre i personaggi locali che hanno combattuto con i nazisti sono stati celebrati.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti